I cani provano imbarazzo? In che forma?

I cani provano imbarazzo o è uno stato d'animo soltanto umano? Molti studiosi si sono interrogati sulla questione ed ecco cosa hanno scoperto

Una toelettatura “bizzarra” o un attività che non è proprio nelle sue corde. Eppure, è vero che i cani provano imbarazzo o no? È una sensazione che possono effettivamente avvertire o siamo noi che spesso, con un’eccessiva umanizzazione, la rivediamo nei loro occhi?

Scopriamo in quest’articolo se i cani sono capaci di provare sensazioni complesse come l’imbarazzo e come comportarsi in tal caso.

Facciamo chiarezza

È ormai provato e risaputo che i cani provano sentimenti, emozioni e stati d’animo molto simili a quelli umani. Capire dunque se i cani provano imbarazzo dovrebbe sembrare superfluo e invece sono stati numerosi gli studiosi che si sono interrogati sulla questione.

L’imbarazzo si inserisce tra quegli stati d’animo detti secondari che afferiscono alla consapevolezza di sé e a ciò che pensano gli altri che osservano. Come è stato quindi confermato, i cani hanno consapevolezza di sé e per esempio si mettono in mostra se sanno di essere osservati.

cane nascosto

Come il cane prova senso di colpa, gelosia ed empatia risulta quindi certo che possa provare anche imbarazzo. A sostenerlo sono diversi studiosi come Marc Bekoff dell’Università del Colorado, autore del volume “The Emotional Lives of Animals”, e il neurobiologo Frederick Range dell’Università di Vienna.

Molti esperti non concordano e sostengono invece che i cani siano capaci solo di provare solo emozioni prodotte da reazioni istantanee come paura, gioia, tristezza e rabbia.

Come manifestano imbarazzo

Confermato dunque che i cani provano imbarazzo bisogna anche capire come lo manifestano per evitare che si sentano a disagio in determinate situazioni. I cani imbarazzati solitamente corrono a nascondersi sotto a un letto, sotto a una poltrona o al mobile del salotto come se fossero spaventati da qualcosa.

cane rabbioso

Altri invece corrono in un’altra stanza proprio per non farsi vedere e non sentirsi osservare da nessuno. E accade anche, e questo può essere un gesto anche divertente, che si coprano occhi e muso da soli con le loro zampette.

Ma può succedere anche qualcosa di spiacevole. Un cane a disagio e imbarazzato può anche incattivirsi e diventare aggressivo abbaiando e persino mordendo.

Conclusioni

Possiamo quindi concludere che i cani provano emozioni complesse tra cui anche l’imbarazzo che sia per un taglio “di capelli” che non gli piace per niente o per un vestitino che ritengono ridicolo o per un attività che gli state facendo svolgere ma che li fa sentire profondamente a disagio.

cane dal toelettatore

Ma è anche chiaro che i cani provano imbarazzo e non lo manifestano come gli umani arrossendo o balbettando. Hanno come sempre un modo tutto loro per dimostrarlo e per cui non è possibile sostenere che, identificando in loro delle emozioni specifiche, si tenda semplicemente ad umanizzarli.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati