Aster, la cagnolina che ha rischiato l’eutanasia perché nata sorda e cieca

Questa povera cagnolina ha rischiato di essere soppressa soltanto perché è nata diversa dai suoi fratellini

La storia di questa cagnolina che si chiama Aster è davvero molto triste. Purtroppo, è nata sorda e cieca e il suo ex proprietario voleva sopprimerla solo per questo. Lei è nata diversa dai suoi fratellini e questa era la sua unica colpa.

Sfortunatamente, quando la sua ex famiglia ha scoperto che la cagnolina non poteva né vedere e né sentire, ha deciso di portarla dal veterinario per fargli fare l’eutanasia. Una volta arrivati lì però, non tutto è andato secondo i loro piani!

Il veterinario, infatti, non appena ha capito cosa stava accadendo, ha deciso di fare qualcosa di concreto. Non poteva permettere a quelle persone di sopprimere un cane soltanto perché nato sordo e cieco. Era assurdo solo pensarci.

LEGGI ANCHE: Scafati, scappata via una meticcia di media taglia, così si son perse le tracce della cagnolina Milka

La piccola Aster, infatti, poteva vivere una vita meravigliosa anche in queste condizioni. Con le giuste cure e la giusta famiglia, la pelosetta poteva essere felice e ricevere tutto l’amore che aveva sempre desiderato e sognato.

Così il medico ha iniziato a cercare un rifugio disposto ad accoglierla. Proprio in quel momento, Krysten, una donna che si prende cura di cani speciali ha visto le foto di Aster sui social e si è innamorata di lei all’istante. Sapeva che poteva cambiare la sua vita per sempre, così ha scelto di fare qualcosa.

La donna si è recata al rifugio ed ha chiesto di adottare la cagnolina. L’ha portata a casa e ora la piccola ha anche un migliore amico speciale: Teddy un meraviglioso micio rosso. Per qualche ragione, Aster e Teddy sono semplicemente inseparabili.

Grazie a Krysten ora la cagnolina ha una vita stupenda. Ha rischiato di essere soppressa, ma si è presa la sua rivincita e adesso è amata e coccolata. Non poteva trovare una famiglia migliore. Aster si è presa il lieto fine che meritava ed è davvero felice di aver trovato tanto amore. Lei non sa di essere diversa, perché è speciale!

LEGGI ANCHE: Il sogno di Anna, piccola paziente oncologica, si è avverato: voleva essere una volontaria per un giorno

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati