Cuccioli di cane rinchiusi in allevamento illegale: sequestrati

I maltrattamenti non si esplicano solo con la violenza fisica, ma anche con l'illegalità, leggiamo insieme cosa è successo a Sessa Aurunca

Pensate sia incredibile il fatto che ancora oggi si debba assistere a queste scene? Ebbene, esistono ancora luoghi dove la legalità si deve fare strada. E questi luoghi sono proprio gli allevamenti abusivi. Infatti, la storia di cui vi parlerò oggi tratta di questi cuccioli di cane che sono rinchiusi in allevamento. Anche questa è una forma di illegalità e di maltrattamento nei confronti degli animali.

Venderli senza nessuna licenza per poterlo fare, trafficare con le loro vite. Anche questo significa maltrattarli, magari non dal punto di vista fisico, ma sicuramente non è una condizione che fa bene ai nostri piccoli amici a quattro zampe.

Questa storia ci deve far rendere conto di quanto sia importante denunciare qualsiasi forma di violenza che sia essa fisica, emotiva o che riguardi, appunto, la legalità. Appena ne abbiamo il minimo dubbio si devono avvertire le autorità in modo che possano fare il loro lavoro e che possano aiutarci a fare in modo che non si traffichi mai con la vita dei dolci pelosetti.

APPROFONDIMENTO: Labrador, tutto su questa razza: carattere, curiosità, consigli e cure

Questi cuccioli di cane rinchiusi in un allevamento illegale sono tutti Labrador, e ora sono sequestrati dalle autorità. I piccoli erano molti, pensate in tutto 26 cani Labrador, di cui 17 adulti e 9 cuccioli appena nati. Denunciarono il proprietario e ora dovrà risarcire la somma di 2.200 euro, per maltrattamento di animali e per non aver iscritto né l’allevamento né i piccoli pelosetti al registro anagrafi.

Il tutto accade in provincia di Caserta, dove la sezione dei carabinieri forestali di Sessa aurunca trova anche altre illegalità. Perché dagli stessi box, in cui risiedevano i cucciolotti, uscivano reflui in maniera incontrollata. Quindi la sua posizione è ancor di più aggravata dallo smaltimento illecito e deposito non autorizzato di rifiuti.

Insomma, la faccenda non gli è costata poco, ma sicuramente giustizia è stata fatta. Non è più possibile vedere situazioni di questo tipo.

LEGGI ANCHE: 22 cani salvati da un macello illegale in Cina: ci sono volute 17 ore

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati