Cani e frutti di mare: quali evitare, quali includere nella dieta

Quali sono gli alimenti che fido può mangiare? Cani e frutti di mare: ecco cosa scegliere per il proprio animale.

Cani e frutti di mare: quali evitare, quali includere nella dieta

Se siete a cena e avete appena messo in tavola una splendida orata e un piatto di spaghetti allo scoglio, non stupitevi se fido vi guarda con occhi dolci e acquolina alla bocca. Del resto come resistere? L’olfatto è il senso più sviluppato dei nostri pelosetti, ecco perché i cani devono odorare tutto.

Ma cosa fare se fido è insistente? Possiamo concedergli un piccolo pezzo del nostro pasto a base di pesce? Vediamo insieme la relazione tra cani e frutti di mare e quali sono quelli che possiamo concedere al nostro cucciolo.

Cani e frutti di mare: quali evitare, quali includere nella dieta

I cani possono mangiare i frutti di mare?

Quanto è sicuro per un cane mangiare pesce, gamberi o qualsiasi altro tipo di alimento del genere? In generale i cani possono mangiare alcuni tipi di frutti di mare , ma tutto dipende dalla specie e dal metodo di preparazione.

Non sorprende che i cani apprezzino meglio il pesce rispetto alle vongole, ai gamberi e ai crostacei ma per sicurezza, in caso di animali particolarmente golosi, vediamo insieme quali frutti di mare poter fare assaggiare a fido.

Cani e frutti di mare: quali evitare, quali includere nella dieta

I cani possono mangiare le aragoste?

Se cotte e accuratamente ripulite dai loro gusci e dalle parti non buone, esattamente come facciamo prima di nutrirci noi, aragoste e gamberi possono essere mangiate dai cani.

Tuttavia, la carne dei crostacei può essere servita ai cani e solo se è fresca e ben cotta (senza avanzi!). I cani possono mangiare l’aragosta, pochi bocconi non danneggiare tuo cane, ma non è consigliato servire al cane aragoste o gamberi per un pasto completo. Il rischio infatti può essere un’intolleranza o una cattiva digestione.

I cani possono mangiare le vongole?

Una vongola non farà del male al vostro cane, ma un piatto intero di questi molluschi sì, potrebbero causare diversi problemi al corpino del vostro migliore amico.

Le vongole sono particolarmente apprezzate per il fatto che filtrano l’acqua, tuttavia le tossine contenute all’interno di questi alimenti finisce nei tessuti e se un cane ne mangia in abbondanza può verificarsi un avvelenamento. Quindi la risposta è sì, i cani possono mangiare le vongole ma in piccolissime quantità.

Cani e frutti di mare: quali evitare, quali includere nella dieta

I cani possono mangiare le capesante?

Se vi state chiedendo se i cani possono mangiare le capesante, la risposta è sì, ma con molta parsimonia. Esattamente come accade per le vongole, questi molluschi possono diventare pericolosi se ingeriti in quantità.

Certo, se date ai vostri cani le capesante in porzioni ridotte o solo per un assaggio probabilmente non ci saranno conseguenze, tuttavia meglio evitare e somministrare a fido gli alimenti consentiti per la sua alimentazione. E se lui vi guarda con gli occhi dolci ricordate che quel NO è per la sua salute.

I cani possono mangiare le code di gamberi o i gusci?

Fido potrebbe essere tentato di mordicchiare code di gamberi o gusci ma questi possono rappresentare un rischio per la sua salute. Quello più comune riguarda il soffocamento: i gusci infatti possono trasformarsi in frammenti che soffocano se il cane non riesce a romperli.

Come regola generale, è meglio dimenticare quindi code di gamberi e gusci perché no, al cane non fanno sicuramente bene. Al contrario però, i cani possono mangiare i gamberetti, purché freschi e puliti in ogni sua parte.

Prodotti Consigliati dalla nostra Redazione: