Ringhio, il Pastore Maremmano rinchiuso per mesi in un box che ora cerca la felicità

La storia di Ringhio, il Pastore Maremmano rinchiuso per mesi in un box dal suo proprietario che dopo il salvataggio cerca la felicità

Cane salvato

Oggi vogliamo raccontarvi la storia di Ringhio, il Pastore Maremmano che dopo una vita difficilissima sta cercando di rinascere.

La storia di oggi mette (ancora una volta!) in luce quanto troppo spesso gli esseri umani non si meritino l’appellativo di migliori amici dei cani.

Quante troppo persone ancora oggi considerino i cani degli oggetti, degli animali da maltrattare e abbandonare come se niente fosse.

Ringhio, il Pastore Maremmano rinchiuso per mesi in un box che ora cerca la felicità

Le notizie di animali abbandonati, maltrattati o peggio ancora uccisi da coloro che avevano promesso di prendersi cura di loro ogni giorno riempiono la cronaca del nostro paese.

La storia del Pastore Maremmano Ringhio è l’ennesima storia che mostra il lato più oscuro di noi esseri umani.

Perché questo bellissimo amico a quattro zampe probabilmente non è mai stato felice e non ha mai conosciuto l’amore.

Ringhio, il Pastore Maremmano rinchiuso per mesi in un box che ora cerca la felicità

Ringhio viveva in un allevamento di Monte Roberto, in provincia di Ancona. Viveva dentro ad un box e aveva il compito di fare da guardia ai polli.

Quando i volontari dell’Oipa lo hanno trovato, le sue condizioni erano disastrose. Era rinchiuso nel box, ricoperto dai suoi stessi escrementi, circondato da mosche e insetti vari.

In più era anche macchiato di sangue, dal momento che la sua zampa anteriore destra presentava una tumefazione ed una forte emorragia.

Ringhio, il Pastore Maremmano rinchiuso per mesi in un box che ora cerca la felicità

Per fortuna il salvataggio è avvenuto in tempo. Ringhio è stato portato in una clinica veterinaria della zona, dove un team di esperti veterinari si è preso cura di lui,

I veterinari hanno controllato la sua zampetta e adesso dobbiamo sperare che la massa asportata fosse benigna.

La speranza è che Ringhio possa stare presto bene. Deve riprendersi e deve anche trovare una famiglia che gli faccia conoscere il vero amore.

Quell’amore che probabilmente non ha mai conosciuto, quella felicità che non ha mai conosciuto. Proprio come è successo a Oreo, il cagnolino sordo e cieco abbandonato in un modo orribile che oggi è finalmente felice.