Il cane può mangiare lo zabaione?

Il cane può mangiare lo zabaione? Assolutamente no, come tutti i dolci gli fa male e può compromettere gravemente la sua salute. Ecco perché

cane che ha fame

Il cane può mangiare lo zabaione? Assolutamente no, i dolci gli fanno male e non solo per una questione di “linea”, ma per via dell’abnorme quantità di zuccheri che contengono. Lo zucchero è nemico di Fido perché danneggia il suo organismo sotto molti punti di vista.

I cani non dispongono degli enzimi necessari a digerire grasso e glucosio e in più hanno un intestino molto più corto del nostro. Significa quindi che non possono digerire cibi molto elaborati, proprio, come i dolci. In questo modo accumulano gli zuccheri e le sostanze che gli fanno male nel proprio corpo e non riescono a liberarsene.

Facciamo molta attenzione perché sappiamo bene quanto Fido possa essere goloso e la minima distrazione può metterlo a rischio. Non lasciamo mai lo zabaione o pietanze dolci incustodite in cucina per evitare spiacevoli problemi. Ricordiamo che lo zabaione non è solo ricco di zuccheri ma contiene anche alcol, un vero e proprio veleno per i nostri amici a quattro zampe.

Cos’è lo zabaione?

Il cane può mangiare lo zabaione?

Lo zabaione sa di casa e di famiglia, uno di quei dolci invernali che ci fanno viaggiare nei ricordi d’infanzia. Del resto è inevitabile che molte persone ne siano ghiotte, è una crema gustosissima dal colore dorato che si può mangiare in tanti modi, anche semplicemente al cucchiaio.

Per prepararlo occorrono soltanto uova, zucchero e un goccio di vino liquoroso. Molti utilizzano il Marsala, un dolcissimo vino siciliano molto prelibato, ma ne esistono moltissime varianti una più buona dell’altra.

Questa succulenta crema è davvero affascinante anche per via delle sue misteriose origini. Oggi ancora non sappiamo esattamente da dove provenga o chi l’abbia inventata e girano tante ipotesi al riguardo. Alcuni sostengono che lo zabaione sia nato alla corte di Caterina de Medici, altri invece che provenga dalla corte dei Gonzaga. Un’ulteriore teoria sostiene che la ricetta sia stata inventata da Giovan Paolo Baglioni, un celebre condottiero del Quattrocento.

C’è anche un’altra storia molto interessante che ricollegherebbe la ricetta a una credenza cristiana. Secondo questa teoria lo zabaione sarebbe nato a Torino nel Sedicesimo secolo e che a quel tempo si chiamava crema di San Baylon, in onore del santo francescano protettore dei cuochi e dei pasticceri. Il nome sarebbe stato poi abbreviato in Sambayon, e da qui verrebbe la parola zabaione che ancora utilizziamo.

Come si prepara lo zabaione?

I cani non possono mangiare lo zabaione e i dolci in generale, ma per le persone golose è difficile rinunciare a una simile leccornia. Specialmente nei periodi di festa si preparano dolci e farciture che non mancano mai sulle tavole imbandite. Tra l’altro la ricetta di questa crema è davvero semplicissima e bastano pochi ingredienti e un po’ di manualità.

Lo zabaione si prepara unendo tuorli d’uovo, zucchero e un pizzico di Marsala (o altro vino liquoroso) in un tegame a bagnomaria. Perciò si devono mescolare gli ingredienti con una frusta da cucina mantenendo la fiamma molto bassa. Con un po’ di olio di gomito – che in cucina non può mancare – in pochi minuti possiamo ottenere uno zabaione semplicemente perfetto!

La crema si può servire in tanti modi, c’è chi la ama calda o tiepida mentre altri la preferiscono raffreddata in frigorifero. Poi in ogni regione d’Italia esistono diverse varianti. C’è chi la mette sul gelato e chi la mangia con biscotti come le lingue di gatto, mentre in altri casi si usa perfino per farcire torte e bignè.

Perché il cane non deve mangiare lo zabaione?

Il cane può mangiare lo zabaione?

Lo zabaione è davvero molto buono e Fido lo sa bene, ma imprimiamo nella nostra testa che il cane non può mangiare questa crema! In generale spesso i padroncini commettono l’errore di dare al cane tutto ciò che portano in tavola. Niente di più sbagliato, Fido deve mangiare la sua pappa rigorosamente nella sua ciotola, senza prendere l’abitudine di fare assaggini extra ogni volta che pranziamo o ceniamo.

Questo comportamento è sbagliato per tantissimi motivi, soprattutto per una questione di salute. Prima di tutto se Fido si abitua ad accettare il cibo dalle mani può correre il rischio di cadere nelle “trappole” di gente poco raccomandabile, che magari ha in serbo dei bocconi avvelenati. Poi, anche se si tratta delle nostre mani sicure, mangiando continuamente degli extra non solo ingrassa ma rischia di ingerire alimenti che gli fanno male.

Insomma, ciascun amico a quattro zampe deve mangiare bene e seguire la dieta adatta alle sue esigenze. In caso contrario può andare incontro a molteplici problemi di salute anche gravi, soprattutto se mangia sempre dolci come lo zabaione!

Zucchero e alcol: due grandi nemici per la salute di Fido

Il cane può mangiare lo zabaione?

Il cane non può mangiare lo zabaione e deve evitare categoricamente qualsiasi tipo di pietanza contenente zuccheri e alcol. Queste due sostanze sono tossiche per il suo organismo e influiscono negativamente sulla sua salute.

Pensiamo agli effetti del consumo prolungato di dolci, e quindi zuccheri. Nel tempo un semplice mal di pancia può trasformarsi in qualcosa di ben più grave come diabete, pancreatite, obesità. Inoltre gli zuccheri alterano il funzionamento dell’apparato cardiovascolare quindi il cane può sviluppare una malattia cardiaca. Senza contare, poi, i problemi ai denti e alle gengive, dovuti all’incremento dei batteri in bocca che possono provocare carie e persino la perdita dei denti.

L’alcol è un vero e proprio veleno per Fido e non dovrebbe mai e poi mai ingerirlo, neanche per errore. Le bevande di questo tipo hanno sul cane gli stessi effetti che si riscontrano nelle persone, anche queste del resto invitate a consumarne poco e di rado. Il consumo prolungato di alcol provoca danni talvolta irreparabili al sistema nervoso, che nel cane si palesano con sintomi molto gravi. Non riesce più a coordinare i movimenti, diventa ansioso e perfino aggressivo e in altri casi depresso e letargico.

I cambiamenti comportamentali sono solo il campanello d’allarme più evidente, poi ci sono tutti gli altri problemi di salute causati dall’alcol. Basti pensare all’incontinenza e ai danni ai reni, che iniziano a lavorare talmente tanto per smaltire questa sostanza tossica da arrivare al punto di danneggiarsi e smettere di funzionare. Oppure le difficoltà respiratorie che possono portare Fido a non riuscire più a ossigenare l’organismo.

Vomito, dolori addominali o diarrea ci devono mettere in guardia perché è evidente che Fido ha qualcosa che non va. Ma se sospettiamo che abbia ingerito dell’alcol, anche in piccole quantità, dobbiamo correre immediatamente dal veterinario. L’alcol può portare al coma etilico e, nel giro di poco tempo, anche alla morte del cane.