Nena, cane di una clochard salvata da una grave infezione all’utero

Nena è una cagnolona che, come molti altri, spesso rischia di essere trasparente come i suoi proprietari. Per fortuna è salva.

Nena è il cane di una donna senza fissa dimora di Milano. Non è l’unico cane a trovarsi in queste condizioni. Possiamo considerarlo una sorta di dramma silente degli ultimi degli ultimi: gli animali dei clochard.

La donna si era accorta che la sua cagnolina non stava bene, ma purtroppo non aveva la possibilità di portarla in una clinica veterinaria. Così, i volontari dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) sono accorsi nei giorni scorsi in aiuto di Nena, dopo aver ricevuto la richiesta d’aiuto dalla sua compagna umana.

Nena, cane di una clochard salvata da una grave infezione all’utero

La dolce cagnolona, di circa cinque anni, rischiava di morire a causa di una piometrite. Si tratta di una grave infezione all’utero, per cui è necessario intervenire nel più breve tempo possibile. E’ un’infezione molto frequente nelle cagne soprattutto dai 6 agli 8 anni.
Operata grazie al supporto dei volontari dell’Oipa, ora Nena è in convalescenza postoperatoria, monitorata e accudita in attesa di poter togliere finalmente i punti e dimenticare questa brutta esperienza.

«Con la nostra solidarietà possiamo far sentire la nostra vicinanza a lei e alla sua umana dimostrando loro che non sono sole», spiega Francesca Collodoro, delegata dell’Oipa di Milano. «Quando un invisibile chiama, siamo pronti a fare squadra per aiutare e, in tal caso, per salvare una vita».

Nena, cane di una clochard salvata da una grave infezione all’utero

Gli animali dei clochard sono davvero numerosi, e rischiano spesso di essere invisibili, esattamente come i loro proprietari. Per questo Oipa ha pensato ad un progetto, dal nome “Progetto Virginia”, attivo dal 2018. Si tratta del primo di assistenza veterinaria e comportamentale gratuita per i cani dei senza fissa dimora di Milano. E quest’intervento di Nena è avvenuto proprio nell’ambito di questo progetto.

“Progetto Virginia” mette a disposizione un medico veterinario e un educatore cinofilo per garantire agli animali le cure veterinarie di base e per fornire indicazioni e consigli per gestirli al meglio. E’ una bellissima iniziativa ideata e dedicata ad una delegata dell’Oipa di Milano, prematuramente scomparsa.

Se Nena ora è salva e a breve potrà tornare alla sua vita normale, è solo grazie a loro. Le hanno salvato la vita.

POTREBBE PIACERTI ANCHE QUESTO: Bologna: 48 cuccioli di cane e 2 gatti sequestrati in un furgone proveniente dall’est Europa

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati