Usa la foto del proprio cane per mandare un messaggio importantissimo

Spesso una foto del proprio cane e poche parole possono esprimere dei concetti di assoluta importanza. Concetti che ogni persona sulla faccia della terra dovrebbe assimilare per farli propri e difenderli fino alla fine.

louis-bree

Questo è ciò che ha fatto Bree Wiseman, una ragazza 22enne del Tennessee. Bree, tramite una foto apparentemente priva di significato, raffigurante il suo cane, Louis, difronte ad una gustosa bistecca, ha saputo mandare un forte messaggio a tutto il mondo.

La voce della ragazza si è elevata in difesa di tutte le donne vittime di abusi di vario genere. In particolare la 22enne, tramite una splendida descrizione sopra la foto, ha accusato tutti gli aggressori.

louis-messaggio

Il messaggio tradotto è molto esplicito e chiaro e recita così:”A tutti quelli che sostengono che lo stupro sia causa del modo di vestirsi delle donne. Questo è il mio cane. Il suo cibo preferito è la bistecca…”

“…Si trova a livello del piatto e dei miei occhi. Non si avvicina minimamente al piatto perché gli ho detto di no. Se un cane si comporta meglio di voi allora è meglio che rivalutiate la vostra vita. Sentitevi liberi di condividere la foto. Il mio cane è adorabile“.

louis-cane

Del messaggio, carico di emotività, ci colpiscono specialmente alcune parole, che interpretate suonano più o meno così:”Se un cane capisce un NO come non fate a capirlo anche voi aggressori”.

Questo ci insegna molto, perché capiamo che a volte porta molto più rispetto un cane che non una persona, e questo lascia riflettere. Bree si è fatta portavoce di una battaglia sostenuta da molte persone al mondo, purtroppo ancora non basta.

louis-bree-cane

La ragazza, che nella vita è una pasticciera, è rimasta positivamente colpita dal successo della sua foto. Con più di 300 mila condivisioni ha letteralmente spopolato fra gli utenti social.

louis-appello

Un successo che da fiato ad una voce contro ogni tipo di abuso o violenza sulle donne. Quale miglior modo di fare una cosa del genere se non grazie all’aiuto di un cane? Voi che ne pensate?

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati