Barbone gigante: caratteristiche, cure e tutte le curiosità

Il Barbone gigante è un perfetto compagno di vita, anche per chi vive in appartamento. Ma badate bene alla sua toelettatura...

Tutti conosciamo il dolce ed energico Barboncino, un cane piuttosto diffuso tra le famiglie italiane. Eppure ne esiste una versione più grande che vi sorprenderà: si tratta del Barbone gigante (o Barbone Grande Mole) ed è un quattro zampe a dir poco meraviglioso!

A dirla tutta il Barboncino e il Barbone gigante hanno origini comuni, entrambe razze molto antiche di cui si trovano testimonianze addirittura nel Medioevo. Pensate che per secoli Francia e Germania se ne sono contese la paternità, giungendo poi a una conclusione: il Barbone deriverebbe dall’antichissimo Barbet, poi allevato e distinto in esemplari di dimensioni diverse tra cui quello gigante, appunto.

Non lasciatevi ingannare dal nome, perché il Barbone gigante è un cane che a dispetto della sua taglia “importante” può tranquillamente vivere in famiglia e anche in appartamento. Docile e buono, affezionato e coccolone: ha tutto quel che si addice a un perfetto cane da compagnia!

Indice

A chi è adatto il Barbone gigante

barbone gigante con il pelo lunghissimo

La domanda è d’obbligo, come del resto vale per qualsiasi razza canina. Quando decidiamo di adottare un quattro zampe dobbiamo esser pronti a ogni evenienza, informandoci sulle sue caratteristiche fisiche ma anche su quelle caratteriali. Non è mica detto che un cagnolino piccolo sia più tranquillo e buono rispetto a un cane di taglia gigante!

Per quanto riguarda il Barbone gigante, sappiate che è probabilmente uno dei quattro zampe più docili e affettuosi che ci siano. Uno di quelli che non richiede chissà quale addestramento difficile o impegnativo: intelligente e fedele, per questo cane soddisfare il proprio padroncino e renderlo felice è un obiettivo primario. Nonostante sia di dimensioni considerevoli, non è affatto ingombrante ed è un vero e proprio signorotto ben educato.

Perciò se volete adottarne uno, sappiate che va benissimo anche per i padroncini alle prime armi che non hanno mai avuto esperienza in tal senso. Il Barbone gigante si comporta sempre bene, giocherellone quando ne ha l’occasione ma adattabilissimo anche alla vita in famiglia in un semplice appartamento. Ha bisogno di un padroncino che sia presente, che gli dia le giuste attenzioni e lo coccoli a dovere: non dimenticate che tende a soffrire un po’ la solitudine e di certo non può trascorrere intere giornate da solo.

Tutti i colori del Barbone Grande Mole

due cani barbone gigante

Se c’è una cosa che ci fa amare il Barbone gigante o Grande Mole, ancor prima di conoscerne il carattere, senza dubbio è il suo aspetto. Ha un’andatura baldanzosa e fiera, ma al contempo un mantello lungo e riccioluto che gli conferisce un’aria a dir poco simpaticissima. E proprio a proposito del pelo, sappiate che lo potete trovare in diverse varianti di colore, una più bella dell’altra.

Stando allo standard di razza, il Barbone gigante ha un mantello dal colore uniforme che può variare dal nero all’argento, dal grigio al bianco, fino a colori come il marrone, il fulvo e l’albicocca. Non sono ammessi il beige e le sue sfumature e – come da standard – cuscinetti, tartufo, labbra e palpebre sono ben pigmentati seguendo la tonalità del mantello.

Barbone gigante, toelettatura e cura del pelo

muso del barbone gigante

Buono, gentile, educato e affettuosissimo. Tutte caratteristiche eccellenti in un cane, specialmente in chi cerca una compagnia domestica per sé e per la propria famiglia. Ma se decidete di adottare un Barbone gigante non potete prescindere dalla sua toelettatura che è certamente più impegnativa rispetto a quella della gran parte delle razze canine.

Questo cagnolone dolcissimo ha un mantello fitto e riccio (talvolta cordato) che non fa mai la muta! Sì, avete capito bene: il suo pelo non cade mai e, non essendoci un ricambio, continua a crescere all’infinito proprio come accade ai nostri capelli. Già dovrebbe bastare questo per comprendere che la toelettatura di questi esemplari non è una passeggiata.

Il Barbone gigante va tosato regolarmente, affidandosi alle mani di un professionista e potete scegliere una grande varietà di “acconciature”. E per mantenere il mantello morbido e senza nodi, è buona abitudine dare una spazzolata ogni giorno con un cardatore, insistendo con pazienza nelle zone più soggette ai grovigli come le ascelle o l’area genitale. Tutto naturalmente con estrema delicatezza!

Cosa mangia un Barbone gigante

barbone gigante bianco

Come ripetiamo sempre, l’alimentazione è essenziale per i nostri amici a quattro zampe ed è bene che sia adatta alle sue esigenze specifiche. In questo caso parliamo di un cane di taglia molto grande che di certo non può mangiare una ciotolina di crocchette come un Barboncino. Basandoci sulla taglia e il peso, sullo stile di vita e la quantità di attività fisica giornaliera dobbiamo dare al cane la giusta quantità di cibo, naturalmente di ottima qualità.

Se volete optare per il cibo industriale, calcolate mediamente 430 gr di crocchette al giorno con l’aggiunta di un 10% di umido.

Barbone gigante, molte persone ci hanno chiesto anche:

barbone gigante e barbone nano

Quanto costa un cane Barbone gigante?

Il dolcissimo Barbone gigante, essendo il più grande della sua “famiglia”, ovviamente ha anche un costo maggiore. Mediamente considerate che, affidandovi a un allevamento certificato (e serio), un cucciolo potrebbe costarvi dagli 800 ai 1.000 euro.

Quanto pesa il Barbone gigante?

Come abbiamo visto, il Barbone gigante è la taglia più grande del Barbone. Qui vi diamo una piccola panoramica delle diverse taglie e relative misure:

  • Barbone gigante (o Grande Mole), con altezza dai 45 ai 60 cm al garrese (con tolleranza d +2 cm), e peso attorno ai 26/27 kg;
  • Barbone medio, con altezza dai 35 ai 45 cm al garrese, e peso tra i 9 e i 10 kg;
  • Barbone nano (Barboncino), con altezza dai 28 ai 35 cm al garrese, e peso di 6 kg;
  • Barbone toy, con altezza dai 24 ai 28 cm al garrese (con tolleranza di -1 cm), e peso inferiore ai 3.5 kg.

Quanto dura la vita di un Barboncino?

Il Barboncino (ovvero il Barbone nano) è uno dei cani più amati e apprezzati dalle famiglie italiane e, in generale, ha un’aspettativa di vita piuttosto alta. Essendo un cane resistente e forte, oltre che poco soggetto a particolari malattie, può vivere senza problemi fino a 12-15 anni. Per la versione gigante questo valore si abbassa leggermente, aggirandosi mediamente intorno ai 10 anni.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati