Alpenländische Dachsbracke, come toelettarlo alla perfezione

Tutti i segreti per la toelettatura perfette del nostro Alpenländische Dachsbracke: dalle spazzole al bagnetto fino alla cura delle orecchie

piccolo segugio da caccia

Nel prenderci cura del nostro Alpenländische Dachsbracke la toelettatura ha un ruolo importantissimo.

Serve non solo a mantenere il mantello sempre pulito ma anche lucido e in salute, correndo tempestivamente ai ripari in caso di infestazioni parassitarie.

Ogni cane ha le sue esigenze di toelettatura e per un Alpenländische Dachsbracke bastano davvero pochi e semplici accorgimenti.

Alpenländische Dachsbracke: spazzolare il cane

Il fatto che l’Alpenländische Dachsbracke sia un cane a pelo corto non significa che abbia bisogno di meno attenzioni.

Alpenländische Dachsbracke, come toelettarlo alla perfezione

La cura del pelo è sempre importante anche quando apparentemente il cane presenta un mantello meno impegnativo di altri.

Nel caso dell’Alpenländische Dachsbracke la toelettatura necessaria è quella adatta a cani a pelo corto ma denso e fitto.

Questa conformazione del mantello fa sì che il cane perda una buona quantità di pelo, specialmente nei periodi di muta due volte all’anno in autunno e in primavera.

Inoltre l’Alpenländische Dachsbracke ha anche un fitto strato di sottopelo, perciò in termini di perdita la spazzolatura è richiesta più frequentemente.

In genere per un cane di tal fatta si consiglia di farlo almeno una o due volte alla settimana, anche tre nei periodi di muta.

Per spazzolare l’Alpenländische Dachsbracke dobbiamo munirci per prima cosa di un trimmer, ovvero il pettinino a denti stretti che ci consente di eliminare il sottopelo morto.

Poi possiamo utilizzare un guanto in gomma da passare sempre nel verso del pelo, dalle spalle al dorso, per rimuovere anche il pelo esterno in eccesso.

Infine possiamo rifinire il tutto con una spazzola morbida dalle setole arrotondate che consente di lucidare il mantello ed eliminare eventuali tracce di polvere senza danneggiare la pelle del cane.

Alpenländische Dachsbracke: fare il bagno al cane

Come per la spazzolatura, anche per il bagnetto si consiglia di abituare il cane fin da giovanissimo a “subire” queste pratiche.

Possiamo comprendere quanto possa apparire fastidioso essere costretti a spazzole, pettini e persino acqua e schiuma.

Alpenländische Dachsbracke, come toelettarlo alla perfezione

Ma abituando il nostro Alpenländische Dachsbracke fin dai primi mesi di vita possiamo ovviare al problema cercando di rendere queste esperienze perfino piacevoli.

Del resto anche il momento del bagnetto può essere intimo e dolce tra cane e padroncino.

Per un Alpenländische Dachsbracke non sono richiesti bagni troppo frequenti, basta farlo una volta ogni due mesi.

Dipende naturalmente dalle abitudini del cane: se siamo in stagione di caccia e il cane passa molto tempo tra arbusti e terra di certo deve essere più frequente.

Pulire il cane non è una cosa da poco e deve far parte della toelettatura del nostro Alpenländische Dachsbracke più che mai.

Ci consente di evitare problemi della pelle come le dermatiti oppure di controllare la presenza di morsi di insetto o eventuali lesioni.

Per andare sul sicuro è opportuno chiedere consiglio al veterinario sui prodotti da utilizzare. Fondamentale che siano sempre shampoo per cani e non per umani!

Alpenländische Dachsbracke, come toelettarlo alla perfezione

L’Alpenländische Dachsbracke è piccino perciò possiamo tranquillamente riempire la vasca da bagno con acqua tiepida o in alternativa una bacinella delle giuste dimensioni.

Dopo aver bagnato per bene il mantello possiamo procedere a massaggiarlo in tutta la sua lunghezza con uno shampoo specifico finché non crea la schiuma.

A meno che non sia indicato nell’etichetta del prodotto evitiamo che vada a contatto con le parti sensibili come occhi, orecchie e genitali.

A questo punto risciacquiamo il nostro Alpenländische Dachsbracke e completiamo il bagnetto con l’asciugatura, mediante un asciugamano pulito o il phon (se il cane è abituato e non ne ha paura).

Non lasciamo mai il pelo bagnato perché l’umidità nel tempo potrebbe dar vita a infezioni della pelle molto fastidiose.

Occhi, orecchie e unghie: completare la toelettatura

Spazzolato il mantello e fatto un bel bagnetto, la toelettatura del nostro Alpenländische Dachsbracke sarà completa con qualche altro piccolo passaggio.

Alpenländische Dachsbracke, come toelettarlo alla perfezione

Innanzi tutto dobbiamo controllare per bene occhi e orecchie per verificare che siano puliti e in salute.

Con un cane come l’Alpenländische Dachsbracke con orecchie lunghe e pendenti il pericolo di infezioni e otiti è dietro l’angolo perché queste accumulano un maggior quantitativo di polveri e detriti.

Almeno una volta ogni due settimane, inoltre, si consiglia di pulirle per bene con un batuffolo di cotone o una garza inumiditi di acqua tiepida.

Attenzione a non utilizzare prodotti chimici o altro a meno che non sia il veterinario a prescrivere una specifica terapia per il nostro cane.

Controlliamo anche lo stato delle zampe e soprattutto delle unghie che vanno accorciate regolarmente con un apposito tagliaunghie.