Cucciolo di cane sempre arrabbiato: cosa fare e come aiutarlo

Avete a che fare con un cucciolo di cane sempre arrabbiato? Ecco perché assume questo atteggiamento e come fare per calmarlo.

Se condividete la vostra casa con un amico a quattro zampe e vi siete da poco resi conto di avere con voi un cucciolo di cane sempre arrabbiato, è bene che capiate come comportarvi. Un atteggiamento aggressivo può dipendere dalla personalità dell’animale, ma anche il comportamento del padrone è molto importante in questo senso. Spesso un cucciolo abbaia, ringhia o morde quando si sente in pericolo. Proprio per questo, dovete imparare ad interpretare i segnali che vi manda, così da poter interpretare le sue paure e le sue preoccupazioni. Cerchiamo di capire perché un cane assume questo atteggiamento, e vediamo come ci si deve comportare conseguentemente.

Perché il cucciolo è arrabbiato?

Avete mai pensato che forse il vostro cane si dimostra aggressivo perché ha paura? È un’ipotesi che davvero pochi padroni considerano, eppure spesso si tratta della più veritiera. Quando si parla di paura, non significa che il cucciolo debba aver obbligatoriamente vissuto un’esperienza negativa o un evento traumatico. Spesso i cani hanno paura quando sono soli, e non hanno la possibilità di socializzare né con i loro simili né con altre persone.

La socializzazione del cucciolo è quindi importantissima, onde evitare che la solitudine possa causargli problemi di aggressività futuri. Già dai primissimi mesi di vita, è importante che abituiate il vostro cane a rapportarsi con altri cuccioli e con altre persone. In questo modo, le identificherà come fonti di coccole e di divertimento, piuttosto che come eventuali minacce. Abituatelo a rendersi conto che nessuno vuole fargli del male, ma che può essere invece molto divertente entrare in relazione con gli altri.

cucciolo di cane sempre arrabbiato

Ma non è solo la socializzazione a rendere il vostro amico a quattro zampe meno pauroso. Dovrete anche abituarlo ad esporsi a rumori e situazioni che potrebbero spaventarlo, così da evitare che una piccola paura possa trasformarsi in una vera e propria fobia quando è adulto. Parliamo di cose semplici: l’aspirapolvere, il traffico, il clacson o altro. Si tratti di suoni che molti cuccioli percepiscono come spaventosi, innescando un meccanismo di difesa che li porta ad essere aggressivi. Ma se non volete un cucciolo di cane sempre arrabbiato, allora fareste bene ad abituarlo a questi rumori già dai primi mesi di vita.

In alcuni casi, invece, la rabbia del piccolo può dipendere anche dalla vita che ha vissuto con la mamma e i fratellini. Magari non ha avuto una mamma protettiva, si è sentito sola e ha imparato ad assumere un comportamento prepotente per sfogare la sua frustrazione. Questo atteggiamento potrebbe riproporlo anche in casa con voi, poiché si tratta del solo modo che conosce per relazionarsi agli altri. Dovrete essere molto pazienti, allora. Interpretare le paure del vostro cane e fare in modo che possa sentirsi a suo agio, tranquillo e coccolato. Ogni cucciolo merita amore ed attenzioni, ingredienti fondamentali affinché assuma un comportamento tranquillo e rilassato.

La socializzazione rende il cane meno arrabbiato

Come anticipato, se il vostro cucciolo è sempre arrabbiato, questo potrebbe dipendere da un suo profondo senso di solitudine. Spesso alcuni cani tendono a diventare aggressivi quando incontrano persone che non conoscono, oppure quando un estraneo si presenta alla nostra porta di casa. Per evitarlo, è bene far socializzare il vostro amico a quattro zampe sin dai primi mesi di vita. Fategli incontrare quante più persone possibili, meglio se di tutte le età. In questo modo, il cucciolo si renderà lentamente conto che gli estranei non rappresentano affatto una minaccia per la sua incolumità. Giocando, divertendosi e “rimediando” qualche coccola, il cane capirà che gli altri sono più un piacere che un dispiacere. Sarà più tranquillo e fiducioso, ed eviterà atteggiamenti rabbiosi nell’età adulta.

Al di là di questo, è importante anche che curiate bene l’educazione del vostro cane, se volete davvero evitare che risulti sempre arrabbiato e scontroso. Certo, è vero che è abituato a giocare con i fratellini a suon di morsi e ringhiate, ma sta a voi insegnargli che non è il modo giusto per divertirsi. Spetta a voi educare il vostro amico a quattro zampe. Se notate che è troppo aggressivo, ringhia o morde le persone, allora fate in modo che smetta subito. Dategli un segnale chiaro. Toglietegli il giocattolo oppure allontanatevi ignorandolo. Il cane capirà che ha sbagliato, e lentamente smetterà di comportarsi così. Ci vuole pazienza, ma vale la pena averla.

cucciolo di cane sempre arrabbiato

Cane arrabbiato: come calmarlo?

Avere a che fare con un cucciolo di cane sempre arrabbiato può non essere semplice. Se, in passato, ha ricevuto un’educazione molto rigida e severa, non sarà troppo facile convincerlo a fidarsi di voi. Lo stesso vale nel caso in cui il piccolo abbia subito qualche maltrattamento. Eppure, con la giusta pazienza e dedizione, potete fare in modo di calmare il vostro amico a quattro zampe. Come comportarsi, quindi, se il vostro cane assume un atteggiamento aggressivo?

Anzitutto, mantenete la calma. Come già saprete, se il cane percepisce un vostro stato di ansia e stress, non farà altro che reagire accentuando la sua aggressività. Quando dicono che gli animali sentono la paura umana, hanno ragione. Se il cucciolo capisce che siete nervosi o impauriti, si dimostrerà ancora più arrabbiato. Fate quindi in modo di stare tranquilli, non perdere la testa e anzi dimostrarvi in grado di gestire la situazione. Se volete interagire con il vostro cane, fatelo in totale serenità. Parlategli in modo calmo e rassicurante, ma tenete sempre una postura che vi mostri come il “capo” della situazione. Il cane deve sapere che siete voi quelli da rispettare, per cui non assumete pose che possa mettervi in una situazione di debolezza.

cucciolo di cane sempre arrabbiato

Questo non significa che dovrete assumere però una postura minacciosa fortemente autoritaria. Quando molto arrabbiati, i cuccioli tendono a muoversi in modo frenetico, correndo da una parte all’altro. Voi non dovete seguirli, tanto meno cercare di afferrarli. Rimanete fermi dove siete oppure cercate di muovervi con passi lenti. Non siate bruschi, perché non farete altro che rendere il cane più aggressivo. Ancora una volta, dimostratevi tranquilli e vedrete che riuscirete a calmare il cucciolo.

Sappiamo che può sembrare un lungo elenco di cose da non fare, ma è importante che sappiate come comportarvi di fronte ad un cane arrabbiato. Evitate di fissarlo e non mettetevi di fronte a lui come se volesse fare chissà cosa, perché non farete altro che aumenterà la paura del cucciolo. Siate comprensivi ed accoglienti, dimostratevi gentili e fate tutto ciò che serve per calmarlo. Lentamente, prendendo fiducia in voi, smettere di abbaiare e ringhiare. Piano piano, si calmerà. Ma sappiate che dovrete trovare comunque il modo per evitare che assuma un atteggiamento tanto aggressivo.

Come educare un cucciolo di cane arrabbiato?

Abbiamo detto cosa non fare quando il vostro cane si dimostra arrabbiato ed aggressivo, ma cosa fare invece per gestire bene la situazione? Cercate anzitutto di stabilire un rapporto empatico con il cane, in modo tale che questo riesca ad avere fiducia in voi. Solo così, eviterete che abbia paura anche del suo stesso padrone.

Ricordatevi anche di dare un ordine chiaro e preciso al cucciolo. Molti padroni fanno l’errore di ripetere ordini uno dietro l’altro, senza un vero e proprio senso logico. Così facendo, il vostro amico a quattro zampe non capirà nulla, e potrebbe addirittura dimostrarsi più arrabbiato di prima. Impartite quindi un ordine chiaro. Potreste, ad esempio, chiamare il cane per nome e poi riportarlo al “silenzio“. In questo modo, attirerete la sua attenzione poi gli impartirete un comando ben chiaro. Se provate e non funziona, cercate di essere fermi e riprovare. Il cane vi ascolterà, ne potete stare certi.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati