Cane da Pastore di Brie

Cane da Pastore di Brie
Cane da Pastore di Brie

Esemplare di Cane da Pastore di Brie

Dati generali
Etimologia Brie è il nome della regione francese da cui ha origine
Genitori Antiche origini francesi
Presente in natura No
Longevità 10-12 anni
Impieghi Cane da guardia, Cane pastore
Taglia Media

Peloso, affettuoso e divertente. Tre parole per descrivere il cane pastore di Brie, una razza di origine francese dal carattere polivalente, che la rende adatta come animale da pastore, da guardia o semplicemente da compagnia.

Scheda informativa del Cane da Pastore di Brie
Anallergico No
Per bambini Va molto d’accordo con i bambini
Per anziani No, per il bisogno di esercizio
Con altri cani Socievole ma deve socializzare loro sin da cucciolo
Con gatti Se convivono sin dalla più tenera età
Rumoroso Moderatamente
Sport Esercizi fisici e mentali regolari

Origini storiche della razza

Conosciuto anche con i nomi di “Berger de Brie” o “Briard”, questo cane vanta origini piuttosto antiche, per quanto sia ancora indubbia la sua reale evoluzione. Una cosa potrebbe essere certa, ossia che il cane da pastore di Brie fosse già allevato ai tempi di Carlo Magno. C’è poi da considerare che un cane molto simile è stato rappresentato su di uno scudo risalente al 1371, conservato nella chiesa di Montdidier, il che dimostra che la razza ha effettivamente origini antiche. Nonostante questo, la prima descrizione del Berger de Brie è da datare al 1809 e lo standard di razza arriva addirittura circa un secolo più tardi.

Quanto alla sua genealogia, ci sono teorie diverse. Alcuni sostengono che si tratti di una razza autoctona, altri invece ritengono che sia stata importata in Francia in seguito alle migrazioni. A tal proposito, una teoria vuole che il cane da pastore di Brie discenda da un pastore tedesco di origine orientale, arrivato in Europa con alcune spedizioni commerciali e qui incrociato con un cane da pastore locale. Un’altra, invece, sostiene la somiglianza tra questo cane e il Pastore Bergamasco. E poi ancora un’altra lo vuole derivante dal Barbet. Insomma, teoria varie e confuse, che non riescono ancora a farci capire davvero quali siano le origini della razza. Una cosa è certa: è molto apprezzata nella sua terra d’origine, ma fatica ad avere successo altrove.

Prezzo

Il costo di un cucciolo, con tanto di Pedigree e provenienza da un allevamento certificato ENCI, oscilla tra gli 800 e i 1500 €.

Carattere

Il cane da pastore di Brie è un animale molto attivo ed energico, che ama giocare a qualunque età. Un eterno cucciolo, giocherellone ed affettuoso. In particolare, è un cane che ama stare spesso a contatto con il padrone, con cui instaura un legame forte, tanto da risultare persino invadente in alcune occasioni. A dispetto della sua stazza, questo è infatti un animale che ama vivere in famiglia, verso la quale dimostra sempre un atteggiamento fortemente protettivo. Anzi, proprio questo lato del carattere lo rende perfetto per i bambini, ma anche un ottimo aiuto nella Pet Theraphy.

E se è vero che è tanto legato alle persone con cui vive, è anche vero che si dimostra piuttosto sospettoso nei confronti degli estranei. Un lato del carattere che può essere smussato con una buona educazione. Infatti, la razza si dimostra intelligente e ben predisposta nei confronti dell’addestramento, pur considerando che si distingue per la personalità forte ed autonoma dei suoi esemplari. Seppur tenero, questo cane si dimostra molto equilibrato e in grado di prendere decisioni in maniera del tutto indipendente, il che ben spiega il suo ruolo di pastore conduttore di greggi.

Addestramento

Come già anticipato, il Berger de Brie si distingue per il suo carattere forte, che richiede pertanto un addestramento piuttosto rigoroso sin dai primi mesi di vita. In particolare, si dimostra molto diffidente nei confronti delle persone che non conosce e dei suoi simili, per cui dovrete lavorare molto sulla sua socializzazione, già da quando è cucciolo. Con il passare del tempo, scoprirete che il cane sarà meno diffidente e si abituerà a rapportarsi tranquillamente con tutti. Nella sua educazione, però, è importante che non demordiate e che insistiate affinché impari a comportarsi nel modo corretto.

Caratteristiche fisiche

Il cane da pastore di Brie si distingue per il suo aspetto molto caratteristico: ben proporzionato e muscoloso, è interamente ricoperto da peli lunghi, che arrivano perfino a nascondergli gli occhi.

Zampe

Gli arti possiedono una struttura ossea forte e una muscolatura potente. I piedi hanno una forma tondeggiante, ma sono forti, con suole dure e unghie di colore nero. Gli arti posteriori devono presentare un doppio sperone.

Corpo

La razza è caratterizzata da una corporatura muscolosa – soprattutto in corrispondenza degli arti posteriori – e forte, ma ben proporzionata. Il torace è largo e profondo, il dorso dritto e la groppa arrotondata.

Peso e altezza

Le misure della razza rispettano propriamente quelle di una taglia media. I maschi sono alti tra i 62 e i 68 cm, mentre le femmine oscillano tra i 56 e i 64 cm. Quanto al peso, entrambi i generi variano tra i 30 e i 40 Kg.

Testa

La testa è lunga e forte, completamente ricoperta di peli che vanno a formare barba, baffi e sopracciglia, che quasi tendono a nascondere gli occhi. La fronte è leggermente arrotondata, la canna nasale dritta e il tartufo ha una forma quasi più quadrata che rotonda, con narici ben aperte e caratteristico colore nero. Gli occhi sono piuttosto grandi, ben aperti, di colore scuro e dall’espressione intelligente. Lo standard di razza ammette che siano grigi (ma di una sola tonalità), ma non accetta che siano chiari. Le orecchie sono alte, non aderenti e portate erette.

Coda

Portata bassa, la coda è interamente ricoperta di pelo e forma un uncino all’estremità.

Pelo

Lungo, secco e flessuoso, con un sottopalco davvero leggero.

Colori

Tendenzialmente, il manto deve essere tendenzialmente di colorazione uniforme, fulvo o nero. L’importante è che il colore siano carichi, e mai slavato.

Cuccioli

Come già detto, il cane da pastore di Brie si distingue per il suo carattere giocherellone, ancora più evidente quando è cucciolo. Sarà quindi necessario che il cane faccia molta attività fisica sin da quando è piccolo, ma che sian anche stimolato mentalmente con giochi intelligenti e divertenti al tempo stesso. Inoltre, è importante che il piccolo socializzi con gli altri cani già dai primi mesi, essendo piuttosto sospettoso e scontroso nei confronti dei suoi simili.

Salute

In linea di massima, si tratta di un cane piuttosto robusto e sano, che ha un’aspettativa di vita di circa 11 anni. È un animale in grado di resistere al freddo e al caldo, che soffre di poche e rare patologie ereditarie. Tra queste, ci sono la displasia all’anca e sindrome da dilatazione/torsione gastrica. Ma il cane da pastore di Brie è anche soggetto alla cecità notturna, una patologia che consiste nella degenerazione precoce della retina, che porta così ad una diminuzione della vista di notte, e poi alla cecità.

Indicazioni sull’alimentazione

Per questo cane da pastore, è preferibile un’alimentazione a base di cereali, carne cruda e legumi. È importante che le dosi siano ben equilibrate, soprattutto considerando che il vostro amico a quattro zampe avrà bisogno di energia per praticare la giusta dose di attività fisica.

Toelettatura

Data la lunghezza del mantello e la sua particolarità, questa razza richiede cure davvero particolari. È importante quindi che lo spazzoliate ogni giorno, così da evitare nodi o altri problemi. Non ha problemi di muta.

Allevamenti

Nonostante si tratti di un cane molto apprezzato in Francia, in Italia sono molti gli allevamenti dove poter acquistare cuccioli di questa razza. In particolare, questi sono dislocati sull’intero territorio nazionale: in Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto.

È un cane d’appartamento?

Si tratta di un cane piuttosto grande, che ha bisogno di molta attività fisica, per cui soffre la vita in appartamento. Per lui è meglio una casa in campagna, dove può muoversi liberamente in ampi spazi aperti.

Curiosità

In passato, il cane da pastore di Brie è stato l’animale preferito di personaggi illustri. Ad esempio, l’attrice francese Gaby Morlay lo ha definito come “un cuore con il pelo intorno”.

Essendo un cane molto robusto e forte, in grado di percorrere fino ad 80 chilometri al giorno, è stato utilizzato come corriere nel corso della guerra.

Classificazione FCI – n. 113
Gruppo 1 Cani da pastore e bovari (esclusi bovari svizzeri)
Sezione 1 Cani da pastore
Standard n. 113 del 1897 (en fr)
Nome originale Berger de Brie, Briard
Origine Francia