Ken-Kun, il cane commesso che in Giappone vende patate dolci

Si chiama Ken-Kun il cane protagonista della storia di oggi ed è un quadrupede davvero molto particolare.

Molto spesso vi raccontiamo di amici a quattro zampe che hanno un vero e proprio lavoro. Ci sono i tanti cani da salvataggio in mare, che quest’estate si sono resi protagonisti di molti salvataggi sulle nostre spiagge.

Storia del cane Ken-kun

O i cani che aiutano a cercare dispersi sepolti sotto le macerie in seguito a catastrofi. O ancora i cani che si occupano di supporto emotivo, come Daisy, il cane da Pet Therapy che aiuta i bambini nelle scuole.

Ma Ken-Kun è un cane decisamente particolare. Il suo mestiere? Il commesso in un chioschetto di patate dolci.

Cane in un chiosco Giapponese

È ormai una vera e propria celebrità in Giappone. Questo splendido esemplare di Shiba Inu si occupa completamente da solo di uno stand che vende patate dolci.

Il suo “locale” si trova in un piccolo quartiere di Sapporo, sull’isola di Hokkaido nella parte settentrionale del Giappone.

La sua occupazione è semplicissima. Ken-Kun se ne sta dentro al suo chiosco in attesa di clienti che vogliono comprare una porzione di patate dolci.

Cane che osserva

Quando qualcuno si avvicina, il cartoccio di patate è già pronto per lui. Vicino c’è una cassetta in cui i clienti lasciano i 200 yen, equivalenti a poco meno di due euro, per pagare il loro acquisto.

Alla base dello stand, ovviamente, c’è un significato profondo. Essendo il cane l’unico testimone dell’acquisto, è impossibile verificare se qualcuno paga o meno.

Ma il proprietario del quadrupede non ha dubbi. Nessuno può resistere al musino dolce di Ken-Kun e la sua attività si basa proprio sulla presunta onestà dei clienti.

Il cane Ken-kun

Le condizioni del quadrupede sono a dir poco ottimali. All’interno dello stand c’è una stufa per riscaldarlo durante le giornate fredde e un ventilatore per donargli sollievo quando fa molto caldo.

Il suo proprietario gli fa visita più volte al giorno, per portarlo a fare una bella passeggiata e per concedergli il meritato riposo dopo una lunga giornata di lavoro.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati