Spitz Tedesco

Spitz Tedesco

Esemplare di Spitz Tedesco

Dati generali
Etimologia Il nome ne indica le origini e la tipologia
Genitori Diretto discendente del Canis familiaris palustris rutimeyer
Presente in natura No
Longevità 12-16 anni
Impieghi Cane da compagnia
Taglia Piccola

Lo Spitz Tedesco è una delle razze più antiche dell’Europa centrale e ne esistono cinque diverse tipologie: nano, piccolo, medio, grande e gigante.

La razza degli Spitz Tedeschi è riconosciuta dalla FCI, la federazione internazionale delle associazioni di allevatori canini, ed è inserita nel gruppo 5, quello dei cani di tipo spitz e tipo primitivo.

Gli esemplari di questa razza sono molto diffusi e apprezzati nel mondo per il loro pelo morbido e l’espressione furba che li contraddistingue.

Scheda informativa del Spitz Tedesco
Anallergico No
Per bambini Adatto ai bambini che sanno rispettarlo
Per anziani Se portato regolarmente a passeggiare può abituarsi ad una vita tranquilla
Con altri cani Molto socievoli se abituati a socializzare precocemente
Con gatti Convivenza armoniosa specie se cresciuti insieme
Rumoroso Abbaia molto, soprattutto se non istruito a dovere
Sport Esercizi per tenerlo attivo, passeggiate quotidiane e agility

ORIGINI STORICHE DELLA RAZZA

Come anticipato, lo Spitz Tedesco è una delle razze più antiche in Europa tanto che si pensa possa discendere dal Cane della Torba vissuto nella Preistoria, periodo durante il quale sembrerebbe che venissero impiegati come cani da guardia e da protezione.

La prima menzione però della razza che conosciamo avvenne intorno al 1450 da parte del conte tedesco Eberhard Zu Sayn che ne elogiava il coraggio e l’istinto protettivo nei confronti del proprietario, della propria casa e dei campi.

Ma venivano impiegati anche dai pescatori come cani da guardia a merci e barche e nelle fattorie per avvisare gli agricoltori della presenza di intrusi nelle vicinanze. Gli Spitz Tedeschi erano molto diffusi nella provincia della Pomerania, situata sul bordo meridionale del Mar Baltico vicino a quella che oggi è la Germania e la Polonia.

Gli Spitz tedeschi era molto popolari in Inghilterra soprattutto tra i membri della famiglia reale e la nobiltà tanto che re Giorgio I e la moglie possedevano diversi esemplari della razza.

Durante la prima guerra mondiale questi cani hanno rischiato l’estinzione ma grazie al recupero di alcuni allevatori è stato possibile riprendere la loro diffusione.

PREZZO

Il prezzo di un esemplare di Spitz tedesco proveniente da un allevamento certificato è di circa 700 euro.

CARATTERE

Lo Spitz tedesco è un cane molto dolce e affettuoso, soprattutto con la sua famiglia che desidera sempre compiacere. Ma è anche un cane, per così dire, “egocentrico” perché ama davvero stare al centro dell’attenzione e ricevere ogni tipo di cura possibile. Nonostante siano impiegati principalmente come cani da compagnia, sono anche cani molto energici, allegri, vivaci e attivi a cui piace giocare e correre.

Ed è per questo che amano convivere con i bambini con cui possono darsi a giochi sfrenati. Attenzione però perché si tratta anche di animali delicati e di piccole dimensioni che possono anche essere feriti e dunque è importante vigilare o comunque scegliere questa razza se in casa non si hanno bimbi troppo piccoli.

Gli Spitz tedeschi, è giusto sottolinearlo, non sono cani particolarmente socievoli, motivo per cui non vanno particolarmente d’accordo con gli estranei verso i quali non temono di abbaiare per farli allontanare, tanto che spesso vengono scelti come cani da guardia.

Come accennato, gli Spitz tedeschi vorrebbero essere gli unici su cui concentrare ogni attenzione e per questo motivo non sono ben disposti a condividere lo spazio con altri animali, che siano cani o gatti. C’è però un rimedio e non si tratta di una condizione assoluta in quanto alcuni esemplari della razza se abituati gradualmente – e in questo caso la socializzazione precoce può essere un valido aiuto – possono imparare a vivere con altri quattrozampe.

ADDESTRAMENTO

Gli Spitz tedeschi sono cani furbi e intelligenti ma al contempo sono anche parecchio testardi. Per questo hanno bisogno fin da subito di un addestramento costante e coerente perché possano sviluppare ogni aspetto del loro carattere e possano diventare obbedienti senza lasciare spazio a comportamenti sbagliati.

La strategia giusta dunque è quella del rinforzo positivo con coccole, carezze e ricompense gustose che possano piacere al cucciolo. Al contrario, a causa della loro indole decisa, potrebbero reagire negativamente. In alternativa è possibile anche contattare un addestratore capace di trovare il metodo giusto per educare lo Spitz tedesco in maniera corretta e completa.

Allo stesso tempo è utile iniziare fin dai primi mesi di vita un percorso di socializzazione che permetta al cane di questa razza di non diventare troppo aggressivo nei confronti degli estranei o di altri animali qualora ve ne fossero altri in casa.

CARATTERISTICHE FISICHE

Lo Spitz tedesco presenta cinque taglie (nano, piccolo, medio, grande, gigante) ed ha un’aspettativa di vita di circa 12-16.

Zampe

Le zampe anteriori sono dritte e larghe. Le posteriori sono muscolose e resistenti, ricoperte di pelo fino al garrese.

Corpo

Gli Spitz tedeschi presentano un corpo robusto e compatto e proporzionato su tutta la sua lunghezza.

Peso e altezza

Il peso degli esemplari della razza è compreso tra i 7 e gli 11 chili. L’altezza al garrese invece oscilla dai 30 ai 38 centimetri.

Testa

La testa degli Spitz è ampia nella parte posteriore mentre si assottiglia verso la punta del muso con un tartufo che può essere nero o marrone. Le orecchie sono a punta, piccole e triangolari. Il collo è di media lunghezza e ricoperto di folto pelo.

Coda

La coda è di media lunghezza, presenta un’attaccatura alta, si arriccia verso il dorso ed è interamente ricoperta di pelo.

Pelo

Il pelo è liscio, sottile, folto e morbido.

Colori

I colori ammessi sono vari: bianco, nero, marrone, arancio, fulvo, crema o grigio.

CUCCIOLI

I cuccioli di Spitz tedesco sono allegri e vivaci ma anche testardi e per questo necessitano fin dai primi mesi di vita di addestramento e di un percorso di socializzazione che possa farli entrare in contatto con animali diversi e con persone esterne alla famiglia e per far prendere loro confidenza con situazioni e condizioni differenti.

Inoltre si tratta di cani che tendono ad ingrassare e per questo la loro alimentazione deve essere bilanciata ed equilibrata anche da cuccioli e adeguata ad ogni fase della crescita.

SALUTE

Lo Spitz tedesco è sicuramente un cane robusto e resistente che però, al contempo, può presentare qualche malattia particolare. Gli esemplari di questa razza sono soggetti al collasso tracheale per cui si verifica uno schiacciamento che provoca un errato afflusso di aria ai polmoni. Per questo motivo si tratta di una patologia conosciuta come sindrome di insufficienza respiratoria.

Gli Spitz sono soggetti anche a malattie ossee come la lussazione della rotula provocata da un errato posizionamento della rotula all’interno del solco del femore che può provocare dolore e zoppia.

Un’altra malattia caratteristica di questa razza è l’atrofia retinica progressiva che causa una graduale perdita della vista nel cane ma anche la presenza di cataratta.

Tra i disturbi che caratterizzano gli esemplari di questa razza si inserisce anche l’epilessia.

Indicazioni sull’alimentazione

Come accennato, gli Spitz tedeschi sono cani che tendono a mettere su peso. Per questo motivo necessitano di una dieta ben misurata in base all’età ma anche all’attività quotidiana svolta.

Gli esemplari di questa razza possono consumare sia un’alimentazione a base di crocchette e cibo secco sia a base di cibo umido e di pappe preparate in casa. Per questo motivo la quantità di croccantini consigliata da suddividere in due momenti della giornata e a cui si può aggiungere un 10% di riso, verdure o carne preferibilmente bianca, è di circa 210 grammi.

Toelettatura

Il pelo degli Spitz tedeschi è delicato e ha dunque bisogno di una cura periodica. È importante spazzolare il mantello anche giornalmente per evitare che si formino nodi e grovigli di pelo. Un consiglio che vale soprattutto se il cane è destinato a show ed esposizioni.

Anche i bagni devono essere frequenti, fissati ogni mese e mezzo o due mesi ma non prima per evitare che l’epidermide disperda i suoi oli naturali. Al contempo è importante verificare la presenza di parassiti o infezioni nelle orecchie da pulire due o tre volte a settimana e di tagliare almeno una volta al mese le unghie prima che diventino troppo lunghe e fastidiose per il cane.

Infine anche la salute orale ha bisogno di qualche attenzione in più: i denti dello Spitz tedesco infatti devono essere puliti ogni giorno in quanto si tratta di una razza soggetta a patologie orali.

ALLEVAMENTI

Gli Spitz tedeschi sono diffusissimi in tutta Italia tanto che esiste un allevamento quasi in ogni regione. L’Enci infatti conta ben 70 centri certificati con attestato di affidabilità.

In ogni caso è sempre opportuno richiedere i documenti sanitari del cucciolo e dei suoi genitori che possano certificare il buono stato di salute e confermino l’esecuzione dei corretti vaccini.

È UN CANE D’APPARTAMENTO?

Lo Spitz tedesco è sicuramente un cane da compagnia che può vivere in appartamento sia per la salute del suo folto pelo sia per il fantastico rapporto che è capace di creare con la sua famiglia. Unico dettaglio che potrebbe provocare qualche fastidio, se destinato a vivere in condominio, è la sua tendenza ad abbaiare frequentemente e rumorosamente.

Nonostante ciò si tratta di cani molto attivi ed energici che hanno bisogno di esercizio fisico costante come corse e giochi al parco o in giardini o anche almeno una lunga passeggiata al giorno.

CURIOSITÀ

La razza degli Spitz tedeschi includono anche i cani di razza Pomerania e Keeshond tanto che è noto il legame presente tra le tre razze. Come i Pomerania inoltre, considerata la loro intelligenza ma anche il loro portamento fiero ed elegante, anche gli esemplari di questa razza vengono fatti partecipare a show, spettacoli ed esposizioni.

Classificazione FCI – n. 97
Gruppo 5 Cani tipo spitz e tipo primitivo
Sezione 4A Spitz europei
Varietà
A – Wolfspitz
GA – Grande bianco
GB – Grande nero e marrone
MA – Medio bianco
MB – Medio nero o marrone
MC – Medio arancio, grigio o altri colori
N – Nano di tutti i colori
PA – Piccolo bianco
PB – Piccolo nero e marrone
PC – Piccolo arancio, grigio o altri colori
Standard n. 97 del 12/11/2019 (en)
Nome originale German Spitz
Tipo Spitz tedeschi
Origine Germania