La storia di Trottola, la canina disabile che ha trovato una famiglia

Vi raccontiamo la storia di Trottola, una canina affetta da una forma di disabilità che nessuno voleva ma che oggi ha trovato una famiglia.

E’ la storia di Trottola quella di cui vi parliamo oggi, una di quelle storie di cani poco fortunati che però riescono a riscattarsi.

E’ una storia di sfortuna e rivincita, una di quelle che riescono ad insegnarci l’incredibile forza di volontà che possono avere solo i cani.

la-storia-di-trottola-la-canina-disabile-che-ha-trovato-una-famiglia

Trottola, la bassottina disabile che si è riscattata

La storia di Trottola arriva direttamente dalla testimonianza della sua salvatrice, una ragazza di nome Giulia dal cuore veramente d’oro.

Trottola è una canina di razza bassotto, nata con una grave disabilità che le impedisce di camminare. Per spostarsi, infatti, ha bisogno di un carrellino.

carrellino-di-trottola

La sfortuna di Trottola inizia dalla nascita, quando fin da subito si capisce che c’è qualcosa che non va. La canina ha infatti difficoltà a camminare, a causa di una grave forma di disabilità.

E’ proprio questo il motivo per cui la sua famiglia decide di portarla in canile. E così, la piccola Trottola, si ritrova a dover fare i conti con la solitudine e con le mille difficoltà che una forma di disabilità può portare.

Si ritrova abbandonata in canile, da sola, senza l’amore di una famiglia di cui ogni cane ha bisogno. O almeno, fino all’arrivo di Giulia.

trottola-e-finita-in-un-canile

In un primo momento, Giulia è semplicemente una delle volontarie del canile. Si prende cura di Trottola, proprio come di ogni altro cane presente nella struttura.

Ma forse, fin da subito il loro legame ha qualcosa in più. Forse proprio perchè Trottola è costretta a muoversi con quel carrellino. O forse, semplicemente a causa del destino.

E così, giorno dopo giorno, Giulia inizia ad affezionarsi sempre di più alla piccola canina. Giocano insieme ogni giorno e la ragazza cerca ovunque una famiglia che possa prendersi cura di lei.

la-famiglia-per-trottola-sembra-non-arrivare-mai

Ma si sa, inutile negarlo, prendersi cura di un cane con una forma di disabilità non è cosa facile. E così, la famiglia per Trottola non arriva mai. Fino a che, è proprio la stessa Giulia a decidere di adottarla.

Nonostante altri 3 cani in casa, infatti, la ragazza decide di portarla a casa e di darle tutto l’amore di cui ha bisogno. E così, la bassottina finalmente ha trovato quella famiglia tanto sognata, ha trovato qualcuno che possa darle l’amore e le attenzioni di cui ha bisogno.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati