La biografa ufficiale di Elisabetta II racconta com’è nata la passione della regina per i cani: “li ha sempre amati”

La regina inglese Elisabetta II era una grande appassionata di cani e cavalli; la sua biografa ufficiale racconta com'è nata la sua passione

Lo scorso giovedì, 8 settembre, il mondo è stato scosso da una notizia che ha alzato un velo di tristezza sul volto di tutte le nazioni. La regina Elisabetta II, regina d’Inghilterra, si è spenta all’età di 96 anni, dopo ben 70 di regno. La sovrana aveva una grande passione per gli animali, in particolare cavalli e cani; durante la sua vita ha avuto ben 30 cani di razza Welsh Corgi, di cui 4 presenti tutt’ora. La stampa britannica al momento si interroga su chi si prenderà cura degli animali della regina.

corgi della regina

Al momento della sua morte, la regina Elisabetta II possedeva ancora 4 cani, 2 Corgi di nome Muick e Sandy, un Dorgi di nome Candy e un Cocker Spaniel. Secondo l’allevatore di cavalli reale, la regina aveva giurato anni prima che avrebbe smesso di allevare i suoi cani per “non lasciarne nessuno indietro al momento della sua morte”, ma alcune vicende personali l’hanno portata ad infrangere questa promessa. Dopo la morte di suo marito Filippo infatti, la regina ha ricevuto in dono dal principe Andrew Muick e Fergus, successivamente deceduto e succeduto da Sandy.

APPROFONDIMENTO: Tutto quello che c’è da sapere sui cani appartenenti alla razza Welsh Corgi Pembroke

Prima del triste giorno la passione della regina per i suoi cani era già cosa risaputa; la biografa reale, Ingrid Seward, infatti si era già esposta a riguardo: “ama gli animali e ama i cani. Lo ha sempre fatto, sono stati il ​​suo primo amore e saranno l’ultimo“. La lunga dinastia di Corgi reali infatti è iniziata ben presto, quando al compimento dei suoi 18 anni la regina Elisabetta II ha ricevuto in dono la sua prima cagnolina, Susan; tutti gli altri corgi reali discendono proprio da lei.

corgi della regina

Sempre secondo Sewan, dopo la dipartita dell’amata regina, i cani saranno affidati alle cure attente dei suoi figli, ma ci sono opinioni discordanti a riguardo. Penny Junor, autore del libro “All The Queen’s Corgis” scrive proprio in quest’ultimo: “La cura dei cani a volte spetta ai lacchè, ma soprattutto alla fidata sarta, assistente e braccio destro della regina, Angela Kelly; anche al suo paggio altrettanto fidato da molti anni, Paul Whybrew, che è stato visto portare a spasso la regina e i cani“; secondo lui saranno proprio loro a continuare a curare i cagnolini in questo momento per loro così difficile.

LEGGI ANCHE: Il cagnolino aiuta il suo padrone in un’impresa coraggiosa. Grazie ai due, due anziane hanno avuto salva la vita

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati