Adottare un nuovo cane: come comportarsi e cosa fare, situazione per situazione

Hai deciso di adottare un nuovo cane, ma sei davvero sicuro di essere pronto? Qui ti offriamo alcune risposte a questa e altre domande

I nostri amici a quattro zampe sono talmente fantastici che è difficile pensare a una vita senza di loro, per questo non è insolito che un padroncino decida di adottare un nuovo cane, anche quando in casa ce n’è già uno.

Per quanto bello sia, però, non dobbiamo prendere la situazione alla leggera e ricordarci che bisogna seguire delle accortezze ben precise, per il bene dei quadrupedi ma anche per quello degli altri membri della famiglia.

Sei sicuro di essere pronto per adottare un nuovo cane? Un gesto nobile, certamente, ma che ha bisogno di un’attenta preparazione. Ecco cosa sapere!

Indice

Prepara la casa al suo arrivo

cucciolo di weimaraner

Non importa che ci sia un altro cane in casa oppure no, quando devi adottare un nuovo cane prima di tutto c’è da preparare la casa al suo arrivo. Come fare? Innanzitutto vuol dire rispondere alle sue necessità primarie, dandogli i suoi spazi, i suoi giochi e i suoi accessori. Tutte cose che devono essere pronte prima che metta piede nella sua nuova casa!

Specialmente se hai già un altro quadrupede, ricorda che non puoi pretendere che condividano spazi e oggetti sin da subito. Prima avranno bisogno di socializzare e conoscersi e soltanto in seguito – se lo vorranno – saranno loro a decidere cosa condividere oppure no. A prescindere da questa situazione ipotetica, acquista accessori nuovi che siano esclusivamente prerogativa del tuo nuovo quattro zampe.

Prendi un bel lettino comodo per i suoi sonnellini, dei giocattoli per i momenti di divertimento e ovviamente prepara anche la zona pappa con le ciotole per l’acqua e le crocchette. Quando lo porti dal veterinario, assicurati di chiedere informazioni circa l’alimentazione del cane che dipende da tanti fattori, come l’età e le condizioni di salute.

Importantissimi sono anche collare, guinzaglio e microchip del cane da far mettere alla prima visita veterinaria, in modo che tu possa sempre identificarlo e rintracciarlo in caso di fuga.

Aiutalo ad ambientarsi

cane corgi con gli occhi chiusi

Tutti i cani indistintamente hanno bisogno di un periodo di “assestamento” al loro arrivo in casa. Immagina quanto debba sentirsi smarrito un quattro zampe che si ritrova catapultato in un luogo che non ha mai visto prima. È naturale che abbia bisogno di ambientarsi e qui entri in gioco proprio tu!

Il padroncino non è soltanto la persona che riempie la ciotola di pappa o lancia la pallina, ma è prima di tutto una guida e un punto di riferimento. Ecco perché quando decidi di adottare un nuovo cane devi essere ben consapevole di quanto sia importante il tuo ruolo.

Come aiutare il cane ad ambientarsi? Un primo passo utile è fargli conoscere la zona per i bisognini, quella che in sostanza utilizzerà finché non lo avrai abituato alla sua nuova routine fatta di passeggiate. Poi pian piano inizia a mostrargli tutto ciò che gli appartiene: la sua cuccia, le sue ciotole, i suoi giocattoli. Il cane deve cominciare a familiarizzare con i suoi nuovi spazi e per farlo ha inevitabilmente bisogno di un po’ di tempo.

Un’idea – sia che tu abbia già un cane oppure no – è tenere il nuovo arrivato isolato per almeno 24 ore, in modo tale da consentirgli di familiarizzare con odori, persone, altri eventuali animali senza che si senta troppo esposto. La gabbia è uno strumento utile in questi casi, che consente a Fido di sentirsi al sicuro e contemporaneamente di esplorare visivamente la sua nuova casa.

Lascia che esplori la casa

cucciolo e ragazza

Quando il nuovo cane appena arrivato si sarà tranquillizzato, quello è il momento per iniziare a fargli esplorare la casa e tutte le varie stanze a sua disposizione. Ovviamente non puoi pretendere che si senta a proprio agio sin da subito e anche in questa fase dagli il tempo di cui ha bisogno per sentirsi al sicuro.

Inizia col lasciargli esplorare una stanza per volta, meglio ancora se una al giorno. E soprattutto cerca di porti in modo tranquillo, non addossargli ancor più ansia: se vuole annusare o toccare qualcosa con il muso, lasciaglielo fare!

Allo stesso modo, se ti sembra che Fido sia un po’ agitato o a disagio non costringerlo a proseguire in questa esplorazione della casa. Magari per il momento preferisce tornare nella sua gabbia, dove si sente più protetto e al sicuro. Ricorda sempre di osservarlo e fare tutto in relazione al suo umore e alle sue reazioni.

È il caso di adottare un secondo cane?

cane anziano

Adottare un nuovo cane è una scelta di grande responsabilità, sia quando si tratta di un cucciolo che di un cane preso dal canile. In ogni caso è qualcosa che ci riempie la vita di tanta gioia e amore, ma prima di farlo devi essere proprio sicuro di potergli offrire tutto ciò di cui ha bisogno per sentirsi protetto, al sicuro e amato.

Le maggiori difficoltà si riscontrano in genere quando c’è già un quattro zampe in casa, che ovviamente (è naturale) resta un po’ spiazzato quando arriva un nuovo compagno di giochi. Ricorda che i cani si affezionano tanto alla propria casa e ai propri spazi, così come alle persone di cui spesso diventano molto gelosi. Ecco perché devi porti qualche domanda prima di prendere la decisione di adottare e introdurre un altro cane in casa.

Innanzitutto chiediti se il cane che hai già è ben educato, perché devi sapere che si influenzerebbero a vicenda ed è importante che il nuovo arrivato veda nel suo coinquilino un buon punto di riferimento. Poi c’è il discorso legato al sesso del cane: in genere è meglio adottare una femmina se hai un maschio, e viceversa. Così come l’aspetto del carattere, anche se è difficile da mettere in pratica: a un cane dal carattere forte è meglio affiancarne uno più tranquillo, in modo che si compensino.

E poi c’è il fattore età di cui dovresti tener conto prima di adottare un secondo cane. Meglio che siano il più possibile “coetanei” o giù di lì. Affiancare a un cane anziano un cucciolo non è proprio l’ideale!

Come far andare d’accordo due cani

cani che si baciano

Ed eccoci al punto cruciale della questione: è possibile far andare d’accordo il proprio cane con il nuovo adottato? Naturalmente la risposta è sì, ma sappi che non accade tutto come per miracolo. Ancora una volta il tuo ruolo è fondamentale nella gestione di questo nuovo “incontro” e devi fare tutto ciò che è in tuo potere per renderlo sereno e assolutamente non traumatico.

Per il primissimo incontro sarebbe meglio evitare la casa in cui i quattro zampe4 abiteranno insieme. Meglio scegliere un luogo più “neutrale” in cui si sentano entrambi a proprio agio e predisposti a fare nuove conoscenze. Ricorda che il primo incontro è cruciale per entrambi gli animali e devi fare in modo che sia sereno. Solo dopo che si saranno conosciuti e “accettati”, porta il nuovo cane in casa.

Dai a entrambi le giuste attenzioni

cane annusa la mano

Da qui inizia un’altra fase piuttosto delicata perché per la prima volta i due cani si ritrovano a condividere l’ambiente domestico. La cosa più importante che devi fare, oltre a tenere separate le loro zone pappa e nanna, è cercare di non concentrare tutte le tue attenzioni sul nuovo arrivato. Questo comportamento – per quanto naturale e innocente sia – può innescare nel tuo Fido una reazione di gelosia che potrebbe compromettere il rapporto con il nuovo compagno di giochi.

A tal proposito bada bene a non stravolgere completamente la routine del tuo “primo” cane. Entrambi hanno bisogno di punti di riferimento e così facendo rischieresti di rendere Fido agitato e nervoso, anche meno predisposto ad accettare la presenza del nuovo cane. Fido deve comprendere che l’altro quattro zampe non lo priverà mai di niente, né di attenzioni né delle cose a cui tiene.

Costruisci una buona routine

cani che giocano insieme

Modificare leggermente la routine del primo cane è una cosa necessaria, ma impegnati a non stravolgerla del tutto e a effettuare ogni piccolo cambiamento in modo graduale. Il nuovo cane che hai adottato deve avere il tempo di ambientarsi e abituarsi alla presenza della sua nuova famiglia, ma allo stesso modo anche il tuo primo quattro zampe deve avere modo di accettare i cambiamenti.

Prova ad adattare per quanto possibile la routine del secondo cane a quella del primo, in modo che entrambi si abituino anche a trascorrere del tempo insieme. Cerca di non variare gli orari delle passeggiate oppure la loro lunghezza, così si sentiranno entrambi gratificati allo stesso modo. I cani hanno bisogno di ritmi ben precisi, devono abituarsi a seguire uno schema giornaliero costante, regolare e privo di imprevisti (salvo eccezioni particolari).

E poi pensa quanto è bello sapere come il tuo primo cane possa diventare una sorta di guida per il nuovo arrivato. Il secondo cane può imparare tanto da lui, anche solo cercando di imitarne il comportamento.

LEGGI ANCHE: Requisiti per adottare un cane: quali sono?

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati