Cucciolo di cane e guinzaglio: qual è quello davvero perfetto?

Adottare un peloso è una responsabilità a 360 gradi, fra le tante cose a cui bisogna pensare il guinzaglio perfetto per il cucciolo di cane è una priorità

cane con guinzaglio in bocca

Al guinzaglio perfetto per il cucciolo di cane c’è tempo per pensarci, ma non bisogna temporeggiare troppo. Una volta fatti tutti i vaccini, Fido è pronto per esplorare il mondo durante le passeggiate quotidiane e le gite fuori porta nel week end.

Cucciolo di cane e guinzaglio: qual è quello davvero perfetto?

Giocattoli, imbracature, cucce, cibo: sono tutti elementi da acquistare quando si decide di adottare un amico a quattro zampe. Per la dieta è fondamentale l’opinione del veterinario dopo un’attenta visita, per tutto il resto ci si può affidare anche agli esperti in addestramento e agli addetti che lavorano nei negozi specializzati. Fare ordine è il primo passo per non sbagliare in seguito.

Una questione di dimensione

Tutti gli accessori sono pensati appositamente per le esigenze dell’amico a quattro zampe. L’errore che non si deve commettere, però, è credere che i cani siano tutti uguali. Il guinzaglio perfetto per il cucciolo non è detto sia adeguato a un cane adulto. Le dimensioni sono molto importanti, ma non solo quelle.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è la socializzazione. Un amico a quattro zampe di pochi mesi non è ancora stato addestrato, imparerà poco per volta e strada facendo (letteralmente). Gli accessori che acquistiamo devono essere pensati proprio in quest’ottica. A tal proposito, potrebbe essere utile valutare dei corsi di addestramento per cuccioli.

Lunghezza e spessore

Cucciolo di cane e guinzaglio: qual è quello davvero perfetto?

Assicuriamoci di trovare la giusta taglia per Fido, prima di tutto. Ci sono tantissimi modelli, spessori, lunghezze. Capirci qualcosa non è semplice, ecco allora che il supporto di chi ha maggiore esperienza è fondamentale. In assoluto la regola è: più grande è il cucciolo, più spesso e lungo dovrebbe essere il guinzaglio.

Inoltre, la lunghezza influirà anche sulla quantità di spazio che il nostro fedele amico potrà percorrere: uno più corto è certamente più adatto nelle fasi iniziali dell’addestramento.

Dovrà anche essere abbastanza robusto da non fare scappare il cane e da durare un po’: giusto il tempo di una nuova fase della vita e di nuove esigenze. Se poi Fido ama masticare qualsiasi cosa gli capiti sotto tiro, e da piccolo è molto frequente, anche il materiale è importante. Quelli in metallo rivestiti in nylon sono perfetti.

Il guinzaglio classico, un evergreen

Il guinzaglio più facile da trovare in commercio è molto robusto, anche lui in nylon. Il motivo per cui lo consigliamo anche durante i primi mesi di vita è la compatibilità con i collari, le pettorine e le imbracature in generale che meglio si adattano alla fase educativa iniziale.

La clip in metallo, infatti, deve essere resistente e sicura, ma di facile apertura all’occorrenza. Inoltre dobbiamo scegliere lo spessore e la lunghezza adeguate alla taglia e alla razza: ognuna ha il proprio temperamento che influisce nella socializzazione.

Quello retrattile

Cucciolo di cane e guinzaglio: qual è quello davvero perfetto?

Il guinzaglio perfetto per il cucciolo di cane, se non è troppo birichino e disobbediente, potrebbe anche essere quello regolabile. La corda liscia, intatti, scivola dentro e fuori la guida con facilità. Rappresenta una soluzione ideale per i proprietari che vogliono gestire la lunghezza in base alla fase dell’addestramento.

In genere ha un pulsante per rilasciare la corda e frenarla. Inoltre è possibile accorciarla a piacimento. È utile se si vuole lasciare l’amico a quatto zampe un po’ più libero di agire, di muoversi, di esplorare.

La presa è generalmente curva e permette di ottenere il massimo comfort, sia per noi che per il nostro amico a quattro zampe. Le lunghezze variabili sono legate al peso. Di solito, inoltre si trovano di diversi colori, il che non guasta.

Il guinzaglio per il masticatore di professione

Soprattutto se adottiamo un amico a quattro zampe ancora piccolo, magari tratto in salvo dalla gabbia di un canile, un guinzaglio resistente e a prova di masticatore seriale è l’ideale.
Il nylon a trama fitta ha uno spessore di tre millimetri con un pollice di larghezza a prova di denti, anche i più affilati e per la mente più testarda in circolazione.

Assicuriamoci anche che abbia una clip resistente e ad anello a D: questo ci darà un vantaggio, non dovremo tenere i sacchetti per i bisogni in mano o in tasca. Collegati al guinzaglio, inoltre non possono mai essere dimenticati in casa. È perfetto anche per gli accessori necessari in addestramento (vedi il clicker per cani).

Un altro dettaglio che potrebbe fare la differenza in caso di acquisto è l’impugnatura in neoprene, imbottita e catarifrangente. Questo rende noi e il nostro amico a quattro zampe visibili anche durante le passeggiate notturne.

Quello per gli estrattori, non passano mai di moda

Cucciolo di cane e guinzaglio: qual è quello davvero perfetto?

Il guinzaglio perfetto per il cucciolo di cane, che per definizione è un tirapiedi e si diverte a portarci a passeggio, è quello che riesce ad attenuare la trazione e la tensione del braccio.
Almeno nell’attesa che un professionista esperto concluda il suo lavoro di addestramento, coinvolgendo padrone e quadrupede, questo accessorio potrebbe essere la soluzione ai nostri problemi.

Infatti, presenta un comodo e funzionale cordino elastico che assorbe gli urti e fa sembrare meno drammatico e sbilanciato il rapporto di forza tra bipede e quattro zampe. In ogni caso, sarà più semplice mantenere il controllo della camminata.

Anche in questo caso, la maniglia foderata in neoprene è super morbida e comoda. Oltretutto è funzionale, ci rende visibili e può evitarci incidenti in notturna. Insomma, a questo guinzaglio non gli abbiamo ancora trovato un difetto. È la scelta ideale per il concentrato di energia di appena qualche chilo.

Il guinzaglio doppio per cuccioli

Il guinzaglio perfetto per il cucciolo di cane, dulcis in fundo, forse è proprio lui: quello doppio. Lo è almeno se abbiamo un’intera ciurma di quattro zampe da gestire o se abbiamo deciso di adottarne due.

Riduciamo così i tempi di passeggiata e facciamo in modo che sia anche più pratica: il tiro è minimo e il comfort assicurato. Nel caso in cui dovessimo avere già un amico fedele in giro per casa, una volta fatte le presentazioni di rito e rispettando l’indole e le esigenze di ogni attore in gioco, possiamo decidere di far condividere loro anche la passeggiata al parco.

Realizzato con una mix di nylon resistente e poliestere, in genere, ha una presa morbida con una comoda impugnatura. In questo modo, evitiamo le ustioni tipiche da corda che viene strattonata.

Tra le due sezioni, c’è una chiusura che gira dando la possibilità di regolare le lunghezze in base alla taglia del nostro amico a quattro zampe. Così da impedire che si incrocino e si aggroviglino senza più potersi liberare.

Se abbiamo scelto di far convivere un alano con un chihuahua, questo è l’accessorio che fa per noi: completamente personalizzabile e adattabile.

Un accessorio versatile

Cucciolo di cane e guinzaglio: qual è quello davvero perfetto?

Questo guinzaglio non è solo la scelta migliore per avere una mano libera con i cuccioli, lo è per i cani di qualsiasi età. La corda morbida e regolabile, ha anche un elastico ammortizzante. In questa maniera il nostro amato Fido non rischia di farsi male quando ha l’istinto di strattonarci in lungo e in largo.

Inoltre, il tessuto resistente agli agenti atmosferici è forte e robusto; il più delle volte con una striscia catarifrangente è certamente fatto di materiali resistenti. Si tratta di un accessorio che cresce insieme al cane e si adatta alla sua crescita. Un investimento che valuteremo azzeccato nel tempo. A presindere dal modello, non dimentichiamoci che il cane deve abituarsi al guinzaglio.