Cane che beve al rallentatore: le curiosità che volevi conoscere – VIDEO

Osservare un quadrupede nelle abitudini di tutti i giorni può darci informazioni importanti. È il caso del video del cane che beve al rallentatore

cane che beve

Il video del cane che beve al rallentatore, oltre a essere molto divertente per il taglio dato dagli autori, è anche molto istruttivo e ci fa riflettere su alcuni aspetti a cui non siamo portati a pensare nella frenesia di tutti i giorni.

Cane che beve al rallentatore: le curiosità che volevi conoscere - VIDEO

Il filmato mostra un amico a quattro zampe che, dopo una sessione divertente di gioco con il frisbee, corre a dissetarsi. Lì, dentro l’acqua e ai lati del recipiente trasparente, delle videocamere ad altissima risoluzione riprendono in slow motion il cane che beve.

La lingua di Fido

Cane che beve al rallentatore: le curiosità che volevi conoscere - VIDEO

Sulla lingua del cane ci sono delle curiosità che potrebbero interessare i cinofili come noi. Una tra tutti riguarda la differenza che c’è tra Fido e Miao quando bevono. Entrambe le specie, ovviamente, utilizzano la lingua per bere, ma il processo con cui lo fanno è decisamente diverso.

Il felino usa la punta della lingua per tirare l’acqua verso l’alto e poi chiude velocemente la mascella per trattenerla. Il cane invece assume la forma di un cucchiaio: essendo molto lunga, il nostro amico a quattro zampe la arriccia e raccoglie più acqua possibile, portandola alla bocca.

Il video del cane che beve al rallentatore ci mostra tutto questo, oltre a garantirci qualche risata extra, che non guasta mai. È sempre bene garantire al nostro amico a quattro zampe una ciotola di acqua fresca e pulita (soprattutto durante il periodo estivo e quando si affatica molto) e una dieta sana ed equilibrata.

Come evitare la disidratazione

Un cane disidratato, nei casi più gravi, può rischiare anche la vita. La cosa migliore, come già accennato, è prevenire il pericolo, ma se dovesse essere necessario sapere come intervenire potrebbe fare la differenza.

La disidratazione non è sinonimo di sete: è una patologia che altera le normali funzioni fisiologiche a causa di una perdita di liquidi organici. E non tutti gli animali disidratati hanno sete. Dare dell’acqua non è sufficiente.

Bisogna affidarsi al veterinario che, analizzando il quadro clinico generale del nostro fedele amico, deciderà la terapia più adeguata: sarà lui a stabilire quale soluzione fluida somministrare per reintegrare i liquidi persi e correggere il deficit.