Home Razze di cani Welsh Corgi (Cardigan)

Welsh Corgi (Cardigan)

Welsh Corgi (Cardigan)
Welsh Corgi varietà Cardigan

Esemplare di Welsh Corgi (Cardigan)

Dati generali
Etimologia Nome di origine britannica, possibili termini di origine sono “curre” o “cur dog“, vocabolo che significa “cane da lavoro” dal suono molto simile alla pronuncia gallese del termine Corgi. Il termine Cardigan, indica, appunto, l’area di origine.
Genitori Probabile autoctono inglese
Presente in natura No
Longevità 12-15 anni
Impieghi Cane da compagnia, cane pastore, cane da guardia e caccia
Taglia Piccola

Il Welsh Corgi Cardigan è una delle due varietà esistenti di Welsh Corgi, un’antica razza canina di origine britannica di piccola taglia in passato utilizzato nel Galles come cane da pastore e oggi celebre in tutto il mondo per essere il cane preferito dalla regina d’Inghilterra, Elisabetta II.

La peculiarità di questo cane risiede nel suo aspetto inconfondibile: un musetto allegro che trasmette un’incredibile gioia di vivere unito a un corpicino che sembra un salsicciotto con piccolissime zampe che gli conferiscono un’andatura buffissima.

Lo standard di razza è stato riconosciuto per la prima volta dal Kennel Club Inglese che nel 1934 decise di registrare come due razze distinte il Welsh Corgi Pembroke e il Welsh Corgi Cardigan. Successivamente fu registrato anche dalla FCI, la Federazione Internazionale che riunisce le associazioni degli allevatori canini, nel Gruppo 1 dei Cani da pastore e bovari che, fatta eccezione per i bovari svizzeri, sono tutti i cani da custodia e cura del gregge o del bestiame.

Scheda informativa del Welsh Corgi (Cardigan)
Anallergico No
Per bambini Sì, con la giusta educazione
Per anziani No, per il bisogno di esercizio
Con altri cani Socievole, molto attivo
Con gatti Tollerante: mai aggressivo con loro
Rumoroso Moderatamente
Sport Esercizi per tenerlo attivo, che contrastino la sedentarietà

Origini storiche della razza

Le origini del Welsh Corgi sono di certo molto antiche, tuttavia non si hanno informazioni precise e dettagliate sulla nascita di questa particolare razza canina. Secondo alcune testimonianze esisteva già circa 3000 anni fa, quando i Vichingi li importarono nella penisola britannica.

Incerta invece è la parentela con altre razze canine. Basandoci sull’aspetto e su alcune caratteristiche fisiche potremmo azzardare che il Welsh Corgi sia imparentato con il Dachshund tedesco, anche se i due cani hanno attitudini completamente diverse.

È molto probabile che il Welsh Corgi Cardigan, considerato il più antico tra i Corgi, discenda da un cane da pastore gallese incrociato con il Norsk Buhund e il Västgötaspets, entrambe razze canine portate sempre dai Vichinghi una volta insediatisi in Gran Bretagna.

Quel che è certo è che il Welsh Corgi Cardigan, così come il Pembroke, fu allevato in origine nelle terre del Galles dapprima per sorvegliare gli animali da cortile nelle fattorie delle lande gallesi e successivamente, intorno al Quindicesimo secolo, come cane guida per le mandrie di bovini.

È da questo momento che il Welsh Corgi inizia a diffondersi in tutto il Regno Unito, diventando un cane talmente richiesto da essere allevato intensivamente. A questo punto, tra un allevamento e l’altro, si distinsero le due diverse varietà Cardigan e Pembroke, che prendono il nome molto semplicemente dal luogo di provenienza.

Oggi il Welsh Corgi Cardigan, ma anche il Pembroke, è una razza canina conosciuta in tutto il mondo, Italia compresa, e questo grande successo lo si deve principalmente alla Regina d’Inghilterra, Elisabetta II, sin da adolescente appassionata di questi cani che ha scelto per tutta la sua vita come fedeli compagni da tener con sé a Buckingam Palace.

Prezzo

Il prezzo di un cucciolo di Welsh Corgi Cardigan si aggira tra i 1000 e 1500 euro tuttavia, data l’enorme richiesta di questa razza canina, è possibile trovarne anche esemplari che costino molto di più, tra i 2000 e i 2500 euro.

Carattere

Il Welsh Corgi Cardigan è un cane dal carattere molto allegro e vivace, un vero simpaticone: d’altronde basta guardarli negli occhi per essere travolti dal suo incredibile entusiasmo.

Nonostante in origine fosse un cane da pastore e mandriano, oggi questo piccolo pelosetto si conferma un ottimo cane da compagnia per le persone di tutte le età, anche per gli anziani ma soprattutto per i bambini, con i quali adora giocare e correre spensierato.

Si tratta di un cane che dimostra una spiccata intelligenza in qualsiasi cosa faccia, oltre che una gentilezza davvero fuori dal comune. È un cane fondamentalmente tranquillo e molto buono che va d’accordo proprio con tutti.

Addestramento

L’addestramento del Welsh Corgi Cardigan deve iniziare sin dalla più tenera età perché la razza è stata allevata nel tempo per avere istintivamente una certa diffidenza nei confronti degli estranei. Ciò si tradurrebbe una volta che l’esemplare è cresciuto in un problema anche solo per chi volesse portare il piccolo Corgi a fare una passeggiata al parco.

Dunque è fondamentale che il padrone non si lasci intenerire dall’aspetto tenero e coccolone di questo cane, che sappia mantenere un polso fermo e deciso senza farsi sopraffare da tutto il suo entusiasmo (e a volte testardaggine).

In generale non è particolarmente difficile addestrare un Corgi, di sicuro non è impossibile. Altri due punti fondamentali su cui concentrarsi in fase di addestramento sono la tendenza ad abbaiare a tutto ciò che sia estraneo (e vivente) e soprattutto l’istinto di radunare i capi tipico del pastore, che lo porta spesso a mordere le gambe degli sconosciuti.

Caratteristiche fisiche

Il Welsh Corgi Cardigan ha un aspetto inconfondibile: il corpo più lungo che alto, con le zampe molto corte e un muso che esprime allegria e gioia di vivere. Questa conformazione gli conferisce un’andatura davvero buffa, semplicemente irresistibile. Si differenzia dal Welsh Corgi Pembroke esclusivamente per via delle orecchie più lunghe.

Zampe

Le zampe sono corte e decisamente sproporzionate al resto del corpo ma forti e massicce con piedi rotondi e cuscinetti duri.

Corpo

Il corpo è lungo e robusto, moderatamente largo e con il torace profondo. Nell’insieme gli conferisce quell’aspetto da “salsicciotto” che lo rende un cane a dir poco irresistibile.

Peso e altezza

Secondo lo standard di razza il peso ideale di un Welsh Corgi Cardigan si aggira in media tra i 10 e i 12 chilogrammi per gli esemplari maschi e tra i 9 e gli 11 chilogrammi per le femmine. Non c’è differenza tra i sessi, invece, per quanto riguarda l’altezza al garrese in media di 30 centimetri.

Testa

La testa all’apparenza è simile a quella di una volpe, con il cranio largo nello spazio tra le due orecchie e una leggera prominenza della zona al di sopra degli occhi. Il muso è lungo e affilato con un tartufo in genere di colore nero e con narici larghe. Gli occhi sono di media grandezza, ben distanti tra loro e scuri, mentre le orecchie sono di forma triangolare, larghe alla base e appuntite alle estremità, grandi in proporzione alla grandezza del cane. Sono, inoltre, il tratto che lo distingue dal Welsh Corgi Pembroke che le ha identiche ma di dimensioni più piccole.

Coda

La coda è di media lunghezza e con l’attaccatura all’altezza della linea dorsale, ricurva e molto simile a quella di una volpe.

Pelo

Il mantello del Welsh Corgi Cardigan può essere di media lunghezza oppure corto, in ogni caso è sempre dalla consistenza dura e liscio.

Colori

Lo standard di razza ammette tutti i colori a eccezione del bianco che può essere presente ma non deve mai predominare sugli altri.

Cuccioli

I cuccioli di Welsh Corgi Cardigan sono iperattivi e necessitano perciò di costante attenzione. Se manca loro la supervisione di un “adulto” possono diventare difficili da gestire dentro casa. È consigliabile che l’addestramento inizi sin dai primi mesi di vita per evitare che questi piccoli possano prendere il sopravvento sui padroni e soprattutto che abbiano difficoltà una volta adulti a socializzare con gli altri esseri umani o con gli altri animali, domestici e non.

Salute

Il Welsh Corgi Cardigan, come il Pembroke, è un cane che gode in genere di buona salute. Infatti è una razza canina particolarmente longeva che può vivere in media tra i 12 e i 14 anni.

Oltre all’alto rischio di obesità non sono state riscontrate malattie genetiche che possano minare la salute di questo cane, fatta eccezione per alcuni disturbi legati alle articolazioni come la displasia dell’anca o la mielopatia degenerativa, ovvero una grave patologia che colpisce il funzionamento del midollo spinale e che si manifesta con un’interruzione progressiva degli stimoli nervosi tra arti e cervello.

In alcuni casi è stata notata un’incidenza nella diagnosi di atrofia progressiva della retina e urolitiasi.

Indicazioni sull’alimentazione

Il Welsh Corgi Cardigan è un vero golosone, se potesse mangerebbe di tutto e in continuazione. Perciò dobbiamo tenere d’occhio la sua alimentazione onde evitare che possa incappare in problemi legati al sovrappeso o, peggio, all’obesità.

I pasti devono essere salutari e in quantità ridotte, senza eccedere mai con ingredienti grassi o ricchi di conservanti, difficilmente smaltibili dall’organismo. Ne bastano due che contengano le giuste quantità di carni bianche o rosse e di verdure, preferibilmente fresche e a crudo, evitando i cereali che sono difficili da assimilare. Possiamo integrare la dieta anche con croccantini confezionati, a patto però che siano di ottima qualità e che siano adatti a un cane di piccola taglia.

Toelettatura

Il Welsh Corgi Cardigan è un cane a pelo corto o di media lunghezza perciò non ha bisogno di una particolare manutenzione e basta spazzolarlo almeno un paio di volte alla settimana per mantenere il mantello lucido. È un cane di per sé molto pulito e non emana neanche un cattivo odore, quindi non è necessario fargli il bagno troppo spesso anche vivendo in appartamento.

Allevamenti

In Italia attualmente sono attivi due allevamenti di Welsh Corgi Cardigan certificati con regolare affisso ENCI, uno a Modena in Emilia Romagna e uno a Venezia in Veneto.

È un cane d’appartamento?

Il Welsh Corgi Cardigan è un cane perfetto per la vita in appartamento: è piccolo e non ha bisogno di molto spazio, è docile e sempre allegro e poi si trova bene con tutti, soprattutto con i bambini con i quali adora giocare.

Ciò non vuol dire che non abbia bisogno di uscire durante la giornata per una passeggiata o una corsetta al parco. Da una parte sta bene in casa, ma dall’altro è anche un cane molto energico e vitale che ha bisogno di giocare ed essere stimolato sia fisicamente che mentalmente.

Curiosità

In origine il Welsh Corgi Cardigan veniva chiamato Ci-llathed, che in gallese significa letteralmente “cane lungo una iarda”. Un nome che rispecchia una delle caratteristiche principali del Corgi che, appunto, misurandolo dalla punta del tartufo all’estremità della coda è lungo una iarda gallese.

Sempre parlando di nome, Welsh Corgi Cardigan indica i luoghi e l’utilizzo di origine di questo cane: welsh significa “gallese”; corgi è una parola composta da cor, che significa “riunire” o “tenere insieme”, e gi che significa “cane”; Cardigan, infine, si riferisce alla provincia di Cardiganshire da cui il cane proviene.

Classificazione FCI – n. 38
Gruppo 1 Cani da pastore e bovari (esclusi bovari svizzeri)
Sezione 1 Cani da pastore
Standard n. 38 del 07/02/2017 (en)
Nome originale Welsh Corgi (Cardigan)
Tipo Welsh Corgi
Origine Galles