Un filmato in ricordo di Bubi, Cane Lupo Cecoslovacco vigliaccamente avvelenato in Umbria (VIDEO)

Antonio ed Erika, genitori umani di Bubi, hanno creato questo video in memoria del loro amato amico a quattro zampe

Erika e Antonio, due ragazzi che vivono ad Assisi, in Umbria, hanno voluto ricordare con questo struggente filmato il loro piccolo Raoul, detto Bubi, un meraviglioso Cane Lupo Cecoslovacco barbaramente ucciso da persone senza cuore né scrupoli.

Proprio così: Bubi, splendido cucciolone, già noto sul web grazie ai tanti filmati dedicati all’addestramento e alla cura dei quattro zampe pubblicati dai suoi genitori umani, un triste giorno ha inghiottito un boccone avvelenato.

A nulla è servita la corsa dal veterinario e i disperati tentativi di salvarlo: Bubi, dopo una terribile agonia durata ben sei mesi, in quanto il veleno gli aveva distrutto il fegato, ha chiuso i suoi dolci occhioni per sempre.

La tragica e ingiusta morte di Bubi ha lasciato tanta dolore e un’immensa amarezza non solo nel cuore di Antonio ed Erika, ma anche dei tanti utenti del web che lo avevano conosciuto su Facebook e Youtube e che avevano imparato, video dopo video, a volergli bene.

A distanza di due anni, la coppia ha deciso di creare questo video in sua memoria, con l’obbiettivo che serva anche a scuotere le coscienze della gente riguardo al grave problema dell’avvelenamento degli animali, purtroppo molto diffuso nel nostro Paese.

Sfortunatamente esistono loschi personaggi che impiegano tempo nel mettere spilli dentro a pezzi di würstel, nel friggere spugne e nel riempiere con veleno delle polpette di carne.

Queste persone, indegne di esser chiamate “umane”, vivono la loro vita in funzione del dolore degli altri, impiegando energie nel realizzare un qualcosa che provocherà un dolore fisico spesso mortale a un altro essere vivente di un altra specie e una sofferenza psicologica ed emotiva immensa a altre persone innocenti.

Erika e Antonio si abbracciano

Le segnalazioni di bocconi avvelenati sono purtroppo sempre più numerose e, verificate, si rivelano spesso reali.

Chi compie questi atti vigliacchi lo fa spesso per una sorta di vendetta trasversale: l’idea non è quella di far del male al cane, ma di ” punire” il suo proprietario. Si può trattare anche di una bieca rivendicazione contro la comunità che “sporca” la città. L’avvelenatore veste così i panni di giustiziere, aiutante delle istituzioni incapaci, secondo lui, di punire come merita chi non rispetta le leggi.

Un’ossessione delirante, dunque, che scatena una tristezza e una rabbia immensa in chi ama davvero gli animali.

Questi atti vergognosi vanno combattuti e puniti con pene severe. In epoca social, la rete può essere sicuramente utile per sensibilizzare la gente su questo problema.

Lo scopo non è quello di aizzare odio su odio, perché purtroppo non serve a niente. Noi speriamo che il messaggio di Erika e Antonio arrivi al destinatario e lo faccia riflettere sull’atto vergognoso che ha compiuto o che intende compiere.

Ora a distanza di due anni, la coppia ha adottato un’altro Cane Lupo Cecoslovacco, Lorenzo, che riempie le loro giornate di allegria e tenerezza. Ma il ricordo di Bubi sarà sempre vivo nei due ragazzi. Sicuramente, dal Ponte dell’Arcobaleno, il meraviglioso cagnolone veglia su di loro e continua ad essere presente nelle loro esistenze in tanti modi.

Questo articolo, come il video di Antonio ed Erika, pubblicato nel loro canale Youtube “Lui, Lei e il Cane“, è dedicato a tutti coloro che hanno perso il loro amico fedele in maniera così atroce.

Noi speriamo che serva da monito e consiglio, quello di promuovere la salvaguardia e l’educazione di tutti gli esseri viventi: gli animali, esseri indifesi e innocenti per primi, ma anche gli uomini, unica specie realmente capace di compiere atti così vili e biechi.

Ti ha colpito questa storia? Se si, LEGGI ANCHE: Il cane Angelo: un sacrificio da non dimenticare (VIDEO)

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati