Nicole e Archi, separati a chilometri di distanza a causa della guerra in Ucraina

Davvero un'ingiustizia, un destino che nessuno merita ed una sofferenza atroce. La povera Nicole è costretta a stare lontana dal suo amato cane

La guerra sta creando problemi di ogni tipo in ogni parte del mondo. Sta spezzando legami, distruggendo famiglie e mietendo vittime ogni giorno. Nessuno merita di essere privato di qualcuno o qualcosa di caro a causa delle scelte di un Paese. I protagonisti della storia di oggi stanno vivendo davvero un dramma. I loro nomi sono Nicole e Archi e sono padroncina e cane, separati dalla guerra per caso e anche per sfortuna.

Quando la guerra in Ucraina è esplosa, Nicole e la sua famiglia erano in vacanza da alcuni parenti a Montesarchio, in provincia di Benevento. Di fronte al conflitto hanno deciso di rimanere in Italia, aiutati dall’accoglienza degli abitanti di Cervinara, un comune nell’Avellinese. La bimba ha subito mostrato dei problemi; non mangiava e non dormiva spesso, guardava le foto del suo cane e piangeva.

no war

LEGGI ANCHE: La cagnolina abbandonata Bassotto ha trovato una mamma che si prende ogni giorno cura di lei (VIDEO)

Archi era rimasto in Ucraina per evitargli la vacanza faticosa, ma quella scelta sembrava trasformarsi in un addio. Nicole e la sua famiglia arrivano da un paesino vicino a Leopoli, zona fortemente bombardata dai missili russi. Lì il loro cane Husky è solo e probabilmente sta soffrendo la mancanza della sua famiglia. Il solo pensiero logora la povera bimba. Nicole ha deciso di tornare nel suo Paese: “Porto viveri ai miei parenti e recupero il nostro cagnolino. È un pezzo della nostra famiglia“.

cane husky

Dopo qualche settimana finalmente Nicole e Archi sono tornati ad abbracciarsi e la storia fortunatamente si è conclusa con un lieto fine. I genitori di Nicole sono commossi dall’impegno della figlia per recuperare il suo amato cane e sono felici di vederla contenta e sorridente.

LEGGI ANCHE: Raffe, il cane che gira gli Stati Uniti insieme ad un cavallo e ad un umano per salvare i randagi

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati