Cane e gattino: come farli andare d’accordo senza pericoli

Cane e gattino non è vero che non possono andare d'accordo. Ci vuole solo accortezza quando li facciamo conoscere. Un po' di pazienza ed è fatta

Se il pensiero di allargare la famiglia pelosa non ci abbandona e vorremmo provare a introdurre una nuova specie di pet, dobbiamo sapere cosa è meglio fare perché le presentazioni di cane e gattino avvengano senza traumi. Solo così potremo vederli andare d’amore e d’accordo. Non sappiamo decidere quale sia il nostro animale domestico prediletto? Ci piacciono sia i fedeli amici a quattro zampe che i felini che fanno le fusa? Possiamo adottarli entrambi.

Le esperienze di tanti amanti degli animali dimostrano come Fido e Miao possano essere ottimi compagni di vita. Però è importante che ci sia una buona socializzazione, e un paziente e vicendevole adattamento. Da parte nostra è richiesta tanta pazienza.

L’evoluzione di cane e gatto

cane e gatto giocano

La storia evolutiva dei due pet più diffusi al mondo è estremamente differente: i cani fanno parte dei caniformi, stessa famiglia dei lupi, degli orsi e dei trichechi, per intendersi. Fra di loro quindi, è inevitabile, c’è una compatibilità e una somiglianza non di poco conto.

Il gatto invece fa parte dei feliformi, e quindi è più simile al puma, alla pantera o al leopardo. Andrebbe d’accordissimo con loro, almeno sulla carta. Ecco allora che la convivenza fra cane e gattino, soprattutto all’inizio, va guidata e incoraggiata.

Specie diverse, ma nemmeno troppo

I caniformi accompagnano l’uomo ormai da migliaia di anni. I lupi meno aggressivi e relativamente mansueti sono stati fatti accoppiare, dando vita al cane come lo conosciamo ai giorni nostri. Colui che riesce a dimostrare una fedeltà e un affetto incondizionati, davvero fuori dal comune.

Lo stesso è successo con i gatti selvatici, ma alcune precisazioni sono d’obbligo: è stato il felino a cercare l’uomo e si è unito a lui spontaneamente. I topolini e i parassiti di cui erano zeppi le dispense e gli stipetti di casa erano delle vere e proprie leccornie per le nostre palle di pelo; presto noi bipedi, però, ci siamo resi conto che poteva darci e trasmettere molto di più del semplice servizio di derattizzazione. Da qui l’addomesticamento di Miao.

Il linguaggio del corpo di Fido e Miao

cane annusa gatto

Mentre lo scodinzolio del cane esprime affabilità, la coda sferzante del gatto segnala uno stato d’animo aggressivo. Lo stesso vale per la famosa coda a scovolino, spesso associata alla schiena inarcata: una palla di pelo che rizza la coda e la dirige verso l‘alto, vuole apparire più grande e temibile e sta reagendo a una probabile minaccia, esattamente come per il cane puntare qualcuno è un segno di dominanza. I felini lo percepiscono come insopportabile. Invece una strizzatina d’occhi segnala che Miao vuole essere amichevoie.

Cane e gattino (e essere umano) possono andare d’accordo con il superamento di qualche ostacolo iniziale, proprio perché alcuni segnali possono essere fraintesi o ignorati. La socializzazione ha delle ripercussioni importanti sul linguaggio del corpo, insomma.

L’uomo può interpretare come amichevole lo scondinzolio del cane (ma non sempre), e differenziarlo dalla frustata piccata della coda del gatto; i gatti però reagiscono istintivamente, e imparare i modi di comunicare di specie non vicine alla loro non è facilissimo.

Fido ha una mimica del viso mirata e semplice da interpretare, il volto del felino è più statico: comunica maggiormente con i movimenti della coda, degli occhi e delle orecchie. È possibile quindi che siano degli eterni, si fa per dire, incompresi.

In genere i gatti miagolano quando comunicano con noi bipedi, per una chiacchierata con i propri simili non ricorrono ai suoni, o comunque sono molto differenti rispetto al miagolio al quale siamo abituati noi.

Non di poco conto è la differenza di stazza: in media il cane è molto più grande del felino (ovviamente il Maine Coon è un’eccezione). Una leccata amichevole o una leggera zampata per invitare al gioco viene subito letta da Miao come un tentativo di attaccare. Niente paura, però, si tratta di comprendersi e accettarsi a vicenda.

Qualche consiglio

gattino gioca con muso di cane

Cane e gattino devono solo prendere le misure, nulla di più. I migliori amici dell’uomo, di solito, sono più gestibili e obbedienti, dunque è meglio fissare prima delle regole rigide per loro. I gatti sono più indipendenti e la loro natura è più selvatica, ma attenzione a non dare credito a una serie di falsi miti su cani e gatti: vogliono ricevere e donare amore anche loro, non sono insensibili.

Di contro far comprendere ai felini che Fido non è né pericoloso né ostile spesso è più complesso, ma anche il felino più indipendente e solitario può apprendere cosa significhi socializzare. È utile premiare ogni suo contatto con il cane e a accompagnarlo con un rinforzo positivo.

Per far vivere insieme questi due animali in appartamento, prima di tutto, è bene che abbia ognuno un proprio territorio di appartenenza e la possibilità di usarlo come rifugio. La cosa più facile spesso e volentieri è dividerli, visto che i primi giorni si deve evitare il contatto.

Poco alla volta, sposteremo le coperte e i giochi da una stanza all’altra e scambieremo i cuscini: così familiarizzeranno con gli odori. Un’altra possibilità è pulire Miao con una pezza umida e poi farla annusare al cane.

Il primo appuntamento non si scorda mai

cane e gatto si vogliono bene

Quando si pianifica il vero e proprio contatto tra i due, è altamente auspicabile prevedere la presenza di una seconda o una terza persona pronte a intervenire in caso di necessità, ma in ogni caso deve trattarsi di gente conosciuta e che non corra il rischio di risultare minacciosa.

Di solito Miao è fisicamente più piccolo di Fido: è bene tenere quest’ultimo al guinzaglio quando si incontreranno per la prima volta. Il gatto deve sempre avere la possibilità di scappare: un tiragraffi alto, un lettino sull’armadio o una mensola sono luoghi sicuri, che la maggior parte dei cani non riesce a raggiungere.

Nelle settimane successive è bene assicurarsi che i due animali abbiano spazio a sufficienza. La lettiera, per esempio, non è il posto giusto accanto a cui mettere i giochi del cane. Anche le ciotole devono essere distanti, i primi tempi è meglio farli mangiare in due momenti diversi.

Inoltre sia il cane che il gatto devono avere abbastanza tempo da condividere con noi, non devono sentirsi trascurati o messi da parte. In base all’indole e alle esperienze passate, la fase di adattamento può durare poche ore, qualche giorno oppure settimane. Mai arrendersi, piuttosto ricordarsi che nessuno ci insegue: più noi saremo tranquilli, più lo saranno Fido e Miao, che sentono le nostre emozioni.

 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati