Cucciolo e bambino si scambiano le coccole e inteneriscono il web (video)

cucciolo bambino coccole video

Quanto sono meravigliose le coppie “cani-bambini”? Di una tenerezza unica. Il video che vi mostriamo oggi vi presenta proprio un cucciolo e un bambino che si scambiano le coccole prima del riposino.

I cuccioli, grazie al loro aspetto, alle loro movenze e al loro modo di fare, riescono a conquistare davvero chiunque. I bambini, d’altro canto, sanno fare esattamente la stessa cosa. Basta guardarli per qualche secondo per rimanere letteralmente stregati dalla loro bellezza e dalla loro dolcezza.

Cosa succede se li uniamo e li facciamo diventare protagonisti di un video? Beh, la risposta è abbastanza logica. Il video diventa virale. Proprio il video del bambino e del cucciolo immersi tra le coccole, ha intenerito il web intero.

My 1 year old and his pup.

I loro genitori, hanno ripreso questa scena tenerissima. Perché non condividerla sui social network di maggiore rilevanza? In determinati momenti, una boccata d’aria fresca e tenera è proprio quello che ci serve.

I risultati non hanno tardato a manifestarsi. Poche ore dopo, il video del bambino e del cucciolo immersi tra le coccole, ha fatto il giro del web, contando migliaia di visualizzazioni e di condivisioni.

Il bimbo sta a letto, rilassato e felice. Il cucciolo è proprio lì, accanto a lui. Probabilmente lo protegge, nessuno potrà fargli del male finché lui sarà lì accanto a guardarlo e a coccolarlo.

Cucciolo e bambino si scambiano le coccole e inteneriscono il web (video)

Una nuova amicizia è nata e crediamo proprio che durerà per sempre, finché la vita lo permetterà. Gli utenti si sono letteralmente innamorati di questi due piccoli che lasciano trasparire un così grande amore.

Aspettano con ansia di vederli di nuovo insieme e perché no, di vedere come cresceranno, l’uno in compagnia dell’altro.

Di recente, vi avevamo mostrato un altro cane che adora le coccole del suo padroncino. SI chiama Red e farebbe di tutto per stare accanto al suo proprietario. Perché non dargli un’occhiata?