Tamaskan

Tamaskan
cane Tamaskan sulla neve

Esemplare di Tamaskan

Dati generali
Etimologia Tamaskan significa “potente lupo” nella lingua nativa americana
Genitori Siberian Husky x Alaskan Malamute x Pastore Tedesco
Presente in natura No
Longevità 14-15 anni
Impieghi Cane da compagnia, cane da slitta, cane da salvataggio
Taglia Medio/Grande

Il Tamaskan è un cane originario della Finlandia, con le sembianze di un lupo.

Non è ancora riconosciuto dalla FCI, la federazione internazionale delle associazioni di allevatori canini, in quanto considerato il frutto di più incroci fatti dall’uomo fra razze pure già esistenti.

È un cane ottime per la compagnia, ma ottimo anche per il traino delle slitte, attività tipica dei suoi luoghi d’origine.

Scheda informativa del Tamaskan
Anallergico No
Per bambini Ottimo razza per la famiglia, dolce e protettivo anche nei confronti dei più piccoli
Per anziani No, per il bisogno di esercizio
Con altri cani Socievole, in quanto cane da slitta lo è normalmente
Con gatti Tollerante se allevati insieme sin da piccoli
Rumoroso Moderatamente
Sport Esercizi per tenerlo attivo, che contrastino la sedentarietà e che lo stimolino quotidianamente per evitarne noia che può sfociare in comportamenti distruttivi

ORIGINI STORICHE DELLA RAZZA

Le origini di questa razza sono alquanto ingarbugliate. Il suo luogo natale è la Finlandia, in particolare la zona della Lapponia.

Quello che si voleva creare era un cane che avesse le sembianze simili a quelle di un lupo, anche se concretamente non si arrivò mai a far incrociare un vero e proprio lupo con una razza di cane.

Negli anni ’80 alcuni cani, si pensa di origini siberiane, vennero portati negli Stati Uniti. Qui, alcuni appassionati si dedicarono alla loro cura e attenzione, con lo scopo di farli incrociare con altre razze già esistenti e dare vita ad un nuovo esemplare.

Quello che si voleva ottenere era un cane che avesse le caratteristiche fisiche del lupo, ma il temperamento buono e affettuoso, con cui poter sviluppare un ottimo rapporto con l’umano.

Si scelsero allora per tali incroci con questi esemplari alcuni cani di razze esistenti e molto conosciute, come il Siberian Husky, l’Alaskan Malamute e il Pastore Tedesco.

Il percorso per arrivare all’esemplare di Tamaskan che abbiamo oggi fu lungo e contorto: via via che si continuava con gli accoppiamenti, si ottenevano degli esemplari di cani sempre diversi, con caratteristiche fisiche e comportamentali assai differenti.

Per questo, dunque, era quasi impossibile dare uno standard di tale nuova razza, dal momento che non era proprio possibile ottenere lo stesso cane più volte.

A volte si facevano accoppiare, volontariamente o no, cani con rapporti parentela (madre-figlio, fratello-sorella): questo ovviamente non portava sempre a risultati ottimi, anzi!

Molti pedigree presentati come ufficiali e reali, dunque, non presentavano assolutamente tutte le informazioni necessarie per un riconoscimento ufficiale.

Fu grazie ad un’appassionata di tale razza, tale Lynn Hardey, che si occupò per moltissimi anni di dar vita ad un esemplare di Tamaskan.

La sua preoccupazione andava al di là di qualunque interesse puramente egoistico. Lei voleva semplicemente fare in modo che si ottenesse un cane forte, in salute, che avesse le giuste caratteristiche per avere una vita bella e decente e che avesse un carattere buono e gestibile: prioritario dunque era il cane e tutte le dovute cure che servivano per farlo stare bene.

Così, portandosi dietro alcuni esemplari perfettamente in salute, andò in Lapponia dove si innamorò di qualche cane autoctono, con sembianze di lupo ancora più sviluppate ed evidenti.

È così che, piano piano dopo ulteriori tentativi, nacque quello che oggi chiamiamo il Tamaskan. Dobbiamo a Lynn Hardey, dunque, la gratitudine di essersi preoccupata prima di tutto della salute del cane e di selezionare esemplari da accoppiare che avesse tutte le carte in regola per farlo.

Solo così, si potevano permettere degli incroci che avvenissero nel modo più naturale possibile, senza incesti strani o senza la possibilità che uscissero fuori cani malati o con seri problemi fisici.

PREZZO

Il Tamaskan non è una razza ufficialmente riconosciuta al giorno d’oggi dalle maggiori associazioni internazionali, ma possiamo comunque dare un prezzo stimato di questo esemplare, nonostante in Italia non ci siano ancora allevamenti. Il prezzo può variare fra gli 800 e i 1000€.

CARATTERE

Il carattere di un Tamaskan è molto dolce, affettuoso e sa essere un ottimo compagno di vita per l’uomo. È amichevole, tollerante e gentile con tutti: è stato creato appositamente per essere un buon amico e un ottimo lavoratore.

Nella maggior parte dei casi viene scelto come cane da compagnia, ma nelle sue zone d’origine è spesso utilizzato come cane da traino per le slitte. Sa svolgere il lavoro che gli viene chiesto al meglio delle sue possibilità e non si tira mai neanche indietro di fronte a qualunque situazione gli venga proposta.

Ama stare in compagnia e odia la solitudine: sta benissimo in un ambiente di casa, dove a vivere con lui c’è anche la sua famiglia. Questo è il tipo di vita che preferisce: giocare con i suoi amici umani, dare e fare coccole e scambiarsi tenerezze ed effusioni.

Vuole stare al centro dell’attenzione e odia la solitudine. Un consiglio: si cerchi di lasciarlo da solo il meno possibile! Se ci fosse la necessità di doverlo lasciare solo molte ore

Sicuramente sarà bene abituarlo fin da piccolo all’eventualità in cui si dovesse lasciare solo tante ore per motivi di lavoro o altro, dal momento che sennò potrebbe reagire “male”

: assumere comportamenti sfuggenti e distruggere cose in casa saranno la sua piccola vendetta.

Questo comunque non implica che possa assumere comportamenti aggressivi: tale aspetto non rientra proprio nella sua indole.

ADDESTRAMENTO

È un cane facilmente addestrabile, dal momento che è disponibile e molto tranquillo nei confronti dell’uomo.

Non sarà difficile conquistare la sua fiducia né tanto meno insegnargli qualche piccola regola. L’uomo è il suo migliore amico e con un po’ di polso e autorità sarà sicuramente semplice entrare in contatto con il cane e fare in modo che ci dia retta.

Il suo principale impiego è quello di cane da compagnia. Spesso però è addestrato anche per il traino delle slitte, soprattutto nei luoghi in cui è nato e cresciuto (la Lapponia, ma in generale tutta la Finlandia).

In questi posti c’è molto bisogno ovviamente delle slitte. Avere, dunque, a disposizione un cane di tale stazza e di tale temperamento è molto importante ed essenziale per avere un aiuto di lavoro.

Spesso viene anche educato dalla protezione civile come cane da soccorso. È buono e disponibile: il suo atteggiamento di fronte al rispetto delle regole e alla sicurezza dei suoi amici umani è ottimo.

Come cane da guardia non è il massimo, anche se sviluppa sempre un senso di protezione nei confronti della sua famiglia.

CARATTERISTICHE FISICHE

Il Tamaskan è una razza di taglia medio-grande. È un cane abbastanza longevo, con un’aspettativa di vita che si aggira intorno ai 14-15 anni.

ZAMPE

Le zampe sono lunghe, possenti e molto resistenti. Gli arti posteriori sono molto tonici e gli permettono di avere una grande spinta, soprattutto quando deve svolgere lavori tipo trainare una slitta e correre per il soccorso.

CORPO

Il corpo è massiccio, pesante ma nonostante la stazza, riesce ad essere snello e agile. Nel complesso è proporzionato.

PESO E ALTEZZA

Il peso di un esemplare maschio di razza pura di Tamaskan si aggira intorno ai 30-45 kg; quello di una femmina sta intorno ai 23-28 kg.

L’altezza al garrese di un maschio varia fra i 63 e i 71 cm; quella di una femmina sta fra i 61 e i 66.

TESTA

La testa è grande, col muso allungato e un morso abbastanza forte.

Le orecchie sono di grandezza media, a forma di triangolo e sono tenute sempre dritta.

Gli occhi sono profondi, con sguardo dolce e affettuoso.

CODA

La coda è sempre presente. Di lunghezza media, molto pelosa e si arriccia verso la fine.

PELO

Il pelo è di lunghezza media, spumoso, forte e ruvido al tatto.

COLORI

Le sfumature di un Tamaskan sono principalmente tre: grigio, nero e il grigio tipico del colore del lupo.

CUCCIOLI

I cuccioli di Tamaskan sono molto teneri e sanno come farsi amare e rispettare già da molto piccoli. Sono ottimi per la famiglia e per i bambini, con i quali stabiliscono subito un rapporto di amore e rispetto reciproco.

SALUTE

Il Tamaskan è un cane molto forte e resistente, date anche le origini genetiche che lo fanno derivare da cani a loro volta molto robusti. Di conseguenza, non sono riscontrate malattie tipiche di tale razza.

INIDICAZIONI SULL’ALIMENTAZIONE

Il Tamaskan è un cane di una stazza medio-grande, quindi ha bisogno di molte energie e abbastanza cibo per mantenersi in forma e affrontare le giornate. Non ha grosse esigenze alimentari, se non quelle di poter avere un cibo di ottima qualità con le giuste dosi necessarie al fabbisogno giornaliero.

TOELETTATURA

Il pelo è tenuto di media lunghezza: sarà bene spazzolarlo almeno una volta a settimana e fare in modo di accorgerci di eventuali corpi estranei annidati nel suo manto.

Abituarlo fin da piccolo e con calma a essere spazzolato ci aiuterà poi a gestire la stazza del cane una volta cresciuto. Il bagno andrà fatto una volta al mese circa, salvo particolari esigenze.

ALLEVAMENTI

Il Tamaskan è un cane abbastanza conosciuto e amato nel mondo, ma è abituato a vivere a temperatura molto basse, con climi abbastanza rigidi. Sa adattarsi abbastanza bene ad ogni situazione, anche se è preferibile non farlo vivere in ambiente troppo caldi. Comunque, in Italia non sono ancora presenti allevamenti ufficialmente riconosciuti dall’ENCI che si occupano di tale razza.

È UN CANE D’APPARTAMENTO?

Può essere un cane d’appartamento, in quanto la sua indole e il suo temperamento lo portano ad essere ottimo per la compagnia e per la sicurezza dei suoi componenti. Sicuramente quello di cui ha molto bisogno è uno spazio dover potere correre e sgranchirsi un po’ le zampe, data la stazza bella grande dell’esemplare.

Comunque il Tamaskan è ottimo per stare in casa, pronto ad aiutare a svolgere tutti i doveri e le necessità insieme alla sua famiglia.

Con i bambini è buonissimo, molto tenero. Sa entrare subito in confidenza con loro, capendo perfettamente che ci vuole delicatezza e tranquillità per gestirli e avvicinarsi a loro. È in grado di far loro compagnia, giocando e proteggendoli da ogni turbamento.

CURIOSITÀ

La storia del Tamaskan è molto complicata e ha dovuto affrontare sia momenti positivi che negativi. Una riflessione va fatta sul termine stesso Tamaskan, che non fu il primo e originario nome con cui chiamare il cane.

Il primo club che chiedeva un riconoscimento di tale nuovo esemplare si chiamò Northen Inuit Club. Questo poteva far pensare che il cane avesse qualcosa a che fare con il popolo degli Inuit, quando, nella realtà dei fatti, non era assolutamente così.

A seguito di varie critiche, si sciolse senza troppe conseguenze. Il secondo club che sostenne il nuovo esemplare di “cane lupo” gli attribuì il nome di Utonagan. Anche questo, però, fu bocciato poco dopo dal momento che non sembrava esserci ancora un cane da poter considerare come standard.

Solo in ultimo, gli appassionati scelsero per il Tamaskan, l’attuale nome “ufficiale”, purché ancora non riconosciuto da tante associazioni, di tale razza.