Il cagnolino che nessuno voleva perché “troppo tranquillo”, cambia la vita di un’anziana con l’Alzheimer

Questo cagnolino aveva passato molto tempo in canile dopo il suo incidente e nessuno lo voleva. Questo finché non è arrivata Érica

Érica Azzem, una donna di San Paolo, che vive nella città di Araraquara, ha avuto cani per tutta la vita; dopo la morte del suo cane di nome Thor di razza Labrador però, ha deciso di non averne un altro. La donna era molto dispiaciuta per la perdita e chi ha avuto la sfortuna di passare in una situazione simile non farà di certo difficoltà a capirla. Un giorno però, grazie a delle ricerche in rete, Érica ha scoperto che un grande giovamento per la madre affetta da Alzheimer poteva essere proprio la presenza in casa di un animale domestico.

cane aiuta anziana con alzheimer

Andando contro alla sua promessa, Érica ha quindi deciso, nel 2018, di adottare un nuovo cagnolino nella speranza di aiutare sua madre. Érica ha raccontato di essere andata alla Clinica Siciliano, che appartiene al canile della città, alla ricerca di una femmina, ma il destino invece l’ha fatta innamorare di un maschietto. Entrando nella struttura, si è imbattuta subito in un cane tranquillo e abbattuto, il volontario le ha persino detto: “Non credo che lo vorrai. Ha un intervento chirurgico alla gamba, non corre né salta“. Ma il ragazzo non poteva avere un’idea più sbagliata di così; fu quel cane di nome Bacalhau ad attirare l’attenzione di Érica.

LEGGI ANCHE: Cane sul davanzale rischia di cadere giù: come il corriere salva Lucy arrampicandosi

Il piccolo aveva una storia difficile alle spalle; era stato investito e abbandonato in strada e una volta arrivato alla clinica, i medici avevano scoperto una brutta infezione da miasi. Una volta operato il piccolo era rimasto bloccato in canile; nessuno lo voleva a causa dei suoi problemi fisici.

cane aiuta anziana con alzheimer

Per Érica il piccolo era perfetto; la ragazza infatti voleva un cagnolino tranquillo che facesse compagnia alla mamma senza rischiare di farla cadere o adoperare troppo per le sue marachelle. “Ha cambiato la routine in casa, ha contribuito a ridurre l’apparente apatia derivante dall’Alzheimer in mia madre, ci accoglie sempre felice“, ha raccontato la giovane.

LEGGI ANCHE: Cane randagio non vuole essere salvato, ma la soccorritrice non demorde

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati