Pinerolo, Una ballerina lascia in eredità 540 mila euro per un canile

pinerolo-una-ballerina-lascia-in-eredita-540-mila-euro-per-un-canile

Graziella Marchisio, è questo il nome della donna che ha reso possibili l’apertura del nuovo canile di Sant’Antonino di Susa. La struttura accoglierà circa 100 cani e avrà una zona riservata all’addestramento della polizia di stato.

Pinerolo, Una ballerina lascia in eredità 540 mila euro per un canile

Graziella, nata nel ’40 a Pinerolo, è stata una talentuosa ballerina che per tutta la sua vita ha girato il mondo perseguendo il suo sogno, ballare. Nonostante i numerosi viaggi, l’unico posto che Graziella ha chiamato sempre casa è il nostro bel paese.

La donna ha scelto di vivere una vita particolare, ovvero dentro una roulotte con il compagno di una vita. Nel 2000 la donna è venuta a mancare all’età di 60 anni a causa di un cancro.

La signora Marchisio però aveva un sogno, la realizzazione di un ente capace di aiutare tutti i cani bisognosi della sua zona natale. I soldi per la realizzazione del suo sogno furono lasciati in eredità al marito che però morì di leucemia poco dopo il testamento della signora.

Pinerolo, Una ballerina lascia in eredità 540 mila euro per un canile

Così quei soldi andarono ad un’associazione animalista “Pincy e Sugar“, visto che la donna aveva perso il marito e non aveva figli. Saranno in seguito gestiti da un notaio suo grande amico, che garantirà la realizzazione del sogno di Graziella.

Come abbiamo detto Graziella Marchisio morì nel 2000 ma il notaio suo amico, da allora raccoglie i soldi lasciati in eredità in aggiunta a quelli ricavati dai vari appartamenti torinesi di proprietà Marchisio.

Il notaio ha raccolto una somma pari a 540mila euro, utile alla costruzione del canile di Sant’Antonino di Susa. La realizzazione di questo canile pubblico è avvenuta non senza qualche problema burocratico, ma alla fine si è concluso tutto per il meglio.

Pinerolo, Una ballerina lascia in eredità 540 mila euro per un canile

La struttura sarà molto capiente nonché all’avanguardia, ospiterà inoltre cani provenienti da combattimenti clandestini o da circhi.

Possiamo dire con certezza che tutti hanno onorato nel migliore dei modi la memoria di Graziella.