Cane fa da testimone di nozze dopo essere stato adottato

cane-scelto-come-testimone-di-un-matrimonio

Christopher McCarron, un uomo scozzese di 69 anni, ha attraversato qualche mese fa il momento più difficile della sua vita, ossia la perdita di un figlio. L’uomo però non si sarebbe mai immaginato che un cane avrebbe stravolto in meglio la sua vita.

Cane fa da testimone di nozze dopo essere stato adottato

Naturalmente Christopher ha vissuto malissimo il periodo post scomparsa del figlio, l’accaduto ha fatto entrare l’uomo in un forte stato depressivo. Per cercare di alleviare leggermente il dolore l’uomo decise di adottare un cane in un rifugio della sua zona.

Christopher scelse Jack, un Rottweiler di 6 anni che rubò immediatamente il cuore dell’uomo. Subito, alla prima uscita dei due, accadde qualcosa di magico; Christopher incontrò una donna di nome Margaret grazie a Jack.

La stessa donna era alla ricerca di un cane da adottare e questo aiutò molto i due neo-conoscenti. Fin dal primo momento ci fu attrazione fra i due, questo li portò ad amarsi e a compiere il passo più grande di tutti: sposarsi.

Cane fa da testimone di nozze dopo essere stato adottato

Al matrimonio però ci fu una sorpresa che stupì tutti i presenti, Jack fece il testimone. Il cane che aveva reso possibile la relazione fra Chris e Margaret veniva ripagato dal proprietario con un ruolo di primaria importanza.

Il Rottweiler si è presentato a tutti nel migliore dei modi, elegantissimo con uno smoking nero accompagnato da una cravatta niente male, e con un pizzico di carisma che non guasta mai.

Durante le nozze Jack si comportò egregiamente, non fece rumore, rimase sempre composto nella sua posizione e non diede assolutamente fastidio a nessuno. Il cane è stato protagonista anche di un bellissimo episodio che ha fatto sorridere tutti i presenti.

Cane fa da testimone di nozze dopo essere stato adottato

Al momento del fatidico “si, lo voglio” pronunciato da Christopher, Jack ha starnutito, quasi come segno di approvazione. Vogliamo credere che sia stato un gesto assolutamente volontario che ha anche commosso per la sua tempistica.

Una cosa oggi è sicura, Jack ha rappresentato e rappresenta ancora la colonna portante di questa relazione, senza di lui tutto questo non sarebbe stato possibile.