Cane abbandonato con il libretto delle vaccinazioni al collo

cane-abbandonato-con-il-libretto-delle-vaccinazioni-al-collo

Crediamo sempre che ci sia un limite all’assurdità, ma puntualmente finiamo sempre col sbagliarci. Questa volta infatti racconteremo la storia a dir poco assurda del cane Melo, anzi del cucciolo Melo, perché qualcuno l’ha già abbandonato in tenera età.

Cane abbandonato con il libretto delle vaccinazioni al collo

Questa volta la cattiveria e la poca sensibilità umana prendono forma in Spagna, nella zona di Los Garres (Murcia). Qui nella terra iberica qualcuno ha avuto il coraggio di abbandonare un piccolo cucciolo insieme al suo libretto delle vaccinazioni.

Il documento era legato al collo del piccolo, quasi come un cartello pubblicitario, proprio per questo la storia del cane Melo ci fa rimanere a bocca aperta, tutto ci sembra grottesco, al limite del normale, quando invece è tutta realtà, una cruda realtà.

I soccorritori non hanno trovato sul libretto dati che potessero ricondurre a chi è stato capace di abbandonare il povero cucciolo. Per fortuna la storia si è risolta in uno dei modi più in voga al momento, grazie ai social.

Cane abbandonato con il libretto delle vaccinazioni al collo

La sua sfortunata esperienza è diventata immediatamente virale, e grazie anche a delle bellissime foto che lo ritraggono energico e assolutamente in buona salute qualcuno ha risposto all’appello.

A dar notizie è stato proprio il suo ex proprietario che ha raccontato tutta la vicenda per filo e per segno. L’uomo racconta come Melo sia uno dei cuccioli dati in adozione da lui stesso dopo il parto della sua cagnolina di due anni.

Sempre l’uomo continua dicendo come una famiglia, all’apparenza perfetta per il cucciolo, abbia recapitato una richiesta d’adozione.

Cane abbandonato con il libretto delle vaccinazioni al collo

L’uomo ha pensato che quella fosse la famiglia adatta per Melo e si è fidato, dandolo a loro in adozione. Mai scelta fu più errata. Naturalmente i colpevoli della storia sono da ricercare in quella famiglia.

Ora sappiamo che tutto è andato per il verso giusto, Melo sta benissimo e già questo è un gran passo avanti. Per di più è stato riaccolto nella sua prima famiglia, l’uomo che ha raccontato la storia è rimasto colpito della vicenda del cucciolo ed ha deciso di riprenderlo con se. Quindi buona fortuna Melo.