Cani e diabetici: i benefici del cane guida

Cani e diabetici risultano essere un’accoppiata vincente; i pelosi infatti riescono ad aiutare un diabetico nei momenti di difficoltà

L’aiuto dei cani nei confronti degli umani è una cosa ormai risaputa; adesso però si parla anche di cani e diabetici.

I soggetti malati di diabete, grazie all’aiuto di un peloso, possono affrontare e gestire la malattia con maggiore sicurezza oltre che con una serenità che prima dell’arrivo del peloso, era solo immaginabile.

cane grosso

Come fanno i cani ad aiutare i diabetici?

Ebbene sì, cani e diabetici sono davvero un’ottima accoppiata, i pelosi infatti sono in grado di abbassare notevolmente i livelli di ansia e di capire e rilevare quando i livelli di zucchero nel sangue sono pericolosamente bassi.

cane seduto

È da un po’ che gli uomini impiegano i pelosi anche in campo medico, sia per la loro attitudine naturale di comprendere se sono presenti anomalie, sia per il fatto che riescono inconsciamente e involontariamente a tranquillizzare i pazienti, grazie alla loro innata simpatia. È davvero difficile riuscire a rinunciare alla loro faccia buffa e alla loro costante ricerca di coccole e attenzioni.

Come fanno i cani a capire se qualcosa non va?

I giovani cuccioli di cane che mostrano una particolare attitudine e predisposizione a rilevare gli odori, vengono scelti e sottoposti ad un rigido addestramento che può durare fino a 18 mesi. Dopo questi mesi, gli addestratori trasferiscono i cani nella struttura a loro assegnata, dove completeranno l’addestramento.

Nella struttura, l’addestramento si intensifica e i cani già entrano in contatto con le persone.I cani durante i primi mesi di vita vengono addestrati attraverso l’odore del sudore di diverse persone, che hanno diversi livelli di zucchero nel sangue.

cane che guarda

I cani addestrati sono in grado di comprendere se il proprio umano ha un problema in corso, attraverso questi gesti:

  • Annusano il respiro allo scopo di ridurre gli zuccheri nel sangue
  • Avvisano il padrone di agire, quando rilevano segni di ipoglicemia
  • Aiutano a rimettersi in piedi, in caso di caduta
  • Recuperano dello zucchero o l’insulina, nel caso in cui risulta impossibile farlo autonomamente
  • Recuperano un telefono per fare in modo che si possa chiamare aiuto

Inoltre è possibile che il cane, per lanciare l’allarme che qualcosa non va, faccia dei salti, dei giri completi su se stesso o inizi a spingere la vostra mano o voi, con il muso. Tutto dipende da come si decide di addestrare il peloso e dalle vostre esigenze

Conclusione

In definitiva cani e diabetici possono essere un’accoppiata veramente vincente; i soggetti affetti da questa patologia possono camminare con il proprio cane in serenità, possono acquisire un’indipendenza che prima risultava manchevole e possono svolgere le normali mansioni che richiede la quotidianità.

Per qualsiasi altra informazione o se sono presenti dei dubbi, potete rivolgervi sia ad un addestratore che al vostro diabetologo; entrambi potranno rispondere ai vostri dubbi o ad eventuali richieste.

cane e donna

Avere un cane, indipendentemente dall’essere malati o meno, è comunque avere la certezza di sentirsi appagati emotivamente; è la consapevolezza di sentirsi sereni e sicuri. E se in famiglia doveste avere un soggetto affetto da qualsiasi patologia, sia fisica, che mentale, sappiate che la presenza di un cane potrà solo migliorare le condizioni del soggetto in questione.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati