I cani possono mangiare la pasta?

Davanti ai loro occhioni supplicanti ci siamo chiesti se i cani possono mangiare la pasta? Bene, scopriamolo insieme!

cane che mangia pasta

Siamo a tavola, davanti a un bel piatto di spaghetti. Stiamo per mangiare il primo boccone quando… eccolo, Fido è venuto a posizionarsi accanto a noi. Ci guarda e sembra proprio desiderarli…. ma i cani possono mangiare la pasta?

Sappiamo che si tratta di un ottimo alimento per noi umani, ma si può dire la stessa cosa per i nostri amici pelosi? Oggi cercheremo di capirlo insieme.

I cani possono mangiare la pasta?

Cani e pasta

Sfatiamo un luogo comune: la pasta non fa male ai cani. Non rientra, dunque, nella lista dei cibi proibiti per i cani. I nostri amici a quattro zamp possono mangiarla senza problemi nella maggior parte dei casi. Bisogna però fare attenzione ad alcune cose.

La pasta è composta da farina, acqua e, a volte, da uova. È quindi un’importante fonte di carboidrati. L’alimentazione del cane, però, deve essere composta principalmente da proteine animali: allo stato brado sarebbe carnivoro ed è solo con l’evoluzione e gli anni di addomesticamento insieme all’uomo che è diventato praticamente onnivoro.

I cani possono mangiare la pasta?

I cani possono mangiare la pasta ma solo saltuariamente, e solo se mischiata a della carne per garantire il corretto apporto di proteine nella loro dieta.

Attenzione a non mischiare pasta e cibo industriale perché subiscono processi digestivi diversi (che avvengono in tempi diversi) che possono causare problemi intestinali o digestivi.

Prima di decidere che il nostro cane può mangiare questo tipo di alimento, è meglio chiedere consiglio al veterinario di fiducia.

La pasta precotta per cani

La si trova spesso tra gli scaffali dei negozi specializzati o nei supermercati. Sembra uguale a quella per umani, ma non è così.

La pasta per cani, infatti, è elaborata con farine diverse, più adatte al loro stomaco.

I cani possono mangiare la pasta?

Per prepararla basta solo reidratarla, visto che è già cotta; nella maggior parte dei casi si può mettere direttamente nella ciotola la dose indicata e aggiungere l’acqua calda necessaria, lasciando che si assorba e si raffreddi un minimo prima di darla al cane.
È comunque opportuno leggere sempre le istruzioni.

È più digeribile e ha i seguenti benefici:

  • È una valida fonte di carboidrati
  • Dà l’energia necessaria per affrontare la consueta attività fisica
  • Aiuta a mantenere una dieta equilibrata e completa, soprattutto se il cane mangia cibo casalingo.

Quando i cani non possono mangiare la pasta

Se il cane si mostra intollerante o ha qualsiasi altro problema legato all’assunzione di pasta, è meglio evitare che la mangi altre volte.

Se si rispettano dosi e indicazioni del veterinario, gli effetti collaterali della pasta, anche se rari, possono essere i seguenti:

  • Flatulenze eccessive
  • Vomito
  • Dissenteria
  • Problemi digestivi
  • Allergia o intolleranza.

Dopo che il cane ha mangiato la pasta è bene che si pulisca i denti con un gioco idoneo allo scopo: è un alimento che ha una consistenza particolare che tende rimanere tra i denti del nostro fedele amico.

I cani possono mangiare la pasta?

Assolutamente vietata la pasta al sugo, al pesto, con il ragù, o qualsiasi altro condimento – in sostanza gli avanzi – perché possono contenere cibi dannosi come la cipolla o l’aglio.

Non tutti i cani possono mangiare la pasta

Ma tutti i cani possono mangiare la pasta? In realtà no. Bisogna ricordare che la pasta è particolarmente indicata per i cani che fanno molta attività fisica perché i carboidrati sono un’ottima fonte di energia, ma se non vengono bruciati, rischiano di trasformarsi in grasso che si accumula.

Ci sono delle razze di cani per cui la pasta è davvero un alimento vietato. Si tratta di:

  • Rough Collie
  • Bulldog Inglese
  • Boxer
  • Labrador
  • Carlino
  • Basset Hound
  • Bassotto
  • Beagle

I cani possono mangiare la pasta?

È assolutamente sconsigliata la pasta nella dieta di cani obesi o di razze predisposte. Infine, non è indicata neppure per i quadrupedi anziani, sterilizzati o pigri.