Cane diffidente: tutti i comportamenti (e come rassicurarlo)

Non tutti i cani hanno lo stesso carattere; c’è chi espansivo e chi burbero. Ma come si fa, se il cane in questione è un cane diffidente?

Chi decide di adottare un cane spesso non sa a cosa va incontro. I cani non sono mai per natura aggressivi, ma è possibile trovare un cane con un carattere difficile. Il problema però è quando ci si imbatte in un cane diffidente. In questo caso è davvero difficile comprendere cosa fare per fargli capire che può tranquillamente fidarsi di voi.

cane che osserva

Comportamento di un cane diffidente

Un cane che non si fida è un cane che tende a stare in disparte e che si muove e mangia solo se questi non viene osservato da nessuno. È un cane che tende ad avere paura di qualsiasi cosa e che si nasconde spesso sotto tavoli e sedie.

cane che osserva

Spesso inoltre la diffidenza è accompagnata dal nervosismo. Un cane diffidente potrebbe anche ringhiare ed abbaiare in presenza di estranei e se dovesse sentirsi minacciato, potrebbe pure diventare aggressivo.

Cause della diffidenza

Le cause purtroppo possono essere veramente tante e quando si trova un cane così o lo si adotta dal canile è veramente impossibile comprendere le reali motivazioni. Ad occhio e croce però un cane diffidente probabilmente:

  • È un cane che ha subito l’abbandono della madre. Infatti alcune madri rifiutano i propri cuccioli al momento della nascita;
  • È un cane che è stato abbandonato dalla famiglia umana, magari dopo un bel po’ di tempo trascorso con loro;
  • È stato maltrattato dall’uomo

cane di sera

Queste sono solo alcune delle cause che potrebbero portare un cane ad essere diffidente. Purtroppo però, come già accennato, è impossibile conoscere esattamente le motivazioni e proprio per questo risulta difficile risolvere il problema.

Come approcciarsi ad un cane diffidente

Approcciarsi con un cane che ha questo problema non è semplice. È importante che, per riuscire a conquistarlo, vi avalliate dell’aiuto che possono dare i biscotti per cani o i bocconcini. Inizialmente il cane non li mangerà direttamente da voi.

Proprio per questo è consigliabile lasciare un biscotto o un bocconcino per terra, vicino più a dove si trova il cane che a dove vi trovate voi. Probabilmente il cane diffidente aspetterà che ve ne andiate per avvicinarsi al bocconcino. Voi però dovete nascondervi per vedere che tipo di reazione ha il cane nei confronti di questo cibo.

cane sotto il tavolo

Purtroppo la fiducia richiede tempo e costanza e dovrete fare questo esperimento ogni giorno. Ogni giorno che passa però avvicinate il bocconcino che posizionerete per terra più vicino a voi che al cane, in modo tale da fargli fare sempre qualche passo in più verso la vostra direzione. Inoltre potete pure utilizzare qualche giochino per attirare l’attenzione. Probabilmente il cane non giocherà durante le fasi iniziali; con il tempo però potete sicuramente avvicinarlo.

Cosa non bisogna fare

Quando si ha a che fare con un cane diffidente è importante non attuare alcuni comportamenti che potrebbero irritarlo. È il caso ad esempio di non guardare negli occhi il cane. Questo è un atteggiamento che può assumere soltanto il padrone di un cane che psicologicamente sta bene ed è sereno. In generale fissare un cane negli occhi non risulta essere una grande idea.

cane con naso grosso

Questo per loro sta ad indicare un atteggiamento da parte dell’uomo di superiorità o eguaglianza con il cane; non tutti i cani quindi accettano questo modo di comportarsi. La cosa ovviamente diventa ancora più complicata quando si tratta di un cane diffidente. Fissarlo negli occhi equivale a lanciargli un messaggio di sfida.

Conclusioni

In definitiva avere a che fare con un cane diffidente non è semplice. È importante che siate pazienti e tolleranti; cercate comunque senza invadenza di avvicinarvi a lui o a lei attraverso giochi e cibo, ma fate in modo che fisicamente sia il cane ad avvicinarsi a voi. Una volta stabilito il contatto risulterà impossibile staccarsi, ma è solo questione di pazienza e buona volontà.

Articoli correlati