Segugio Italiano

Segugio Italiano
Segugio Italiano

Esemplare di Segugio Italiano

Dati generali
Etimologia Il nome indica lo stato di origine e la tipologia
Genitori Probabile autoctono italiano
Presente in natura No
Longevità 12-14 anni
Impieghi Cane da caccia
Taglia Media

Il Segugio italiano è un cane da caccia che, come suggerisce il nome, ha origini italiane, famoso per essere il cane da caccia per eccellenza in grado di cacciare lepri e cinghiali.

Scheda informativa del Segugio Italiano
Anallergico No
Per bambini Non molto socievole, in generale, se non con i suoi simili. Ma se rispettato il rapporto è possibile anche con i più piccoli
Per anziani No, per il bisogno di esercizio
Con altri cani Socievole, abituato a cacciare in gruppo
Con gatti Preferibile che crescano insieme per favorire il rapporto
Rumoroso Lo è particolarmente, soprattutto quando caccia
Sport Venatori, attività all’aperto e possibilmente in campagna, canicross, tracking

Origini storiche della razza

Le origini del Segugio italiano sono molto dibattute, ma tutti sono d’accordo sul fatto che questa sia una razza molto antica; le fonti vorrebbero che questa razza sia il frutto dell’incrocio del Segugio da corsa egiziano con Malosso romano, incrocio avvenuto in Gallia. Tuttavia le testimonianze dirette e indirette sono pressoché e risulta impossibile essere totalmente certi di tali origini.

Prezzo

Il prezzo del Segugio italiano ha un prezzo base di 700€ e può raggiungere anche i 1.500€.

Carattere

Il Segugio italiano è un cane diffidente e tendenzialmente schivo; non ama particolarmente il contatto con gli estranei. Sono particolarmente felici quando vanno a cacciare e in particolar modo quando riescono a catturare la preda. Fuori la caccia, questi cani non risultano per nulla aggressivi e vanno d’accordo in particolar modo con i bambini della famiglia, anche se non sono cani che possono essere definiti “coccoloni”. Sono parecchio testardi ed è consigliabile non lasciarlo libero nelle aree urbane per evitare che possa scappare e possa rischiare di essere investito. Fortunatamente non hanno particolari problemi con gli altri cani e si trovano perfettamente d’accordo con altri esemplari della stessa razza; con le altre razze risulta amichevole e socievole.

Addestramento

Addestrare il Segugio italiano potrebbe risultare a tratti problematico per la sua testardaggine, per questo risulta necessario iniziar in tempi molto brevi le fasi di addestramento, per evitare che si possano sorgere problemi con il passare del tempo. Risulta quindi necessario iniziare con i comandi base del cane, per poi aumentare con la difficoltà degli esercizi. È consigliato utilizzare degli snack premio per aumentare il rinforzo positivo del cane e per riuscire a migliorare la concentrazione del cane.

Caratteristiche fisiche

Il Segugio italiano è una razza medio – grande, è dotato di fisico asciutto forte e muscoloso; ha una struttura mesomorfa, ovvero è dotato di ossa di medie dimensioni, ha un tronco soluto e poco grasso corporeo. Sono cani con una grandissima resistenza, in grado di sopportare ore intere di lavoro, senza mai vacillare. Esistono due varianti di Segugio italiano, uno a pelo lungo e uno a pelo corto, entrambi hanno la stessa struttura mesomorfa ed entrambi hanno più o meno le stesse caratteristiche fisiche

Zampe

Le zampe sono forti e muscolose sia quelle anteriori che quelle posteriori, i gomiti sono ben allineati con il resto del corpo e le cosce delle zampe posteriori risultano particolare larghe e altrettanto muscolose. I piedi sono forti con le dita ben proporzionate e i cuscinetti sono forti e di colore nero come le unghie.

Corpo

Il corpo del Segugio italiano è dotato di un’ottima muscolatura e di una forte ossatura; ha un fisico molto asciutto e completamente privo di grasso. È parecchio veloce e risulta praticamente instancabile

Peso e altezza

L’altezza del Segugio italiano maschio va dai 52 ai 58 cm, mentre per le femmine questa va dai 48 ai 56 cm; per quanto riguarda il peso per i maschi e per le femmine si aggira tra i 18 e i 28 kg.

Testa

Il cranio ha una forma ovale, le arcate sopracciliari sono poco sviluppate, il naso ha una forma di parallelepipedo con le narici ben aperte e sempre di colore nero. Le labbra sono fini e sottili, le guance piatte e sottili, i denti sono perfettamente allineati e gli occhi sono grandi e di colore ocra scuro. Le orecchie sono a forma triangolare, sono piatte ma allo stesso tempo larghe e il collo è leggermente convesso.

Coda

La coda ha un’attaccatura alta ed è sulla linea della groppa; è piccola alla radice e poi risulta essere uniforme in tutta la sua lunghezza a tal punto da assomigliare ad un grissino. In fase di riposo questa risulta pendente, mentre quando il cane è in movimento, la cosa può superare la linea del dorso.

Pelo

Esistono, come già accennato, due varianti di Segugio italiano, uno a pelo lungo e uno a pelo raso; il segugio a pelo raso ha il pelo che non supera i 5 cm, il pelo risulta più duro e ruvido; il Segugio italiano a pelo lungo ha il pelo che supera i 5 cm e risulta più morbido e folto.

Colori

È possibile trovare il Segugio italiano nelle seguenti colorazioni; rosso, fulvo e nero e alcuni esemplari possono presentare marcature bicolori o anche tricolori. Questa razza è anche accettata con un unico colore.

Cuccioli

I cuccioli necessitano di parecchio esercizio fisico e di parecchie attenzioni per evitare che possano scappare, spinti dall’istinto innato di caccia. La socializzazione precoce e l’addestramento risultano indispensabili già delle prime settimane di vita.

Salute

Il Segugio italiano non soffre di malattie particolari e solitamente gode di ottima salute, tuttavia potrebbe soffrire di otite, ovvero di un’infiammazione che può essere più o meno interna e che può colpire o un orecchio o entrambe le orecchie. Inoltre è fondamentale controllare molto spesso se il cane è affetto da eventuali parassiti come pulci o zecche, visto e considerato che questa razza tende stare moltissimo all’aperto. Un’attenzione particolare deve essere rivolta ai forasacchi, le spighe che quando si seccano possono inserirsi all’interno delle orecchie o del naso del cane e che possono compromettere la salute del peloso.

Indicazioni sull’alimentazione

Il Segugio italiano per l’eccessivo movimento che fa quotidianamente necessita delle giuste dosi di proteine e carboidrati; possono mangiare sia cibo secco, come croccanti e crocchette, che cibo cucinato in casa. Risulta comunque necessario chiedere il parere del veterinario che potrà consigliare una dieta specifica per questa razza, prendendo in considerazione una serie di variabili.

Toelettatura

Questi cani non necessitano di cure particolari, risulterà bastevole la spazzolatura del pelo ogni due settimane e un bagno mensile, i lavaggi ovviamente possono essere fatti ogni qualvolta il cane risulta essere eccessivamente sporco a causa del costante movimento nel terreno. È tuttavia fondamentale asciugare correttamente il pelo e prestare particolare attenzione all’asciugatura delle orecchie per evitare l’insorgenza di eventuali otiti, a cui, come accennato, sono predisposti. Inoltre è consigliabile una pulizia giornaliera delle orecchie per evitare che si possano annidare incrostazioni e sporcizie visto che questi cani hanno le orecchie basse e tendono ad odorare continuamente il terreno.

Allevamenti

In Italia sono presenti diversi allevamenti del Segugio italiano; è possibile trovarli in Veneto, in Umbria, Toscana, Sardegna, Piemonte, nelle Marche, in Lombardia, Liguria, nel Lazio, in Emilia Romagna, Calabria e Abruzzo. Sul sito dell’Enci è possibile consultare l’allevamento più vicino alla propria posizione geografica.

È un cane d’appartamento?

Il Segugio italiano non è un cane che riesce a vivere in appartamento; questi cani necessitano di parecchio spazio in cui svagarsi e gli spazi ristretti di un appartamento potrebbero renderlo irrequieto e particolarmente depresso, per non parlare dei numerosi che potrebbe fare all’interno della casa.

Curiosità

L’antenato di questo segugio diede origine all’attuale Segugio italiano, mantenendo inalterate caratteristiche fisiche e caratteriali.

Classificazione FCI – n. 337
Gruppo 6 Segugi e cani per pista di sangue
Sezione 1 Cani da seguita
Sottosezione 1.2 Di taglia media
Standard n. 337 del 27/11/1989 (en)
Nome originale Segugio italiano
Origine Gallia, (Incrocio tra: Segugio da corsa egiziano e Molosso romano)