Come si accudisce un cucciolo di cane di taglia media?

Come si accudisce un cucciolo di cane di taglia media? Quali sono i consigli da seguire per prendersi cura al meglio di lui? Ecco qualche consiglio!

Come sicuramente saprà chiunque sia un esperto di animali, in particolare di cagnolini, è ben chiaro che non tutti gli esemplari appartenenti a questa specie hanno la stessa taglia, grandezza o stazza. In base a determinate caratteristiche fisiche, infatti, si può capire come comportarsi con Fido e come prendersi cura di lui.

Ovviamente, non è solo la stazza a farci capire come doverci comportare nei suoi confronti: i fattori possono davvero i più svariati! Si deve considerare la sua storia pregressa, le esperienze vissute, il temperamento specifico del cane in questione, etc.

In questo momento ci occuperemo di scoprire quello che c’è da sapere su come si accudisce un cucciolo di cane di taglia media: quali sono i suggerimenti migliori? Cosa bisogna sapere a riguardo? Quali sono i consigli più utili? Ecco qualche informazione per comprendere al meglio come relazionarci con lui.

Taglia media: quali sono le proporzioni?

barboncino seduto sull'erba

I cani possono avere diverse taglie, che variano a seconda della grandezza delle zampe, della lunghezza del corpo, dell’altezza e di altri elementi che ne determinano la struttura fisica.

Quali sono la taglie di cani esistenti? Generalmente, la suddivisione avviene in questo modo:

  • (in alcuni casi particolari, abbiamo la stazza nana e toy, per specifiche razze)
  • piccola: il peso è inferiore ai 10 kg circa; l’aspettativa di vita media si aggira intorno ai 15 anni circa;
  • media: il peso è compreso fra gli 11 e i 25 kg circa; l’aspettativa di vita media si aggira intorno ai 13 anni circa;
  • grande: il peso è compreso fra i 26 e i 44 kg circa; l’aspettativa di vita media si aggira intorno ai 10-11 anni circa;
  • gigante: il peso è superiore ai 45 kg circa; l’aspettativa di vita media si aggira intorno ai 10 anni circa.

Un altro elemento molto importante che si va a considerare quando si deve categorizzare un cucciolo di cane che sta crescendo a vista d’occhio è la sua altezza al garrese. Ma cosa si intende con questa espressione?

Con “altezza al garrese” si intende la misurazione di quella parte del corpo che va dalla base alta del collo (garrese) fino a terra. In sostanza, questi valori ci danno nient’altro che l’altezza effettiva di Fido.

Per ottenerla con un qualsiasi strumento di misurazione, poi, non dimentichiamo di far mettere Fido nella sua classica posizione da quadrupede, ovvero eretto su tutte e 4 le zampe.

Come prendersi cura di un cucciolo di cane di taglia media?

cane rincorre la palla

La domanda a cui vogliamo rispondere oggi è la seguente: come si accudisce di un cucciolo di cane di taglia media? Quali sono i consigli migliori per crescerli al meglio? Prima di tutto, teniamo in considerazione un fattore: i cani di taglia media sono quelli più diffusi nelle nostre case, anche perché sono tantissime le razze che fanno parte di questa categoria.

I cani di taglia media sono dei cuccioli tenerissimi che si rendono perfettamente adatti a qualunque tipo di interazione, che esse siano con i bambini, con gli adulti o con qualunque altro tipo di personalità. Sono perfetti per l’appartamento, perché la loro stazza permette versatilità e adattabilità a qualunque tipo di luogo, senza avere grandi esigenze, se non quelle da adottare normalmente per ogni tipo di esemplare.

Sicuramente, la stazza ideale di un animale che deve vivere in appartamento è quella media, se non addirittura quella piccola, ancora più facilmente gestibile per via delle dimensioni ridotte.

È importante sottolineare che non c’è un manuale di istruzioni adatto universalmente per qualunque tipo di animale. Chiaro è che tutto dipende da moltissimi fattori, che vanno dal carattere specifico dell’esemplare, fino al suo stato di salute particolare o al temperamento che si è sviluppato a seguito di varie esperienze pregresse.

Sicuramente, accudire un cane di taglia media è una questione più gestibile: basti pensare alle dimensioni. Un appartamento o una qualsiasi casa di città di piccole o medie dimensioni si prestano perfettamente per accogliere un cagnolino di tale stazza. Lui, a sua volta, si troverà molto bene in un ambiente adeguato, sereno e munito degli spazi necessari per lui.

Un cane di taglia grande o gigante, invece, si sentirebbe molto più costretto in uno spazio chiuso, il quale si renderebbe sicuramente poco funzionale alle sue particolari esigenze di vita, quali ad esempio la camminata, la corsa, le passeggiate e l’allenamento.

Questo non significa che un cane di taglia piccola o media non abbia bisogno di uscire, anzi! Qual è prima regola che deve essere applicata quando si sceglie di prendere un cucciolo di cane? L’attività fisica e le uscite giornaliere rappresentano quell’obiettivo da non sottovalutare mai!

Tuttavia, le necessità e le esigenze di animaletti più piccoli sono sicuramente più limitate e più facilmente gestibili da chiunque. Allora, come si accudisce di cucciolo di cane taglia media?

Consigli e accortezze

cane seduto nell'erba

I consigli più utili che si possono dare per capire come si accudisce un cucciolo di cane di taglia media rientrano, in realtà, in quell’insieme di suggerimenti relativi all’accudimento di un qualsiasi esemplare.

Ecco quello che serve sapere necessariamente:

  • giusta alimentazione, adatta alle dimensioni, all’età e allo stato di salute generale dell’esemplare in questione. Concordare il tutto col veterinario è sempre la scelta migliore;
  • salute: un check-up iniziale completo è quello che serve per analizzare lo stato di benessere generale di Fido fin da quando è molto piccolo. Tutto ciò ha lo scopo di capire l’eventuale presenza di malattie ereditarie o genetiche o lo sviluppo di problematiche che potrebbero ledere la sua salute;
  • svezzamento: assicurarsi che il passaggio dal latte (materno o artificiale) al cibo di consistenza sempre più solida avvenga in modo graduale e nei tempi e nelle modalità prestabilite;
  • vaccinazioni: prendere accordi col veterinario per provvedere alle vaccinazioni obbligatorie e salvavita necessarie per proteggere il nostro piccolo amico.

Altri elementi che vanno sottolineati sono i seguenti:

  • informarsi riguardo la razza specifica e le sue eventuali esigenze e necessità;
  • scoprire, conoscendosi pian piano, quali siano le strategie migliori per conquistare la sua fiducia e instaurare un rapporto di rispetto reciproco e di amore incondizionato;
  • imparare a cogliere i segnali che possano farci capire che qualcosa non va;
  • seguire le regole di addestramento ed educazione per insegnare a Fido qualche piccola regola per la convivenza e per come stare al mondo.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati