Giada: piccola Segugia tripode in cerca di casa

Vittima di un cacciatore senza scrupoli Giada ha toccato davvero il fondo, ma ora è pronta alla felicità

Oggi vogliamo presentarvi Giada, una Segugia tripode che sta aspettando con trepidazione una seconda possibilità dalla vita.

Questa dolcissima cagnolina ha già sofferto tanto nella vita e ora merita decisamente un po’ di felicità e di tranquillità. Ha solamente due anni ma il destino finora le ha riservato solamente dolore e sofferenza.

Giada è stata vittima della crudeltà umana, di chi si erge a essere superiore e compie malvagità terribili. È stata trovata in condizioni disumane.

cagnolina accarezzata

Aveva una zampa ferita e infetta ed era magrissima. Essendo un Segugio apparteneva a un cacciatore senza scrupoli (così definito dai volontari che si stanno occupando di lei), che l’ha sfruttata per tutta la sua breve vita.

Giada a causa della noncuranza del suo padrone ha dovuto subire l’amputazione della zampa. Tuttavia adesso, per quanto sia possibile, sta bene.

Le ferite fisiche sono finalmente guarite, ma per quelle dell’anima c’è ancora tanta strada da fare. I volontari sono fiduciosi e credono fermamente che la giusta famiglia potrebbe donare a Giada la tranquillità, la sicurezza e l’amore a cui ambisce.

Giada si merita il suo lieto fine, merita una famiglia e una casa in cui vivere. Come abbiamo già detto all’inizio del nostro appelli Giada è una Segugia tripode di due anni.

cagnolina sdraiata

Pesa appena 15 chili, è buonissima e va d’accordo con tutti. La sua dolcezza vi conquisterà.

Verrà affidata vaccinata e microchippata in Campania, al centro e nord Italia. La famiglia prescelta dovrà necessariamente dare la propria disponibilità a controlli pre e post affido.

Se Giada ha fatto breccia nel vostro cuore, se state pensando di adottarla e volete prima conoscerla meglio, vi invitiamo a telefonare ad Alessia al 3297730739, oppure ad Allegra al 3388383843.

Ti è piaciuto questo contenuto? Allora leggi anche: Rudy: una vita in salita e il desiderio di felicità. Troviamogli una famiglia

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati