Rivarossa, smarrita a Capodanno una cucciola di Bracco Ungherese, risponde al nome di Frida

La cagnolina sarà scappata via a causa dei botti di fine anno, sono giorni molto attivi questi pensando alle ricerche, la cucciola potrebbe essere ovunque

Aggiornamento: Frida è stata ritrovata!

Ancora una volta un triste smarrimento la notte di Capodanno, uno come i tanti che ci sono pervenuti sotto gli occhi ma che non possiamo coprire per una banale questione di tempistica. Questa volta è toccato ad una cagnolina che risponde al nome di Frida, smarrita a Rivarossa, piccolo comune facente parte della Città Metropolitana di Torino.

Si pensa che alcuni botti abbiano causato l’improvvisa fuga dell’animale; quest’ultimo, in preda all’agitazione per il momento, si sarebbe allontanato in modo rocambolesco da casa. Il proprietario denuncia la scomparsa della dolce Frida non appena se ne accorge. Immediatamente spunta fuori una segnalazione.

Qualcuno dice di aver avvistato la cagnolina circa una mezz’ora dopo la mezzanotte, in zona Villaggio Paradiso, sempre a Rivarossa. Da quell’ultimo avvistamento non si è saputo più nulla su una cucciola che sembra essersi dileguata nel vuoto. Ovviamente non manca la preoccupazione, anche per una mancanza di informazioni che di certo non aiuta.

cagnolina frida primo piano volto

La speranza è che un altro avvistamento possa garantire la presenza di una pista da seguire. Frida è, come detto, una Bracco Ungherese di medie dimensioni. Femmina, longilinea, dal pelo raso color fulvo (più scuro di come appare nelle foto). Il proprietario sta cercando ovunque e non è detto che le ricerche possano estendersi in zone limitrofe.

Se qualcuno fosse della zona e fosse interessato a dare una mano, i numeri rilasciati tramite appello social da parte dell’uomo sono i seguenti: 348 880 5786 o anche il 392 495 7012. Probabilmente Frida sarà ancora spaventata, a ciò aggiungiamo la condizione presente e il gioco è fatto.

cagnolina bracco ungherese rossa

Consigliamo, in caso di avvistamento, la massima cautela; non tentare il contatto diretto ma chiamare uno dei numeri precedentemente esposti, segnalando l’avvistamento e fornendo quanti più dettagli possibili sul luogo, la data e l’ora. Aiutiamo la cagnolina a tornare a casa. Una famiglia è in ansia.

LEGGI ANCHE: Barletta, superano la recinzione e rapiscono la cagnolina, si cerca disperatamente la povera Mina

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati