Cagnolino rischia la vita dopo essere stato rinchiuso all’interno di un’auto

Il pelosetto rischia la vita dopo che i suoi proprietari lo hanno rinchiuso all'interno di un'auto

La storia che vogliamo raccontare oggi proviene da Taranto ed ha davvero dell’incredibile. Il protagonista della vicenda è un povero cagnolino che ha trascorso dei momenti ricchi di ansia e di paura. Il pelosetto, infatti, ha rischiato la vita dopo essere stato rinchiuso all’interno di un’auto dai suoi proprietari.

Probabilmente i genitori umani del quattro zampe non si sono resi conto della gravità della situazione. Purtroppo il cagnolino ha rischiato davvero grosso, anche se alla fine la vicenda si è conclusa nel migliore dei modi.

LEGGI ANCHE: I cagnoloni Pit Bull Stark e Oliver conducono la vita che avevano sempre sognato (VIDEO)

Ci troviamo a Taranto in tarda mattina di giovedì 11 agosto. Qui alcuni passanti non hanno potuto fare a meno di notare la presenza di un cagnolino all’interno di un’automobile. Il pelosetto era da solo e stava soffrendo per le alte temperature di quell’ora e per la mancanza di ossigeno.

I presenti, vedendo il quattro zampe in quello stato, hanno immediatamente chiamato i soccorsi i quali hanno deciso di portare il Fido in aiuto. La Polizia, dunque, ha rotto il vetro dell’auto salvando il cagnolino da quella difficoltosa situazione.

cagnolino bianco

Gli agenti hanno poi aspettato l’arrivo dei proprietari del cucciolo. Al loro ritorno i genitori umani del pelosetto hanno affermato che si erano allontanati da poco e che non si erano resi conto della gravità della situazione. Nonostante abbiano affermato di amare il loro cagnolino, la Polizia ha redatto a loro un verbale per quanto accaduto.

Senza andare incontro a discussioni, i padroni del pelosetto hanno pagato la multa ed hanno voluto sottolineare di voler molto bene al loro cucciolo e che non gli farebbero mai del male. Tutto è bene quel che finisce bene.

storia di un cagnolino

Ti è piaciuto questo articolo? Allora leggi anche: Cagnolino gettato dal terzo piano: si ricerca il responsabile

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati