Buster, il cagnolino che ha avuto una seconda possibilità

Questo povero cagnolino, stava per morire, dopo che è stato investito da un'auto e nessuno gli ha prestato soccorso

La storia di questo cagnolino di nome Buster è iniziata nel peggiore dei modi, ma fortunatamente, si è conclusa diversamente e ha avuto una seconda possibilità. Un pirata della strada, lo ha investito e poi non gli ha prestato soccorso.

Tutto è iniziato quando un uomo di nome Aaron, un veterano, ha visto un piccolo Beagle steso sul ciglio della strada. L’uomo ha subito capito che quel cagnolino aveva bisogno di aiuto e stava sperando con tutto se stesso che fosse ancora vivo.

Così, ha accostato con l’auto e si è precipitato verso di lui. Il cagnolino, successivamente chiamato Buster respirava ancora. Era in pessime condizioni, ma il suo cuore batteva ancora e non aveva intenzione di fermarsi.

A quel punto Aaron ha capito che doveva fare in fretta. Perciò, ha presto il cagnolino, l’ha caricato in auto e lo ha portato nella clinica veterinaria più vicina. Purtroppo era davvero difficile salvarlo, ma il personale era determinato a farlo.

Buster aveva diverse fratture, e il suo destino sembrava ormai segnato. Dopo diversi giorni però, sembrava rispondere alle cure e lentamente si stava riprendendo. Aaron è rimasto sempre accanto a lui, a vedere tutti i suoi progressi.

Quando però è arrivato il momento di dimettere il piccolo Beagle, il veterano ha capito che non poteva tornare a casa senza di lui. Nessuno era andato a reclamarlo, perciò, Aaron ha deciso di adottarlo per sempre e dargli una seconda possibilità.

Grazie ad Aaron che non lo ha ignorato, questo cagnolino ha potuto ricevere le cure di cui necessitava. Non è stato un percorso semplice, ma ce l’ha fatta. Ora Buster e il veterano, si stanno godendo la vita insieme. Per quanto il cagnolino si sia rimesso alla perfezione, non diresti mai che ha fatto un incidente. Per fortuna, ha avuto anche il lieto fine che meritava!

LEGGI ANCHE: Patches, il cagnolino salvato da un tumore grazie ad una stampante 3D

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati