Cocker Spaniel Americano

Cocker Spaniel Americano
Cocker Spaniel Americano

Esemplare di Cocker Spaniel Americano

Dati generali
Etimologia Nome di origine britannica, viene dalla “beccaccia“, in inglese “woodcock“, uccello che questa tipologia di cane era abituata a cacciare
Genitori Selezionato dal Cocker Spaniel Inglese
Presente in natura No
Longevità 12-15 anni
Impieghi Cane da compagnia, cane da caccia
Taglia Piccola

Il Cocker Spaniel Americano, come indica il suo stesso nome, è una razza tipica degli Stati Uniti dove venne distinto dal Cocker Spaniel Inglese soltanto nel 1945.

La razza dei Cocker Spaniel Americani è riconosciuta dalla FCI, la federazione internazionale delle associazioni di allevatori canini, ed è inserita nel gruppo 8, quello dei cani da riporto, da cerca e da acqua.

Si tratta di uno dei cani più diffusi nelle case degli americani per il loro temperamento gentile e amorevole da perfetto cane da compagnia.

Scheda informativa del Cocker Spaniel Americano
Anallergico No
Per bambini Sì, socievole e affettuoso
Per anziani No, per il bisogno di movimento all’aperto
Con altri cani Socievole e tollerante
Con gatti Riesce a conviverci in armonia, specie se abituato da piccolo
Rumoroso Poco rumoroso
Sport Agility test di caccia, flyball o tracking

ORIGINI STORICHE DELLA RAZZA

Il Cocker Spaniel Americano discende dai Cocker Spaniel Inglesi, conosciuti sia come cani da caccia alla beccaccia sia come cani da compagnia, soprattutto nella loro versione toy. A sua volta l’identificazione di Spaniel indica la sua provenienza dalla Spagna.

Intorno alla fine del 1870 la razza fu importata negli Stati Uniti. In particolare fu un esemplare bianco di nome Capitano il primo esemplare ad essere giunto negli Usa. Il Cocker Spaniel guadagnò progressivamente grande popolarità e con il tempo gli allevatori americani iniziarono a preferire la tipologia più piccola e compatta, diversa rispetto alla razza originaria proveniente dall’Inghilterra.

Nel 1936, un gruppo di allevatori di Cocker inglesi formò un club specializzato chiamato English Cocker Spaniel Club of America, e ottennero il riconoscimento dall’AKC per il Cocker Spaniel Inglese.

Tre anni dopo, nel 1939, ad attirare la fama sulla versione americana fu un esemplare di nome Brucie che riuscì a vincere il Best American Bred in Show al prestigioso Westminster Dog Show. Ma non solo, quest’evento convinse gli allevatori a concentrarsi sulle caratteristiche di questa razza che fu distinta definitivamente dai cugini inglesi nel 1945.

PREZZO

Il prezzo di un esemplare di Cocker Spaniel Americano proveniente da un allevamento certificato può oscillare dai 600 euro ai 1300 euro.

CARATTERE

Il Cocker Spaniel Americano è un cane dolce e amorevole, conosciuto anche per essere un gran coccolone, tranquillo, ma allo stesso tempo anche molto allegro, vivace ed intelligente. Ama stare in famiglia e partecipare ad ogni attività che gli propone il suo padrone ma, si badi bene, sempre con dolcezza. Si tratta infatti di un cane molto sensibile che non reagisce bene ad imposizioni e rimproveri.

Nonostante i loro antenati venissero impiegati come cani da caccia, i Cocker Spaniel americani sono ottimi cani da compagnia tanto da andare molto d’accordo anche con i bambini purché i contatti vengano vigilati. Come accennato, questi esemplari sono molto delicati e rischiano di soffrire in caso di approcci troppo energici da parte dei piccoli di casa.

I Cocker Spaniel americani inoltre sono socievoli e vanno d’accordo con gli estranei, non sono mai aggressivi e sono ben disposti al contatto soprattutto se accompagnato da abbondanti coccole. Lo stesso vale per gli altri animali: convivono perfettamente, sia in casa che fuori anche con altri cani e con i gatti.

ADDESTRAMENTO

I Cocker Spaniel americani sono molto facili da addestrare per la loro spiccata intelligenza e per la particolare propensione al rapporto con il proprio amico umano.

Ed è per questo che non servono metodi troppo severi con questi quattro zampe ma possono essere educati con il rinforzo positivo a suon di coccole e ricompense. Per abituare il tuo esemplare a vivere in casa, nonostante sia qualcosa che davvero adora, puoi anche provare l’addestramento alla cassa.

Il percorso di addestramento, come quello di socializzazione, deve avvenire fin da cuccioli. Anche se si tratta di cani molto socievoli, è bene abituarli già nei primi mesi di vita a luoghi affollati, al contatto con gli estranei e con altri cani in modo che non cresca diventando pauroso o ansioso.

CARATTERISTICHE FISICHE

I Cocker Spaniel americani sono cani di piccola taglia con un’aspettativa di vita di circa 12-15 anni.

Zampe

Le zampe dei Cocker Spaniel americani sono relativamente corte ma sono molto agili, veloci e resistenti tanto che questi cani sono anche impiegati nella caccia alla selvaggina e ai volatili.

Corpo

Il corpo di questi cani è corto ma allo stesso tempo robusto, compatto e abbastanza equilibrato.

Peso e altezza

Il perso dei Cocker Spaniel americani oscilla, sia nel caso degli esemplari maschili che per quelli femminili, dai 7 ai 14 chili. L’altezza al garrese invece è di circa 34-36 centimetri nelle femmine e di 37-39 centimetri nei maschi.

Testa

La testa è di piccole dimensioni, leggermente cesellata e con un muso relativamente corto che termina con un piccolo tartufo nero o marroncino. Gli occhi sono grandi e leggermente a mandorla. La peculiarità sono le sue orecchie grandi che ricadono sulle guance e sono ricoperte interamente di pelo.

Coda

La coda è in linea con la schiena ma si contorce quando il cane è in azione o in allerta.

Pelo

Il pelo è spesso, talvolta ondulato, corto sulla testa e sulla schiena e lungo sulle orecchie, sul petto, sulla pancia e sulle gambe.

Colori

Il mantello può essere a tinta unita, nero o crema chiaro da rosso a marrone, o bicolore: bianco e nero focato, nero e bianco, rosso e bianco, marrone e bianco.

CUCCIOLI

I cuccioli di Cocker Spaniel americani possono assumere atteggiamenti errati se non addestrati e socializzati immediatamente. Ciò vuol dire che, attraverso metodi educativi delicati ma coerenti, si possono ottenere anche dai più piccoli ottimi e immediati risultati.

Inoltre, i cuccioli devono essere esposti a situazioni e persone differenti per abituarsi progressivamente agli estranei e a luoghi diversi da casa.

Allo stesso modo è consigliabile abituarli anche alla toelattura in modo tale che la accettino come parte della routine quotidiana anche in età adulta senza sviluppare atteggiamenti aggressivi di risposta.

Infine, è bene curare l’alimentazione fin dai primi mesi di vita per far sì che i cuccioli di Cocker Spaniel non vadano incontro, anche successivamente, a sovrappeso e obesità.

SALUTE

I Cocker Spaniel americani sono cani hanno un punto debole: sono infatti particolarmente soggetti a malattie degli occhi. Una di queste è l’atrofia retinica progressiva, ossia una malattia degenerativa delle cellule della retina che progredisce fino alla cecità.

Gli esemplari di questa razza possono anche soffrire di cataratta che si manifesta con vista offuscata nel cane: l’occhio appare come ricoperto da un film grigiastro che con il tempo diventa sempre più bianco. Infine questi cani possono anche essere colpiti da glaucoma, condizione che causa un aumento della pressione oculare. È necessario quindi consultare il veterinario nel caso in cui il Cocker americano manifestasse arrossamento degli occhi o tendesse a strofinarsi spesso.

I Cocker spaniel americani possono anche essere caratterizzati da AIHA, cioè l’anemia emolitica autoimmune, in cui il sistema immunitario del cane attacca le sue stesse cellule del sangue. I sintomi più comuni sono gengive pallide, affaticamento e qualche volta anche ittero. Anche un addome gonfio può essere indicativo, poiché segnala un ingrossamento del fegato.

Tra i disturbi di cui possono soffrire i cani di questa razza c’è anche l’ipotiroidismo che colpisce la ghiandola tiroidea e si manifesta con sintomi come epilessia, perdita di pelo, obesità, letargia, macchie scure sulla pelle. Caratteristica della razza anche l’epilessia idiopatica, malattia spesso ereditaria che convulsioni da lievi a gravi. Ma, dal momento che le convulsioni possono essere causate da altre condizioni come disturbi metabolici, malattie che colpiscono il cervello, tumori, esposizione a veleni o gravi lesioni alla testa, è sempre bene consultare il veterinario per comprendere la reale origine del disturbo.

Il Cocker Spaniel americano può soffrire anche di seborrea primaria, cioè un malattia cutanea causata dalla sovrapproduzione di cellule della pelle, tra cui anche quelle sebacee che rendono la pelle grassa, squamosa e dal cattivo odore.

Tra le malattie ossee di cui possono soffrire i cani della razza ricordiamo la displasia dell’anca caratterizzata da un errato posizionamento dell’articolazione che provoca dolore, zoppia e, nei casi più gravi, artrite. Ma questi cani possono andare incontro anche a lussazione della rotula per cui l’articolazione del ginocchio (spesso di una zampa posteriore) scorre fuori posto, causando dolore e nel caso più grave può provocare la paralisi.

Le allergie sono molto comuni tra questi cani come quelle di tipo alimentare, da contatto per esempio a causa di prodotti utilizzati, o inalanti causate da allergeni presenti nell’aria come polline, polvere, muffa.

Indicazioni sull’alimentazione

Il Cocker Spaniel americano non si accontenta mai del cibo e non farà che chiederne in continuazione. Per evitare un aumento di peso eccessivo bisogna quindi valutare le giuste quantità di cibo da somministrare al cane fin da cucciolo, che sia cibo secco o cibo umido preparato in casa.

La quantità di cibo consigliata a questi esemplari è di circa 240 grammi di croccantini con l’aggiunta di un 10% di umido e da suddividere in due pasti bilanciati.

Toelettatura

Il pelo del Cocker Spaniel americano ha bisogno di cure costanti e accurate tanto che è sempre più frequenti che ci si rivolga a toelettatori professionisti che possano fare il bagno e spazzolare il mantello di questi esemplari ogni 6-8 settimane.

Anche la spazzolatura quotidiana a casa è necessaria per evitare che si formino sul mantello grovigli o nodi di pelo. In alcuni casi per facilitare la cura del manto di questi cani, il pelo può anche essere tagliato corto. La toelettatura è comunque ogni 6-8 settimane per mantenere il cane sempre pulito e in buone condizioni.

Il Cocker Spaniel deve essere introdotto alla toelettatura presto per fare in modo che, anche da adulto, possa accettarla come momento abituale della sua routine quotidiana.

Data infatti la sua indole sensibile, è consigliabile un’introduzione precoce in modo che impari ad accettare la manipolazione, la spazzolatura, il rumore dei tagliaunghie elettrici, le forbici, la pulizia delle orecchie e tutti gli altri gesti previsti per la cura estetica.

Le unghie devono essere tagliate una volta al mese (o durante le sessioni di toelettatura) e le orecchie devono essere controllate una volta alla settimana per verificare la presenza di sporcizia, rossore o un cattivo odore che può indicare la presenza di un’infezione. Il Cocker Spaniel americano è infatti soggetto ad infezioni alle orecchie, quindi è essenziale essere attenti a sintomi e segnali.

È consigliabile quindi pulire le orecchie settimanalmente con un batuffolo di cotone inumidito con un detergente delicato e con ph bilanciato per evitare problemi di arrossamenti.

Per evitare che il Cocker Spaniel americano si sporchi o bagni frequentemente le orecchie, metti a sua disposizione ciotole profonde e strette in modo che possa sia mangiare che bere protetti. In alcuni casi è anche utile utilizzare delle sciarpe imbottite anche durante le passeggiate.

ALLEVAMENTI

Il Cocker Spaniel americano è molto apprezzato in Italia tanto che esistono da Nord a Sud ben 14 quelli con certificato Enci.

Proprio perché così diffuso, assicuratevi che l’esemplare che intendete acquistare sia in buono stato di salute accertato da regolari documenti sanitari adeguatamente compilati e aggiornati. E soprattutto fate in modo di affidarvi ad allevatori certificati.

È UN CANE D’APPARTAMENTO?

Il Cocker Spaniel americano può vivere perfettamente in appartamento poiché ama condividere gli spazi con la propria famiglia. Questi esemplari si adattano anche alla vita in condominio perché non tendono ad abbaiare se non in casi eccezionali.

Nonostante ciò i cani della razza hanno bisogno di passeggiate quotidiane e attività quotidiane ma non di avere spazi molto ampi o di vivere all’aperto. Una corsa giornaliera nel cortile e una camminata veloce di trenta minuti possono bastare per renderlo felice e mantenerlo in forma.

Ricorda infatti che, nonostante il loro aspetto, questi cani erano impiegati nella caccia. Sono quindi portati per svariati sport come i percorsi di agility test di caccia, flyball o tracking.

Ai Cocker Spaniel americani non piace però essere lasciati soli per troppo tempo sia a casa che all’aperto. Questo può spingerli, come nel caso di prolungati periodi di inattività, a comportamenti distruttivi come scavare e masticare freneticamente o abbaiare.

CURIOSITÀ

I Cocker Spaniel americano, per la sua indole di cane da caccia, durante la passeggiata può avere l’istinto ad inseguire uccelli e altri animali di piccola taglia. Per evitare che fugga tienilo al guinzaglio a meno che non vi troviate in ​​un’area recintata.

Nel 1878, quella dei Cocker Spaniel americani fu una delle prime nove razze ad essere state registrate dall’American Kennel Club e riconosciuta ufficialmente dopo la fondazione del Club nel 1884.

Questa razza è una delle più popolari negli Stati Uniti.

Classificazione FCI

Classificazione FCI – n. 167
Gruppo 8 Cani da riporto, cani da cerca e cani d’acqua
Sezione 2 Cani da cerca
Standard n. 167 del 17 maggio 1993 (en )
Nome originale American Cocker Spaniel
Origine Stati Uniti