Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

Quali sono tutti i motivi e come comportarsi se il cucciolo di cane non apre gli occhi; le cause scatenanti e i consigli da seguire

cucciolo

I cuccioli, si sa, che sono esseri molto delicati ma cosa succede e perché il cucciolo di cane non apre gli occhi? Quanto tempo deve trascorrere per vederlo aprire gli occhi e cosa succede se questo non avviene?

La salute dei pelosi è di particolarmente importanza, soprattutto quando sono cuccioli; riconoscere tutto ciò che riguarda il proprio cane è importante per capire quando qualcosa non va.

Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

Gli occhi dei cuccioli

Se il vostro cucciolo di cane non apre gli occhi, probabilmente è perché è ancora piccolo. I cani infatti nascono ciechi e alla luce di ciò è normale chiedersi quando i cuccioli di cane aprono gli occhi. È bene precisare che proprio i primi tre mesi per il cane sono quelli più importanti e quelli più decisivi; da come infatti si trascorrono questi mesi è possibile affermare se il cane sia un cane equilibrato da un punto di vista comportamentale e fisico o meno.

Apertura degli occhi

Generalmente i cuccioli tendono ad aprire gli occhi per la prima volta intorno ai dieci giorni di vita; il tempo è indicativo, perché è possibile assistere a questa meraviglia qualche giorno prima il tempo indicato o perfino qualche giorno dopo.

L’apertura degli occhi non è immediata al momento della nascita, perché la loro natura è diversa da quella umana; i cani infatti devono nascere per riuscire a completare il percorso che fanno le ghiandole oculari per completare il suo sviluppo. Le ghiandole infatti in questo periodo devono rilasciare le lacrime che permettono all’occhio di non essere secco e di restare costantemente idratato.

Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

Quando però gli occhi non si aprono è necessario ricorrere al parere del veterinario che cercherà di comprendere ciò che non va. Come accennato alcuni cani possono iniziare aprire gli occhi in un tempo cronologico più lungo rispetto ad altri; tuttavia se superati i venti giorni, il cucciolo ha ancora gli occhi chiusi, è necessario rivolgersi ad un esperto ed è altrettanto sconsigliata un’apertura manuale da parte vostra. I danni potrebbero essere ingenti e compromettere irrimediabilmente la vista del peloso.

Perché il cucciolo non apre gli occhi?

Se il cucciolo di cane non apre gli occhi è possibile che ci siano delle problematicità in corso; queste possono riguardare la pulizia degli occhi o anche una malattia; prima di andare dal veterinario potrete capire se la mancata apertura sia dettata dalla sporcizia, semplicemente cercando di pulire gli occhi. È possibile infatti che intorno alle palpebre si sia accumulato muco secco che impediscono la regola apertura. Nel caso in cui si dovessero presentare anche arrossamenti o irritazioni è necessario non fare nulla e chiedere l’intervento del veterinario.

Non aprire gli occhi del cane

Anche se sono trascorsi più giorni del necessario e ancora il cucciolo di cane non apre gli occhi, è necessario non aprire in nessun caso e per nessun motivo gli occhi del cucciolo. Come già detto, i cuccioli sono parecchio delicati e per tale motivo è di grande importanza non toccare per nessun motivo gli occhi; non solo potrebbe compromettersi la vista del cane in maniera totale, ma è possibile anche mettere in pericolo la stessa vita del peloso. Il cane infatti nasce sordo e cieco, ma è una condizione solo temporanea che si sistema, quando non ci sono problemi, da sola e senza pressioni esterne.

Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

Gli interventi quindi precoci in questo caso possono risultare controproducenti e possono compromettere seriamente la qualità di tutta la vita del cane. I rischi sono così alti che è necessario non solo prendere i giusti accorgimenti, ma anche a tal punto da cercare ogni tipo di supporto da parte del veterinario. Questa fase è quella in cui è la madre a dare tutte le accortezze e gli accorgimenti che il cucciolo richiede; questa inoltre è la stessa fase in cui qualsiasi intervento superfluo da parte dell’uomo può essere considerato una disfatta e non un aiuto concreto.

Congiuntivite nel cane

Se il cucciolo di cane non apre gli occhi è possibile che ci sia un problema che deve essere risolto, prima che si comprometta seriamente la vista del peloso; è possibile infatti che il cucciolo abbia la congiuntivite; questa è un’infezione che può colpire sia gli uomini che i cani e consiste nella presenza di un’infiammazione nella congiuntiva, ovvero il tessuto che riveste le palpebre.

La congiuntivite è causata dalla presenza di virus o batteri o perfino allergie che può estendersi in una parte dell’occhio o in tutto l’occhio. Sono diverse le cause che comportano l’insorgenza di questo problema, anche il freddo infatti può essere considerata una causa ed è necessario intervenire prima che la situazione peggiori. Per quanto concerne la sintomatologia questa consiste nel rossore, nel bruciore e perfino nel prurito; queste possono essere così insidiose a tal punto che il cane non riesca a stare con l’occhio aperto. In alcuni casi l’occhio può presentare delle secrezioni.

Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

Ogni congiuntivite quindi può essere più o meno grave e solo il veterinario può capire il tipo di congiuntivite di cui è affetto il cucciolo; anche la semplice allergia a qualche fattore esterno può essere causa scatenante di congiuntivite, soprattutto in cani così piccoli.

Congiuntivite neonatale

I cuccioli possono soffrire di quello che prende il nome di congiuntivite neonatale; questa è un’infezione che provoca un gonfiore anomalo e un rigonfiamento delle palpebre che tendono a stare rigorosamente chiuse. Questi sono segnali di presenza di secrezioni oculari interne che devono essere necessariamente rimosse per fare in modo che il cane possa vedere con tranquillità.

Nel caso in cui si sospetti della presenza di una congiuntivite neonatale, risulta necessario chiedere l’intervento del veterinario che deve attuare una cura tempestiva; in caso contrario potrebbero presentarsi dei danni ingenti alla cornea del cucciolo che portano inevitabilmente alla cecità. Inoltre è bene tenere a mente che la congiuntivite è altamente contagiosa e per questo tutti i cuccioli corrono il pericolo di subire lo stesso identico problema.

Terapia per la congiuntivite

Le terapie per contrastare la congiuntivite sono diverse e dipendono dalla causa che ha provocato la congiuntivite stessa; nel caso in cui dovesse esserci presenza di pus, muco o croste è necessario pulire gli occhi un po’ di cotone imbevuto di un prodotto specifico, indicato, possibilmente, direttamente dal veterinario.

Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

È possibile inoltre che il trattamento consiste nell’assunzione di farmaci per via orale, come antibiotici o farmaci a base corticosteroidea; inoltre è probabile che il veterinario inserisca nella terapia, anche dei colliri o delle gocce per il trattamento specifico del problema. In ogni caso con molta probabilità, il veterinario metterà al cane un collare elisabettiano, utilizzato per evitare che il cane possa toccarsi gli occhi e peggiorare perfino la situazione.

Una volta aperti

Se dopo l’intervento del veterinario o meno, il cucciolo ha aperto gli occhi, è normale chiedersi come vedono i cani e quali colori vedono i cani. Una volta aperti gli occhi, la vista del cucciolo è praticamente perfetta; riescono a vedere a diversi metri di distanza e hanno una vita più sviluppata di quella umana; per quanto concerne i colori invece, c’è l’errata credenza che i cani vedano in bianco e nero. In realtà i cani riescono a vedere i colori, non con la stessa percezione e colorazione di quella umana, ma riescono comunque a percepire i colori differenti.

La vista al buio

I cani, inoltre, rispetto agli uomini sono dotati di una patina che prende il nome di tapetum lucidum; questo permette al cane di usare l’occhio come se fosse uno specchio riflettente e di permette al cane di vedere benissimo anche in assenza di luce. Per tale ragione è possibile spiegare come i cani riescono a muoversi e a camminare di notte o totalmente buio, con estrema tranquillità e senza nessuno sforzo. Per questo motivo è possibile vedere che di notte il cane riesce a muoversi senza problemi e senza sbattere nelle cose che gli si presentano davanti.

Conclusione

In definitiva se il cucciolo di cane non apre gli occhi è necessario riuscire a comprendere la causa di tale inconvenienza. Come accennato i cuccioli non aprono immediatamente gli occhi alla nascita, per lo stesso motivo per cui non sentono quando nascono. Saranno necessari alcuni giorni prima che l’apertura possa essere totale per questo è necessario saper aspettare; tuttavia è anche possibile che dopo circa venti giorni il cucciolo continui a tenere gli occhi chiusi e in questo caso risulta necessario comprendere le cause per risolverle in tempi brevi.

Cucciolo di cane non apre gli occhi: quali sono le cause e cosa fare

Ogni causa infatti deve essere trattata in maniera differente e per tale motivo è necessario ricorrere al parere di un professionista. Per qualsiasi altra informazione o per qualsiasi dubbio è necessario chiedere il parere del veterinario; questi infatti cercherà di comprendere se risulta necessario dover aspettare ancora qualche giorno per l’apertura o se è presente un problema che necessita della soluzione immediata.

La salute dei cuccioli è fondamentale per riuscire ad avere la compagnia di un essere così piccolo, ma in grado di dare amore incondizionato. È necessario quindi aiutarli ed intervenire tempestivamente per riuscire a farli stare bene e per dare l’occasione a questi cuccioli di vivere una vita piena e felice.