Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

I cuccioli di Setter Scozzese ti hanno conquistato e ne vuoi uno. Cosa devi sapere prima di farlo entrare in casa? Scopriamolo insieme.

cuccioli di setter scozzese

Vorresti un nuovo cagnolino e tra i tuoi preferiti in assoluto ci sono i cuccioli di Setter Scozzese. Prima di prenderne uno, conviene informarsi. Com’è il suo carattere? È un cane da appartamento o predilige la vita all’esterno in luoghi ampi? Potrebbe manifestare tendenze aggressive? Quando prendiamo un cucciolo, ci assumiamo la responsabilità di tenerlo con noi per tutta la vita e di renderlo felice per quanto possibile. Vediamo quindi una piccola guida sui bellissimi cuccioli di Setter Scozzese per prepararci al meglio qualora dovessimo sceglierne uno come compagno di vita.

Origini dei cuccioli di Setter Scozzese

Da dove provenga questo esemplare, visto il suo nome, sembra abbastanza ovvio. Infatti il Setter Scozzese, denominato anche Setter Gordon, affonda le sue radici in Scozia, dove è considerato un eccellente cane da ferma e da riporto. Ma non è tutto qui. Col tempo, osservandolo e mettendolo alla prova, ci si è resi conto che è stato in grado persino di essere un ottimo cane da compagnia e da guardia.

Come è possibile notare, quindi, si parla di un cane abbastanza versatile, sveglio ed intelligente. Non sono tutte le razze ad essere in grado di spaziare da un ruolo all’altro in maniera così naturale.

I primi esemplari conosciuti affondano le radici nel XIX secolo, frutto di un incrocio davvero particolare: quello tra il Setter Inglese e il Border Collie. Mostra infatti caratteristiche sia di una razza che dell’altra.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Sembra che il primo sostenitore di questo insolito, ma vincente, incrocio, sia il Duca Alessandro IV di Gordon Castel. Proprio da questo deriva la seconda denominazione di questo esemplare. L’uomo era un grande allevatore di Setters, ma teneva cara una cagnolina con cui era davvero inseparabile e divideva le giornate e l’abitazione. Era una giovane Border Collie.

Sembra che il primo esemplare di Setter Scozzese sia nato proprio dall’incrocio della sua Border Collie e del capostipite dell’allevamento di Setter. Così nacque il primo esemplare di Setter Scozzese, abile nella caccia e molto intelligente.

Dopo qualche anno gli esemplari si sono diffusi in parte dell’Europa, arrivando poi in Russia. Successivamente, la razza è stata richiesta anche negli Stati Uniti e in Australia.

Carattere dei cuccioli di Setter Scozzese

Una volta conosciute le sue origini, possiamo proseguire ed approfondire la conoscenza di questa meravigliosa razza, ponendo attenzione sul suo carattere. Questo è molto importante se vogliamo prendere un cucciolo. È sempre bene informarsi prima sulle dinamiche caratteriali di una razza. Soprattutto per le persone meno esperte, non è il caso di scoprirle passo dopo passo quando il cucciolo è già in casa.

I Setter Scozzesi, per loro natura, sono dei cani molto fedeli ai padroni. Li difenderebbero a qualsiasi costo e si fidano ciecamente del loro compagno di vita umano. Il loro grande senso di fedeltà li porta ad essere pure molto accondiscendenti. Soprattutto quando si avvicinano verso l’età adulta, infatti, mostrano un carattere abbastanza mite, in linea con le esigenze del padrone. Per questo motivo riescono ad essere degli ottimi compagni in casa.

Non è tutto. Chiunque abbia avuto a che fare con un esemplare di questa razza, lo descrive anche molto paziente, docile e coraggioso. Il cane non mostra tutte queste sue qualità in un’unica volta. Spesso lascia che venga fuori il suo aspetto più consono all’uso che il suo padrone fa di lui. In che senso?

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Se preso come cane da compagnia, il Setter Scozzese è molto calmo, pacato, docile ed educato. Raramente si ribella agli ordini del suo padrone e mostra tendenze aggressive. Se invece viene preso come cane da caccia, ovviamente mostra un altro genere di qualità.

In quel caso ci troviamo di fronte ad un cane sicuro di sé, agile, dalla grande prestanza fisica e, soprattutto, molto testardo nel suo ruolo. Un Setter Scozzese raramente rinuncia alla sua preda. Potrebbe correre per ore pur di portare a termine la sua caccia e tornare dal padrone col suo bottino.

Cuccioli di Setter Scozzese e bambini

Se vuoi prendere un cucciolo in casa, devi sapere con largo anticipo che rapporto riesce ad instaurare con i più piccoli. Sicuramente, un cane aggressivo o poco paziente non può instaurarne uno che ti faccia stare tranquillo.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Nel caso del Setter Scozzese, nonostante le sue origini da cacciatore, non c’è da preoccuparsi. Insieme a tutte le sue grandi qualità, sembra spiccare anche la sua grande tolleranza verso i bambini. Si adatta a qualsiasi gioco i più piccoli vogliano imporgli e si diverte ad inseguirli negli spazi aperti, così come è felice di rilassarli con loro sul divano. Insomma, il compagno ideale per i bambini che cercano un amico fedele.

Prendersi cura di un piccolo Setter Scozzese

Il Setter Scozzese è di per sé un cane abbastanza longevo. Sembra infatti che la sua vita media oscilli tra i 12 e i 14 anni. Durante tutto il percorso della sua vita, salvo problemi genetici, non mostra particolari patologie che possono essere considerate tipiche della sua razza. È un cane sostanzialmente sano, non mostra particolari tendenze ad allergie e sembra adattarsi a tutti i contesti in cui viene inserito.

L’unico problema per cui serve molta prevenzione, è quello legato a tutti i pelosi della sua taglia. Potrebbero insorgere patologie legate alla displasia dell’anca.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Questo però non è da dare per certo. Un’ottima prevenzione e molto movimento, potrebbero tardare l’insorgenza di questa patologia o, addirittura, potrebbero non farla manifestare proprio.

Svolgere le visite di routine dal veterinario può essere molto utile ai fini di stabilire un ottimo piano di prevenzione.

Educare un Setter Scozzese è complicato? Si ribella?

Come già accennato in precedenza, il Setter Scozzese è un cane dalle innumerevoli qualità che lo rendono un peloso molto intelligente ed intuitivo. Lo abbiamo descritto come fedele e docile, educato e paziente. Queste, però, sono delle qualità che ovviamente ogni esemplare sviluppa nel tempo.

Da cucciolo, il Setter Scozzese, è molto vivace e forse fin troppo sveglio e voglioso di movimento. Questo potrebbe creare qualche piccolo problema durante il suo addestramento. Oppure, al contrario, potrebbe essere sfruttato a favore del padroncino. In che senso?

I cuccioli di questa razza, soprattutto da piccoli, adorano la vita all’aria aperta, il gioco e il movimento. Tentare un approccio all’educazione che somigli il più possibile ad un gioco, potrebbe essere una valida soluzione per ottimizzare tempi e risultati dell’addestramento.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Tanti sorrisi, dei giochi e delle ricompense sono il mix perfetto per far si che i nostri cuccioli di Setter Scozzese diventino super educati in poche settimane. Se inizialmente il cucciolo sembra non ascoltarti non temere. È normale che i primi giorni non sia ancora nato un canale comunicativo tra te e il tuo cane. Non credere a chi ti dice che questo è stato immediato.

Aspetta qualche giorno, fai divertire il tuo cucciolo e vedrai che l’addestramento sarà un gioco anche per te. È ovvio che se dovesse manifestarsi qualche problema in particolare, va contattato un esperto. Questa razza di per sé non mostra tendenze aggressive, ma, per esempio, ogni cucciolo impaurito può mostrare i denti e ringhiare. Potrebbe essere un caso isolato, ma è sempre bene contattare un esperto.

Un Setter Scozzese felice deve muoversi tanto

I cuccioli di Setter Scozzese si adattano perfettamente alla vita domestica e sono degli ottimi cani da compagnia. Attenzione però. Dire questo non significa che il cucciolo possa vivere all’interno di un appartamento privi di spazi esterni.

La vita che predilige un cane di questa razza, vede come necessari degli spazi aperti in cui muoversi liberamente, tanto gioco e tanta attività fisica. Nel caso in cui vuoi un cucciolo di Setter Scozzese e abiti in un appartamento privo di spazio esterni, devi sapere delle cose.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Il cane, in quel caso, avrà bisogno di almeno tre passeggiate giornaliere e abbastanza lunghe. Per la sua conformazione fisica e per la sua indole, ha bisogno di movimento. Relegarlo in casa significa non solo stressarlo fino a probabili manifestazioni di depressione, ma anche causare dei danni fisici. Il movimento serve per escludere future patologie come la displasia dell’anca, tipica dei cani della sua taglia.

Inoltre, nel fine settimana o quando il lavoro te lo permette, non privarlo mai di qualche oretta al parco. Il Setter Scozzese è un cane agile e socievole. Queste due qualità, però, devono essere coltivate e mantenute. Un cucciolo che passa molto tempo fuori, muovendosi e socializzando, puoi star certo che sia un cucciolo felice.

La cura del suo pelo è fondamentale

Se hai intenzione di prendere un cucciolo di Setter Scozzese, devi sapere anche questo. La cura del suo corpo e del suo pelo sono fondamentali. Questi esemplari, infatti, mostrano un mantello da invidia, formato da un setoso e splendente pelo lungo. Per mantenere queste sue caratteristiche, però, servono tante cure e un’accurata scelta sui prodotti da utilizzare per il suo lavaggio.

Iniziamo col dire che gli esemplari appartenenti a questa razza vanno spazzolati almeno un giorno si e uno no. Non spazzolarli per giorni implicherebbe la formazione di nodi che non solo risultano antiestetici, ma anche molto dolorosi per il piccolo quattro zampe. Se i nodi sono troppo folti, infatti, l’unica soluzione è tagliarli.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Una volta stabilita una certa routine per le spazzolate del pelo, bisogna pensare ai prodotti per l’igiene. Serve un detergente per il lavaggio che non sia aggressivo. Qualora lo fosse, il pelo potrebbe perdere la sua lucidità e la cute del cane potrebbe irritarsi.

I detergenti sono facilmente reperibili all’interno di ogni negozio per animali. Prima di prenderne uno, però, consulta il tuo veterinario e chiedi consiglio a lui per scegliere quello più adatto. Il detergente che va bene per un cucciolo, potrebbe non andare bene per un altro. Conoscere la struttura del pelo e la conformazione della cute dei nostri piccoli pelosi, sta alla base della scelta dei prodotti di igiene più adatti.

Lava bene occhi e orecchie al tuo cucciolo

Soprattutto da piccoli, i nostri cani, sono più delicati. Nel caso del Setter Scozzese, che passa molto tempo fuori tra le campagne, è necessario prendersi cura dei suoi occhi e delle sue orecchie. Queste due sono le parti più delicate e più soggette agli attacchi dei batteri. Gli occhi sono molto più esposti, le orecchie rappresentano invece un ottimo nascondiglio in cui stanziarsi per proliferare.

Lasciare libero il nostro cucciolo, significa anche controllarlo ogni qual volta torni indietro. Un graffietto insignificante o un corpo estraneo all’interno dell’occhio, se non trovati in tempo, possono dare luogo all’insorgenza di gravi infezioni. Per questo motivo, la sera, quando si torna a casa, consigliamo sempre di pulire e disinfettare gli occhi e le orecchie del nostro piccolo cucciolo.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

Nei casi più gravi, infatti, il piccolo quattro zampe, se soggetto ad un’infezione non curata, potrebbe rischiare cecità o gravi otiti che portano alla sordità. Ovviamente questi sono i casi più disperati, ma non vanno sottovalutati.

Se sei alla prima esperienza, non esitare a contattare il tuo veterinario. Il genere sin dal primo incontro, il medico mostra come effettuare la pulizia delle orecchie e degli occhi del cucciolo. Ma, qualora dovessi avere qualche dubbio, non esitare ad interpellarlo. Tenere al sicuro il nostro cucciolo da queste piccole infezioni, ci permette di tutelarlo.

Ricorda che ogni cucciolo è un caso a sé.

Questo è quello che specifichiamo ogni singola volta in cui parliamo di un problema legato alla salute del piccolo peloso. Confrontarsi con gli altri padroncini è sempre bene, è utile. Quello che però dicono non dobbiamo mai prenderlo alla lettera. Se si ha un dubbio in particolare, è meglio contattare il veterinario.

Per quanto appartenente alla stessa razza, ogni cucciolo ha le proprie caratteristiche. Tra loro, infatti, possono manifestare fisici diversi o differenti livelli di protezione da parte del sistema immunitario.

Cuccioli di Setter Scozzese: carattere, indole e cosa bisogna sapere su di loro

La stessa cosa vale anche per il carattere e per i tempi di apprendimento. Il fatto che il tuo cucciolo possa essere più lento, non significa che abbia qualche problema. Magari, semplicemente, non è pronto.

Non ricorrere quindi a creare diagnosi e cure fai da te basate sulle esperienze altrui. Se hai qualche dubbio che ti attanaglia la mente, rivolgiti ad un esperto e non te ne pentirai.