Razze di cani nordici, le 5 più affascinati e che sanno resistere al freddo

Tutti gli amici a quattro zampe sono affascinanti, ma ce ne sono alcuni che sono davvero meravigliosi. Parliamo delle razze di cani nordici. I dettagli

alaskan malamute cane

Le razze di cani nordici sono accumunate da una grande forza fisica, da una notevole resistenza. Gli esemplari qui citati sono perfettamente in grado di resistere alle bassissime temperature dei Paesi più vicini ai poli, possono affrontare lunghi viaggi in mezzo alla neve trainando una slitta e rappresentano un valido supporto per noi esseri umani.

Una cosa però è certa, chi decide di prendere un cane del genere a casa con sé deve essere consapevole che necessita di tante attenzioni. Lo spazio non può essere un dettaglio di poco conto, e nemmeno l’attività fisica. Siamo di fronte ad animali che devono incanalare una quantità considerevole di energia. L’ideale sarebbe non spostarli dal proprio habitat, ma se proprio deve accadere assicuriamoci che la passeggiata al parco sotto casa sia garantita e che i consigli del veterinario di fiducia – che conosce anche eventuali pregressi clinici e caratteristiche di razza – siano rispettati alla lettera.

I cani che sopportano il freddo

Razze di cani nordici, le 5 più affascinati e che sanno resistere al freddo

Le razze di cani nordici sono caratterizzate da folti mantelli che le aiutano a sopportare le basse temperature dei loro Paesi di origine. Se confrontiamo l’elenco delle razze che non sentono freddo, scopriremo una quasi totale corrispondenza. Alcuni sono anche dei cani maestri nella fuga, perché è l’avventura quella che ricercano.

Spesso vengono impiegati come cani da slitta. Sono esemplari facili da riconoscere grazie alle caratteristiche fisiche che spesso li accomunano, pelliccia al primo posto. Il nostro obiettivo è passare cinque razze che rappresentano al meglio la categoria.

L’Husky siberiano

Non poteva che essere lui il primo dell’elenco, nell’immaginario collettivo è lui il re dei quattro zampe che provengono dal profondo nord. Si tratta della razza più famosa in assoluto e ormai diffusa in quasi tutto il mondo.

La sua creazione la si deve a una tribù che ne ha fatto un perfetto animale da compagnia di segugio per cervi e un perfetto tiratore di slitte. Giusto per non farsi mancare nulla, l’Husky è anche un perfetto compagno di giochi per i più piccini. Quindi, se una famiglia con bambini ha un giardino da mettere a sua disposizione e può dargli le attenzioni che richiede, l’adozione potrebbe essere una pura formalità.

Il suo aspetto fisico ricorda molto quello dei cugini lupi, la sua stazza può essere classificata come media e a renderlo davvero affascinante è il suo pelo lungo e morbido. Affondargli le mani in mezzo e coccolare un po’ Fido è un ottimo antistress per entrambi gli attori in gioco.

Il colore del manto è bianco con macchie nere e/o marroni. Gli occhi sono generalmente azzurri, ma non è raro riscontrare un’eterocromia nel cane di questa razza specifica. Per finire, siamo di fronte a un amico a quattro zampe estremamente intelligente, perspicace, che preferisce ululare piuttosto che abbaiare e che ha una grande resistenza fisica.

Il Samoiedo

Razze di cani nordici, le 5 più affascinati e che sanno resistere al freddo

La sua caratteristica principale, anche se non è propriamente fra quelle che lo fanno entrare di diritto nella lista delle razze di cani nordici, è il suo apparente sorriso. L’impressione che dà questo quadrupede fuori dal comune è di essere sempre estremamente allegro, a causa del suo muso.

Si tratta di un amico a quattro zampe che proviene dal nord della Russia, nato per dare una mano ai pastori al pascolo. Sono anche degli ottimi esemplari per tirare le slitte e per scaldare i loro compagni di avventura bipedi durante i lunghi viaggi in mezzo alla neve. In questo somiglia molto all’Husky.

Questo particolarissimo esemplare lo si riconosce perché è completamente bianco e dotato di un utilissimo doppio strato di pelo. Ricopre tutto il suo corpo, naso e occhi a parte che sono scuri. Un altro motivo per cui salta subito all’occhio è la coda: arricciata sulla schiena a mo’ di gancio. Siamo di fronte a un amico a quattro zampe molto attivo e allegro anche quando il peso dell’età comincia a farsi sentire.

L’Alaskan malamute

Questo esemplare nello specifico è tra i cani più antichi tra le razze che vengono maggiormente impiegate per trainare le slitte. Simile all’Husky siberiano, non a caso portano quasi lo stesso nome, esteriormente ricorda molto i lupi. La sua resistenza fisica è un punto di forza, la ragione principale per cui viene impiegato durante i viaggi. Fido, infatti, è capace di trainare grandi carichi per decine di chilometri.

Il mantello in genere è grigio, nero e bianco; la coda è ripiegata sulla schiena (un po’ come quella del Samoiedo) e le orecchie sono sempre belle dritte e allerta, a punta.
Viene apprezzato in special modo per la sua fedeltà al padrone e la protezione innata verso i più piccini. Il suo luogo preferito è l’aria aperta. È coraggioso, energico e ha un grande rispetto nei confronti del proprio branco.

Il Norsk Elghund grigio

Razze di cani nordici, le 5 più affascinati e che sanno resistere al freddo

Tra le razze di cani nordici c’è anche lui. Viene considerato il cane nazionale della Norvegia, Paese dal quale proviene. “Elghund” sta per “cacciatore di alci”. Quindi è presto detta la sua funzione principale. Anche oggi rimane uno straordinario segugio, ma dimostra di saper badare molto bene anche al bestiame. Inoltre, è un ottimo cane da guardia e da difesa. Con lui in casa possiamo stare certi che i ladri se ne staranno alla larga.

Si tratta di un animale estremamente resistente, la fatica e le basse temperature non lo spaventano mica. Oltretutto è famoso per il suo coraggio e per non avere paura degli esemplari di altre specie (o meno) più grandi di lui. Il mantello è grigio, bianco e nero; il corpo compatto e robusto. Insomma, una vera e propria garanzia.

Il cane da orso della Carelia

Razze di cani nordici, le 5 più affascinati e che sanno resistere al freddo

L’ultima della lista, ma non perché sia meno importante. Le sue origini ce le dice il suo nome: proviene dalla Carelia, una regione della Finlandia. Il suo impiego principale è come cane da caccia, specializzato in orsi (ma anche questo è facilmente intuibile dal nome).

Fisicamente è caratterizzato da un folto mantello nero con macchie bianche. Grazie a questa sua particolarità si adatta alle condizioni climatiche rigide. Questa razza è molto antica, le sue dimensioni sono medie; di corporatura robusta e massiccia. Le sue orecchie sono arrotondate e ritte, la coda è grossa e arcuata. Caratterialmente è noto per il suo coraggio, l’agilità e la tenecia. Tutti i suoi sensi sono molto sviluppati, ma al primo posto ci sono vista e olfatto.