Sangue negli occhi del cane: cos’è l’ifema e cosa significa?

L'ifema, o emorragia intraoculare, ha dei sintomi molto evidenti. Vediamo allora come curare la presenza di sangue negli occhi del cane.

cane con sangue negli occhi

Quando vediamo del sangue negli occhi del cane, vuol dire che ha un ifema in atto. Spesso ce ne accorgiamo a occhio nudo perché l’occhio si colora di un rosso intenso. Può colpire un solo occhio o essere bilaterale, e in quel caso la vista potrebbe essere compromessa in modo significativo.

In nostro amico a quattro zampe in genere non manifesta particolari fastidi, ma in alcuni casi può succedere che senta dolore, blefarospasmo, fotofobia e aumento lacrimazione.

Le cause

Il sangue negli occhi del cane può essere una conseguenza di un trauma.
Se la causa dell’ifema non è un trauma, potrebbe essere presente una malattia sistemica.

Sangue negli occhi del cane: cos'è l'ifema e cosa significa?

Può dipendere dall’ingestione di una sostanza tossica, come il veleno per topi, e dallo sviluppo di una coagulopatia. Oppure Fido potrebbe essere entrato in contatto con zecche infette, a seguito di un viaggio ad esempio.

Malattie correlate

Il veterinario potrebbe diagnosticare una malattia sistemica pregressa¸ come un’insufficienza epatica o renale, oppure si potrebbe trattare di una patologia neoplastica in altra sede.

Potrebbe dipendere dall’ipertensione o da un problema cardiaco.

Sangue negli occhi del cane: cos'è l'ifema e cosa significa?

Negli esemplari più giovani può verificarsi una anomalia congenita (ad esempio la Collie Eye Anomaly – CEA). In questo caso una visita ‘familiare’ è altamente consigliata: anche i fratellini e i genitori potrebbero esserne affetti.

Sangue negli occhi del cane: la diagnosi

Se il veterinario si troverà in presenza di sangue negli occhi del cane, eseguirà un esame clinico completo. È importante escludere eventuali altre emorragie, per esempio gengivali, cutanee o gastrointestinali.

Per arrivare alla causa scatenante bisogna procedere per esclusione. Bisognerà cercare eventuali segni indicativi di un qualche trauma (ecchimosi sul muso, ferite o fratture).

Sangue negli occhi del cane: cos'è l'ifema e cosa significa?

L’esame oculare comprende un’attenta valutazione del globo per cercare eventuali lesioni corneali o emorragie sottocongiuntivali.

Nel caso di malattie sistemiche potrebbe verificarsi un coinvolgimento di entrambi gli occhi, anche se non in modo simmetrico. E’ importante anche la misurazione della pressione intraoculare, in base al risultato ottenuto dipenderanno le scelte terapeutiche.

In caso di ifema totale, che rende impossibile l’esame intraoculare, dovrebbe essere eseguito l’esame ecografico. Questo si rivela particolarmente utile in caso di traumi o di neoplasie.

Se vi sono segni di trauma del globo, bisogna fare una radiografia al cranio ed eventuali esami di laboratorio (emocromocitometrico ed ematobiochimico, profilo coagulativo e test specifici per la ricerca di alcuni agenti infettivi).

La cura

Per prima cosa si deve identificare la causa della presenza del sangue negli occhi del cane, evitare emorragie ricorrenti, tenere sotto controllo l’uveite e limitarne le conseguenze.
Se esiste una malattia sistemica correlata è fondamentale curarla.

Il trattamento specifico di sangue negli occhi del cane è quasi sempre sintomatico. Se si escludono ulcere corneali, risulta efficace la somministrazione di corticosteroidi topici.

Gli antinfiammatori sono da evitare a causa dei loro effetti sulla funzionalità delle piastrine e sulla coagulazione.

Sangue negli occhi del cane: cos'è l'ifema e cosa significa?

L’atropina dovrebbe essere somministrata con cautela per il potenziale rischio di sviluppo di glaucoma.

Gli agenti fibrinolitici possono sciogliere i coaguli di sangue ma – visto che è necessaria l’iniezione nella camera anteriore dell’occhio – si prendono in considerazione solo in casi particolari.

Se i danni oculari dati dal trauma sono troppo estesi o se l’ifema ha provocato una grave uveite cronica e/o un glaucoma secondario, l’enucleazione rappresenta purtroppo la procedura chirurgica più indicata. L’enucleazione è indicata anche nei casi di neoplasie intraoculari.