Entrambi affermavano di esseri proprietari del cane e sono finiti in tribunale. Ma nessuno di loro aveva dei documenti per attestare la patria potestà. A quel punto il giudice ha deciso di fare una cosa insolita per determinare a chi appartenesse il cane

Amiamo le persone che considerano gli animali al pari degli esseri umani. E’ importante ricordare che gli animali, quanto noi, provano emozioni, sentimenti e sanno distinguere chiaramente il bene dal male.

Una persona che non smetteremo mai di ammirare è il giudice Cicconetti. Come risulta, questo famoso giudice ha un amore particolare per i nostri amici pelosi.

3

In una recente battaglia sulla custodia di un cane, il giudice fa davvero qualcosa di geniale! Due famiglie affermarono che quel cucciolo fosse il loro. Entrambe le parti hanno presentato le loro argomentazioi in tribunale.

Ma il giudice ha deciso che il modo migliore per scoprire la verità era chiedere proprio all’unico che poteva essere sincero fino in fondo: il cucciolo Baby Boy! Quando uno dei difensori lo portò in sala, la sentenza è divenuta perfettamente chiara.

5

Non è una cosa tenerissima da guardare!? È sicuramente una storia a lieto fine che ha portato a ricongiungere il vero proprietario al suo cucciolo. La donna dall’altra parte non voleva che il piccolo fosse liberato e, dopo la reazione di Baby Boy, ha affermato che “lo fa con tutti” ma non poteva essere vero!

2

L’amore dei cani è il sentimento più sincero al mondo. Possono essere amichevoli con tutti, ma la loro fedeltà è per sempre legata al loro padrone.

Siamo contenti che il vero proprietario abbia riportato a casa Baby Boy, scongiurandolo da ogni cattiva intenzione.

Ricordatevi di non acquistare mai i cani dai negozi o dai venditori illegittimi.

Il giudice Judy è conosciuta per la sua saggezza. In questo caso ha fatto “parlare” l’unico che poteva dirci la verità. I cani non mentono mai.

Se anche te sei rimasto senza parole condividi la storia con i tuoi amici !

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati