Spaniel Olandese

Spaniel Olandese
esemplare di Spaniel Olandese

Esemplare di Spaniel Olandese

Dati generali
Etimologia Il nome ne descrive l’origine e la tipologia
Genitori Antica razza di origine olandese
Presente in natura No
Longevità 12-15 anni
Impieghi Cane da compagnia, cane da caccia
Taglia Media

Lo Spaniel olandese è considerato un cane da caccia, impiegato per cacciare piccoli mammiferi e uccelli d’acqua.

Come suggerisce il nome questo proviene dall’Olanda e in particolar modo dalla Frisia, una provincia che si trova nella parte settentrionale dei Paesi Bassi.

Scheda informativa del Spaniel Olandese
Anallergico No
Per bambini Non troppo adatto ai bambini, va data molta attenzione al suo rapporto con loro
Per anziani No, per il bisogno di esercizio
Con altri cani Va regolarmente abituato, sin da cucciolo, alla socializzazione per garantire un buon rapporto con i suoi simili
Con gatti Se abituati da cuccioli sapranno socializzare bene con i felini di casa
Rumoroso Moderatamente, lo fa di norma per avvisare la presenza di intrusi
Sport Venatori, lunghe passeggiate e attività ludiche regolari

Origini storiche della razza

Le origini dello Spaniel olandese non sono ancora ben chiare e ci le fonti non sono del tutto lineari, tuttavia si suppone che questi nacquero circa 400 anni fa attraverso un accoppiamento tra un cane zingaro e un frisone indigeno, cane che adesso risulterebbe estinto.

Durante la Seconda guerra mondiale lo Spaniel olandese ha rischiato l’estinzione; fortunatamente però un gruppo di allevatori è stato in grado di salvare la specie, anche se tutt’ora non c’è un quantitativo elevato di cani di questa razza.

In ogni caso, lo Spaniel olandese è stato ufficialmente riconosciuto dalla Federazione Cynologique Interationale e dalla United Kennel Club.

Prezzo

Risulta pressoché impossibile stimare un prezzare per questi cani; questo perché sono cani parecchio rari non solo nel nostro Paese, ma anche nel resto del mondo.

Inoltre quasi tutti gli allevamenti si trovano nel territorio natio di questi cani e ogni allevamento fa un prezzo differente dagli altri.

Carattere

Questi cani nascono come cani da caccia non solo per l’aspetto fisico, ma soprattutto per il loro carattere; sono cani molto determinati, ostinati e non indietreggiano dinanzi ai pericoli.

Hanno un’intelligenza spiccata e possono essere anche dei veri testardi; tuttavia sono parecchio affettuosi, soprattutto con i membri della propria famiglia che sono pronti a difendere in qualsiasi momento.

Possono andare d’accordo anche con altri animali domestici e sono premurosi nei confronti dei bambini; sono diffidenti nei confronti degli estranei, giusto il tempo di prendere confidenza.

Addestramento

Addestrare uno Spaniel olandese non è particolarmente complicato; saranno necessari però più sessioni giornaliere di esercizi.

Uniche sessioni quotidiane ma prolungate possono stressare il cane e possono fargli dimenticare le cose apprese. È possibile inoltre avallarsi del supporto di snack premio, in grado di aumentare i rinforzi positivi del peloso.

Caratteristiche fisiche

Questi cani sono ben compatti e molto muscolosi; fortunatamente non risultano pesanti e quindi neanche difficile da gestire e da accudire.

Zampe

Le zampe sono particolarmente forti; per quanto riguarda quelle anteriori, queste sono caratterizzate da scapole che aderiscono perfettamente al torace, inclinate e perfettamente angolate. I piedi sono rotondi, con le dita ben sviluppate, i cuscinetti sono spessi e forti e le unghie sono altrettanto forti e nere. Per quanto riguarda le zampe posteriori, queste risultano altrettanto forti e moderatamente angolate; le cosce non risultano eccessivamente lunghe, i metacarpi erano corti e i piedi sono uguali esattamente a quelli delle zampe anteriori.

Corpo

Lo Spaniel olandese è un cane di taglia media e ha un corpo ben proporzionato, con costituzione parecchio solida, anche se non risulta essere pesante.

Peso e altezza

Per quanto il peso, questo si aggira tra i 25 e i 35 kg, mentre per quanto riguarda l’altezza, questa varia dai 52 ai 62 cm; le femmine tuttavia tendono ad essere leggermente più basse e a pesare meno dei maschi.

Testa

La testa è proporzionata al resto del corpo, è snella e non particolarmente grossa, il naso è caratterizzato da narici piuttosto larghe ed è di colore nero; le labbra sono in linea con la faccia e la dentatura risulta parecchio robusta. Gli occhi sono grandi anche se non sono sporgenti; sono di colore marrone e donano un’espressività molto marcata.

Coda

La coda dello Spaniel olandese risulta a spirale e parecchio arrotolata; anche questa è dotata di folto pelo. Quando il cane è a riposo la coda tende a stare a penzoloni anche se una sorta di arrotolamento della punta resta comunque.

Pelo

Il pelo in tutto il corpo è riccio ad eccezione della testa e degli arti; i ricci sono caratterizzati da ciuffi molto spessi, tuttavia il cane con il pelo lanoso e sottile risulta essere un grandissimo difetto, questo perché il pelo è ruvido e spesso.

Colori

È possibile trovare lo Spaniel olandese nei seguenti colori: nero o marrone, unica tinta o con macchie bianche; nelle zone bianche tuttavia sono ammesse delle striature di colore scuro, tendenzialmente di colore nero.

Cuccioli

I cuccioli sono molto iperattivi e richiedono parecchie attenzioni; necessitano tuttavia di una socializzazione precoce per evitare che possano avere problemi con altri animali, soprattutto se si ha l’intenzione di prendere diversi cani.

Salute

Lo Spaniel olandese non ha grossi problemi di salute, infatti non sono state rilevate malattie genetiche o di tipo ereditario; le visite di routine del veterinario risultano quindi bastevoli, soprattutto se non sorgono problematicità di tipo esterno.

Indicazioni sull’alimentazione

Lo Spaniel olandese non ha grossi problemi di alimentazione; questi infatti possono mangiare sia il cibo secco e le crocchette, sia il cibo cucinato in casa; risulta fondamentale però che gli ingredienti siano di alta qualità. È consigliabile inoltre somministrare al cane il cibo due volte al giorno e non una; infine è fondamentale che ogni alimento sia consigliato o accettato dal veterinario, che potrà anche stilare una dieta specifica, prendendo in considerazione una serie di fattori, quali età, stato clinico e stile di vita.

Toelettatura

Il loro pelo necessita di qualche spazzolatura in più, rispetto alle altre razze; è consigliabile infatti spazzolare lo Spaniel olandese circa due o tre volte alla settimana, per evitare che il pelo possa arruffarsi e che si possano creare nodi, che poi risulta parecchio ostico eliminare, se non con il taglio del pelo stesso. È possibile però lavare il pelo del cane anche una volta al mese o ogni due mesi, dipende dalle esigenze del cane.

Allevamenti

Secondo il sito Enci non risultano in Italia allevamenti che si occupano di questa razza; il motivo risiede nella rarità di questi cani che sono considerati rari anche nel proprio Paese natio.

È un cane d’appartamento?

Lo Spaniel olandese potrebbe vivere in appartamento, anche se nasce come cane da caccia; è tuttavia indispensabile garantire delle sessioni giornaliere di gioco e almeno una passeggiata giornaliera di circa un’ora; questo per evitare che il cane possa stressarsi a causa del poco spazio all’interno della casa. L’ideale sarebbe una cosa con giardino, ma se questo risulta impossibile, i consigli sopra menzionati risultano bastevoli.

Curiosità

In origine era un grandissimo cacciatore di lontre, invece oggi viene impiegato più che altro per cacciare nelle paludi.

Classificazione FCI – n. 221
Gruppo 8 Cani da riporto, cani da cerca e cani da acqua
Sezione 3A Cani da acqua
Standard n. 221 del 05/02/1999 (en)
Nome originale Wetterhoun
Tipo Cani da seguita
Origine Olanda