Cani ospitati nel centro commerciale durante il rigido inverno

Ogni tanto qualcuno dimentica che i cani sono creature viventi e come tali hanno delle necessità basilari che permettono la loro sopravvivenza. Una di queste necessità è quella di trovare un riparo quando fuori è da gelarsi per le temperature rigide.

istanbul-freddo

Ciò vale per ogni cane randagio al mondo, che sfortunatamente non ha una casa nella quale ripararsi. Perciò non di rado alcuni di questi cani meno fortunati non resistono e soccombono a causa della morsa del freddo.

Nell’enorme città turca di Istanbul, l’inverno è particolarmente rigido e il freddo si fa sentire e come in determinati periodi dell’anno. Le temperature non permettono di stare troppo tempo scoperti all’esterno, prima o poi si deve cercare un riparo.

Alcuni commercianti, consapevoli della situazione dei cani randagi in città, hanno pensato bene di trovare una soluzione. Accogliere alcuni di questi cani bisognosi così da garantirgli un posto dove stare durante la notte, dell’acqua, cibo e delle coperte.

istanbul-cani-centro-commerciale

Un’iniziativa meravigliosa, presa da alcuni buon samaritani che non hanno saputo dire di no a dei cani in evidente difficoltà. Queste persone sono volute rimanere anonime, ma per loro hanno parlato i titolari del centro commerciale.

Anche loro si sono detti completamente favorevoli a questa temporanea soluzione, anche se ciò avrebbe comportato in qualche modo lo sfavore di alcuni clienti.

istanbul-cani-negozio

In effetti qualcuno ha storto il naso dopo aver udito della vicenda, ma la vita di questi cani randagi è più importante di alcune opinioni.

Addirittura un negozio d’abbigliamento femminile ha accolto i cani all’interno del negozio stesso. Questi cani hanno portato una ventata di gioia e allegria fra le vetrine dell’attività; in molti hanno apprezzato questa presa di posizione.

istanbul-cane

Questi fatti fanno riflettere; Ci sono persone davvero buone al mondo, pronte a sacrificare un po’ del loro spazio pur di far stare bene dei cani meno fortunati di altri. Speriamo che la vicenda sia d’esempio.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati