Dieta barf per cani: cos’è? Fido può seguirla?

La dieta barf per cani divide gli esperti cinofili. Cerchiamo qui di fare un po' di ordine e chiarezza, ma l'ultima parola spetta al veterinario

cani e dieta barf

Sulla dieta barf per cani alcuni pensano che fosse l’alimentazione a cui i nostri amici a quattro zampe sarebbero stati destinati se non fossero stati addomesticati; altri invece pensano che il cibo secco sia la soluzione più indicata.

Dieta barf per cani: cos'è? Fido può seguirla?

Un’alimentazione crudista prevede carne non cotta (spesso organi e muscoli), ossa intere o schiacciate, frutta, verdura, uova crude e alcuni prodotti a base di latte (anche se bisogna fare attenzione a eventuali allergie perché il lattosio è tra i cibi proibiti).

I benefici

Nonostante ci siano voci discordanti in merito alla dieta barf per cani, qui di seguito elenchiamo i pro di un’alimentazione a base di cibo crudo:

  • Manto più lucido e brillante;
  • Pelle più sana;
  • Denti più puliti;
  • Maggiore energia;
  • Feci più piccole.

Dieta barf per cani: cos'è? Fido può seguirla?

Prima di prendere qualsiasi decisione, però, chiediamo consiglio al veterinario di fiducia: solo lui può fare una valutazione completa, analizzando il pregresso clinico e le caratteristiche del nostro amico a quattro zampe.

E i rischi?

Assolutamente contraria alla dieta barf per cani è l’American Veterinary Medical Association (AVMA). Citando una serie di ricerche, infatti, scoraggia l’assunzione di proteine animali crude o poco cotte perché possono contenere patogeni potenzialmente letali. Altri possibili svantaggi includono i batteri nella carne cruda; le ossa intere e il rischio di soffocamento; denti rotti o lesioni interne; il passaggio da cibo secco a crudo.

Dieta barf per cani: cos'è? Fido può seguirla?

Quest’ultimo infatti deve essere fatto attraverso un processo lento. Se notiamo poi che Fido non si sente bene, rallentiamo ancora di più, e riduciamo le dosi. Le diete crudiste, inoltre, sono sicure solo per i cani di età pari o superiore ai tre mesi. Ecco un possibile programma:

  • Primo giorno: solo acqua, niente cibo
  • Secondo giorno: un quarto di dieta a crudo e tre quarti di dieta regolare;
  • Terzo giorno: 50% dieta cruda e 50 di alimentazione regolare;
  • Quarto giorno: tre quarti di alimentazione barf e un quarto di quella standard;
  • Quinto giorno: solo dieta crudista.

Dividiamo la dose giornaliera in due pasti al giorno: uno al mattino e uno alla sera. Così ridurremo la possibilità di incorrere in malesseri e fastidi gastrointestinali.

Una ricetta esemplificativa

L’equilibrio nutrizionale varia in base alla razza e alle dimensioni del nostro Fido. La dieta barf per cani deve tenere conto anche di questo aspetto.

Ingredienti:

  • Poco più di un chilo di carne macinata di ottima qualità;
  • Un etto di fegatini di pollo;
  • Una carota tritata;
  • Una piccola mela;
  • Mezzo chilo di spinaci;
  • Due uova intere;
  • Un vasetto di yogurt bianco;
  • Un cucchiaio di semi di lino macinati;
  • Uno di olio d’oliva.

Dieta barf per cani: cos'è? Fido può seguirla?

Procedimento:
Mettere la carota, la mela e gli spinaci nel robot da cucina e tritarli finemente; aggiungere gli altri ingredienti a eccezione della carne e amalgamare bene il tutto; trasferire il composto in una ciotola grande e aggiungere la carne.

Formare delle polpettine dalle dimensioni del palmo di una mano, e posizionarle su una teglia rivestita da carta forno. Cucinarle a 180 gradi fino a cottura completa. Questa è un’ottima soluzione anche da congelare e tirare fuori all’occorrenza: meglio se la sera prima rispetto a quando è previsto che le polpette vengano cucinate.

Prodotti Consigliati dalla nostra Redazione: