Haldenstovare

Haldenstovare
cane di razza Haldenstovare

Esemplare di Haldenstovare

Dati generali
Etimologia Il nome significa, letteralmente, Segugio di Halden
Genitori La razza deriva da quelle del distretto di Ostfold, incrociate con Bearle Harrier, Foxhound e il “Bearle Inglese
Presente in natura No
Longevità 11-13 anni
Impieghi Cane da caccia, cane da compagnia
Taglia Media

L’Haldenstovare, detto anche Segugio di Halden, è un cane di taglia media, dal carattere forte e fiero: gli esemplari di questa razza sono molto intelligenti e sono contraddistinti da un temperamento equilibrato e mansueto.

Come suggerisce il suo stesso nome, questo cane è originario della città di Halden, in Norvegia, dove è apparso per la prima volta agli inizi del XX secolo.

È un esemplare particolarmente resistente e rapido, capace di rincorrere le prede su lunghe distanze. Ha un carattere molto gentile e affettuoso ma si lega ad un solo padrone e questo non lo rende adatto alla vita in famiglia.

La sua diffusione, anche nella sua terra d’origine, è molto modesta, a differenza dell’Hygen e del Dunker, che sono i segugi norvegesi da lepre più diffusi

Scheda informativa del Haldenstovare
Anallergico No
Per bambini Sì, sa essere un buon cane da famiglia ma deve essere ben educato da cucciolo
Per anziani Sì, se garantito l’esercizio necessario
Con altri cani Sì, se abituato da cucciolo
Con gatti Meglio fare attenzione al suo istinto predatorio
Rumoroso Moderatamente
Sport Venatori, frequenti passeggiate

 

Origini storiche della razza

L’allevamento dell’Haldenstovare ha origine, come abbiamo già detto, in Norvegia, e più precisamente nella contea di Ostfold, nel 1860.

Il creatore di questa razza fu un agricoltore di nome Hans Larsen Bisseberg: proprio per questo motivo il nome originario della razza era Bisseberghund. Negli anni questo esemplare ricevette numerosi appellativi, tra cui il più noto Ankerstover. Il nome che ha oggi, Haldenstovare, apparve per la volta nel 1938.

La razza deriva da quelle del distretto di Ostfold, che, a loro volta, furono incrociate in tempi antichi probabilmente con i Bearle Harrier, il Foxhound e il Bearle inglese, come confermano le numerose caratteristiche che questo cane condivide con le razze appena citate, come il colore del mantello e la corporatura.

La diffusione dell’Haldenstovare è molto limitata perfino nel suo paese d’origine, dove si contano pochi esemplari; niente a confronto delle altre due razze locali, l’Hygen e il Dunker.

Prezzo

È molto difficile determinare il prezzo di un cucciolo di Haldenstovare: anche in Norvegia gli esemplari sono davvero limitati, quindi per acquistarne uno sarebbe opportuno recarsi nel paese d’origine.

Purtroppo nel nostro paese non risultano allevamenti approvati dall’ENCI, né esemplari registrati.

Carattere

Come già accennato, l’Haldenstovare ha un temperamento stabile e mansueto: è amorevole, affettuoso e gentile, un compagno piacevole che però risulta inadatto alla vita in famiglia perché riconosce un solo padrone.

Cacciatore per definizione, è un segugio che lavora da solo e mai in muta, deve essere addestrato per una sola tipologia di preda, che rimarrà sempre quella per tutta la sua attività. Risulta un ottimo compagno di lavoro, molto affidabile.

Molto intelligente, dotato di un olfatto sopraffino e di una vista perfetta, l’Haldenstovare ha zampe lunghe che gli permettono un’ottima mobilità sulla neve, e muscoli decisi che gli forniscono una grande resistenza su qualunque altro tipo di terreno.

Molto distaccato e sospettoso di natura, è un ottimo guardiano, caratteristica che lo porta ad essere molto diffidente con gli estranei. Dal carattere indipendente e autonomo, si affeziona a un solo padrone e non è fatto per la vita in famiglia: essendo un animale dal temperamento solitario e svincolato dal padrone, questo gli permette di sopportare molto bene le assenze del suo umano di riferimento.

Può convivere con altri cani solo se socializzato fin da cucciolo; per quanto riguarda i bambini, nonostante il suo carattere gentile e amichevole, non è un cane adatto ai più piccoli.

Addestramento

Come molti segugi, l’Haldenstovare riconosce un solo padrone. Risulta essere un cane molto intelligente, predisposto all’apprendimento, ma non è un esemplare facile da educare per dei padroni che non hanno grande esperienza: necessita infatti un addestramento deciso e risoluto.

Estremamente indipendente e poco propenso alla vita in famiglia, non è adatto come primo cane: necessita di un’educazione coerente, ferma e precoce, la sua natura indipendente, infatti, potrebbe renderlo ancora più testardo. Per addestrarlo risulta una strategia vincente quella del rinforzo positivo: i premi e le leccornie sono utili per ottenere risultati da questo cane dal carattere forte.

È un cane che è stato selezionato negli anni per essere un buon ausiliario dell’uomo. Diventa infatti un esemplare mansueto, devoto e fedele quando raggiunge un livello di alta complicità con il padrone: come molti segugi mostrerà la sua indole dolce e ubbidiente solo alla persona che riconosce come padrone.

È in grado di lavorare anche con condizioni climatiche avverse, lavora molto bene anche con la neve. In generale è un cane dotato di un ottimo carattere, dal temperamento equilibrato e bonario e si fa apprezzare per la dedizione che mette nel lavoro.

Caratteristiche fisiche

L’Haldenstovare è un cane di taglia media, un tipico segugio: la sua figura può essere inscritta in un rettangolo.

È una razza molto ben proporzionata, in possesso di una struttura muscolo-scheletrica solida e robusta ma non pesante. Gli arti si muovono parallelamente, consentendo un’andatura dall’aspetto leggero.

Zampe

Gli arti anteriori, sono asciutti, di buona ossatura, hanno scapola lunga e muscolosa con avambraccio diritto e pulito.

Gli arti posteriori sono caratterizzati da un buona lunghezza e da cosce ampie e muscolose. I piedi sono di moderata grandezza, con unghie scure e cuscinetti plantari duri e resistenti, con peli spessi che crescono tra le dita.

La forma del piede aiuta a mantenere il cane caldo e gli conferisce maggiore stabilità durante la caccia su terreni accidentati coperti di neve.

Corpo

La corporatura dell’Haldenstovare è ben proporzionata, dall’aspetto forte e fiero, ma mai pesante, ha una struttura robusta e molto solida.

Peso e altezza

L’Haldenstovare ha un’altezza che va dai 52 ai 60 cm per gli esemplari maschi, tra i 50 e i 58 cm per le femmine. Il peso può oscillare tra i 18 e i 24 kg.

Testa

La testa di questo segugio è di grandezza media, pulita e proporzionata al resto del corpo. Il cranio appare bombato, il muso ha canna nasale diritta con tartufo di colore nero con narici aperte.

Gli occhi, di grandezza media, sono di colore marrone scuro e hanno un’espressione calma e tranquilla, le orecchie, non sono inserite né troppo alte né troppo basse e dovrebbero arrivare, se tirate in avanti, a metà del muso.

Coda

La coda, inserita a media altezza, è abbastanza spessa e portata bassa.

Pelo

L’Haldenstovare è un cane a pelo corto, molto fitto e dritto, ruvido al tatto. Il sottopelo è particolarmente denso e corposo, per proteggerlo dal freddo della Norvegia.

Colori

Il colore del mantello dell’Haldenstovare, per gli standard di razza, è bianco con macchie nere, con sfumature di abbronzatura su testa e zampe. Il nero non deve prevalere.

Cuccioli

Fin da piccolo l’Haldenstovare mostra il suo carattere forte e stabile, lo mantiene fino a quando non diventa adulto, ma è il temperamento indipendente può portarlo, se non guidato sin da subito, a diventare molto testardo. È bene quindi indirizzarlo, fin dai primi mesi di vita, ad un addestramento fermo e risoluto.

Come tutti i cuccioli, questo esemplare ha anche un’indole molto giocherellona: è un cane attivo ed energico già da piccolo, per questo è importante indirizzarlo in attività di gioco stimolanti, soprattutto per l’olfatto, data la sua natura di segugio e di cane da caccia.

Salute

L’Haldenstovare ha un’aspettativa di vita dagli 11 ai 13 anni: è un cane molto robusto, e non si ammala facilmente. Non necessita di particolari cure e la sua salute è piuttosto forte, non soffre di patologie congenite o problemi strutturali.

È una razza che resiste molto bene al freddo e alle intemperie, e ha bisogno di costante movimento data la sua natura di cane da caccia.

Indicazioni sull’alimentazione

L’alimentazione dell’Haldenstovare, che per sua natura deve resistere a temperature rigide, deve essere abbondante, varia e molto equilibrata.

L’apporto proteico infatti è importante per lo sviluppo della massa muscolare. Ovviamente si deve tener conto della sua attività giornaliera, specialmente nei periodi di caccia.

Toelettatura

Il mantello di questa razza richiede particolari attenzioni: ovviamente va spazzolato con costanza, almeno una volta a settimana, per eliminare il pelo morto in eccesso (soprattutto nei periodi di muta) e mantenerlo lucente.

Allevamenti

Come già accennato, l’Haldenstovare nel nostro paese è un cane quasi sconosciuto, come in tutto il resto del mondo. Perfino in Norvegia gli esemplari sono davvero limitati.

Trovarne un esemplare da poter acquistare non risulta facile, bisognerebbe necessariamente contattare un allevamento norvegese.

Ma dobbiamo ricordare che i cani del Nord hanno molte difficoltà ad adattarsi ad un clima come il nostro. Inoltre in Italia non risultano allevamenti approvati dall’ENCI.

È un cane d’appartamento?

Come si può facilmente intuire, l’Haldenstovare non è adatto alla vita cittadina e a vivere in un appartamento: ha bisogno di una casa con giardino o, meglio ancora, di vivere in campagna per esprimere al meglio tutte le potenzialità da cane da caccia.

L’Haldenstovare non è adatto a un padrone pigro e sedentario: è un cane attivo, energico, resistente, che ha un bisogno costante di movimento. Questa razza necessita di lunghe passeggiate e di grandi spazi per correre in libertà e sfogare l’energia che si accumula durante la giornata.

Del resto è un cane da caccia e da traccia, che ama molto stare all’aria aperta, che sopporta molto bene anche le temperature più rigide e può cacciare anche in presenza di neve.

Curiosità

Nonostante sia quasi sicuramente la razza di segugi norvegesi più antica, lo standard dell’Haldenstovare è stato ufficialmente riconosciuto dalla FCI in tempi relativamente recenti, soltanto nel 1966. Il primo club è stato fondato nel 1982.

Classificazione FCI – n. 267
Gruppo 6 Segugi e cani per pista di sangue
Sezione 1 Cani da seguita
Sottosezione 1.1 Di media taglia
Standard n. 267 del 09/08/1999 (en)
Nome originale Haldenstøver
Tipo Cani da seguita
Origine Norvegia