Arezzo: il cane Otto fugge per la paura dei botti di capodanno e viene recuperato dalla polizia

Vi raccontiamo del salvataggio del cane Otto, fuggito per i botti di capodanno, eseguito dalla polizia stradale di Arezzo

Ormai tutti sanno quali sono gli effetti dei botti di capodanno sui cani. Per i nostri amici a quattro zampe i fuochi d’artificio sono come bombe. Le loro reazioni possono essere le più disparate: tra queste c’è la possibilità che il cane scappi per la paura. È stata questa la reazione del cane Otto. Il bellissimo pastore tedesco è scappato dalla sua abitazione e, fortunatamente, è stato recuperato dalla polizia. Vediamo per bene cosa è successo.

È la notte di capodanno e, come di consueto, allo scoccare della mezzanotte ecco che scoppiano i primi petardi. Il cane Otto, un pastore tedesco di quattro anni, scappa dalla sua abitazione. Possiamo solo immaginare la paura che deve aver provato questo cane per avere una tale reazione.

Arriviamo al giorno dopo. È il primo dell’anno. Alla Polizia stradale di Arezzo viene segnalato un cane che corre all’impazzata tra le corsie di marcia e di sorpasso dell’autostrada A1, all’altezza del chilometro 403. Gli agenti intervengono immediatamente.

La prima cosa da fare è quella di rallentare il traffico in regime di safety car al fine di evitare ogni rischio per loro stessi e per il cane. Dopo aver fatto questo bisogna tentare un approccio con il cane. Il povero cucciolo è ancora preso dal panico: inizialmente non ne vuole sapere di avvicinarsi.

Soltanto grazie ad una brioche i Poliziotti riescono ad avvicinare il pastore tedesco. Una volta avvicinato bisogna solamente rassicurarlo. Poco dopo gli agenti riescono a far salire il cane a bordo della loro auto e lo portano nella sottosezione di Battifolle dove è stato affidato all’Enpa di Arezzo in attesa di rintracciare il proprietario.

Credits: Pixabay

Così Otto, il meraviglioso pastore tedesco, ha potuto riabbracciare il suo proprietario. Come spesso accade, anche questa volta, l’intervento dei Poliziotti è stato dirimente per far sì che questa storia avesse il giusto lieto fine. Non possiamo fare altro che ringraziare gli agenti per il meraviglioso lavoro svolto.

Leggi anche:Rivarossa, smarrita a Capodanno una cucciola di Bracco Ungherese, risponde al nome di Frida

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati