Susie: la cagnolina che aveva ispirato la legge contro gli abusi degli animali è morta

La storia della cagnolina picchiata e data alle fiamme a 8 settimane di vita ha ispirato anche un libro e un film

Il testo di una nota canzone recita “Un giorno ti lascerai questo mondo alle spalle, quindi vivi una vita che ricorderai”. Di certo, il passaggio della cagnolina Susie su questa terra è impossibile da dimenticare. Forse non tutti conosceranno la sua storia. Susie, però è una cagnolina importante. O meglio, era. A 13 anni di età, infatti, solo pochi giorni fa, ha attraversato il ponte dell’arcobaleno. Ma cosa ha fatto Susie di tanto speciale per essere definita “cagnolina importante”? Oggi siamo qui per raccontarvelo.

La storia di Susie inizia nel 2009. Non inizia affatto bene, a dir la verità. A sole 8 settimane di vita, infatti, viene picchiata, data alle fiamme e lasciata agonizzante in un parco a Greensboro, nella Carolina del Nord. Sembrava tutto perduto, ma qualcuno si accorge di lei e la salva. Ha ustioni sul 60% del corpo e le sue orecchie sono quasi completamete bruciate. Porterà sul suo corpo i segni di quella brutale aggressione per tutta la sua vita.

Le ferite che fanno più fatica a rimarginarsi, però, sono quelle del cuore. Per fortuna, però, Susie incontra nel suo cammino Donna Lawrence e suo marito Roy. La coppia decide di adottarla nel Natale 2009 e con tempo e pazienza, anche le ferite emotive di Susie riescono a rimarginarsi.

Di fatto, però, la sua aggressione non deve passare inosservata. Susie porta sul suo corpo la testimonianza della brutalità delle persone nei confronti degli animali. A questa barbarie bisogna mettere un punto. Per questo motivo, grazie alla sua umana, diventa la portavoce di una legge, chiamata in suo onore Susie’s law, che viene approvata nel 2010. La legge, ha inasprito le sanzioni per chiunque maltratti gli animali.

Leggi anche: Cane guida l’auto mentre il proprietario filma: non finisce bene

Non finisce qui. Donna Lawrence fonda anche la Susie’s Hope, associazione con cui nel tempo ha aiutato moltissimi cani maltrattati. Susie, inoltre, nel 2014 diventa Hero Dog dell’American Humane Association. Per di più, continua ad essere un cane da terapia per le vittime di ustioni. La storia di Susie è stata raccontata in un film e anche in un libro.

A febbraio scorso, però, a Susie diagnosticano un cancro alle ossa. Nonostante le avessero dato poche settimane, la cagnolina ha vissuto fino all’inizio di settembre. Ora Susie è oltre il ponte dell’arcobaleno. Anche da lì, però, riuscirà a ispirare le azioni di quanti hanno avuto l’onore e il piacere di incontrarla.

Leggi anche: Donna multata per aver salvato un cane in strada, è successo in Calabria

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati